Advertisement

Più di 135milioni di euro assegnati a progetti energetici da Horizon 2020

Migliorare la flessibilità della rete energetica, sostenere le Smart Cities, lo storage e le energie rinnovabili tra i principali obiettivi del Programma di sostegno di 14 progetti

INEA – Agenzia esecutiva per l’innovazione – ha firmato accordi di finanziamento per 14 progetti sviluppati nell’ambito delle Smart Cities, Smart communities e delle Reti intelligenti, Sistemi di accumulo.
Il progetto Energia 2016 Low-Carbon ha una dotazione di 135 milioni di euro che provengono dal programma Horizon 2020 per lo sviluppo di nuove soluzioni energetiche pulite.

Nella categoria Smart Cities e Communities sono stati dedicati due progetti con un finanziamento complessivo di € 36 milioni e con l’obiettivo di rendere le città europee più green e più vivibili e di proporre soluzioni innovative che possano essere replicate in altre aree urbane in Europa.

Nella categoria Smart grid e sistemi di accumulo rientrano invece 12 progetti che hanno ricevuto un finanziamento totale di € 99.000.000 con la finalità di contribuire a modernizzare la rete energetica europea attraverso lo sviluppo di soluzioni che integrano le energie rinnovabili, nuovi modelli di business.
Finora nel 2016, INEA ha firmato 43 accordi di finanziamento per progetti di energia Horizon 2020 del valore di quasi 275,5 milioni di €.
Tra i progetti finanziati il programma Ruggedised – Energia pulita per le città europee che ha l’obiettivo di realizzare spazi urbani alimentati esclusivamente da energia sicura, accessibile e rinnovabile, mobilità sostenibile, servizi intelligenti e domotici. Tra le città coinvolte anche Parma.
Un altro progetto sostenuto dal programma Horizon 2020 “EnergyKeeper” – ha la finalità di sviluppare e testare una batteria per lo stoccaggio di energia, sostenibile, intelligente ed economicamente competitiva, adattabile nella dimensione alle esigenze della comunità, così da riuscire a ottimizzare la loro domanda e offerta di energia, assicurando contemporaneamente la stabilità della rete elettrica. I partner del progetto sono Lituania, Germania, Spagna, Italia, olanda e Isrlaele.

C’è poi il programma Interflex che proporrà diversi scenari per responsabilizzare gli operatori di rete che distribuiscono l’energia tra i singoli consumatori, nella transizione verso sistemi energetici locali più flessibili.
Inea monitorerà i progressi durante l’intero ciclo di vita dei vari progetti realizzati da un consorzio di partner europei.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Incentivi e finanziamenti agevolati, Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento