IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Architetture sostenibili in legno: costruire secondo la filosofia eco-friendly

Architetture sostenibili in legno: costruire secondo la filosofia eco-friendly

Sostenibile e poliedrico: il legno è uno dei materiali più interessanti da utilizzare per realizzare architetture a impatto zero sull’ambiente

A cura di: Fabiana Valentini

 

Cosa significa sostenibilità e progettare in maniera "intelligente"? La bio architettura (anche definita architettura sostenibile) si pone come obiettivo quello di realizzare edifici il cui impatto ambientale sia minimo, garantendo, allo stesso tempo, il benessere  della natura e degli abitanti.

 

La bio architettura si avvale di materiali eco sostenibili a basso impatto sulla natura: il legno, per le sue qualità tecniche, diventa una delle risorse sostenibili più utilizzate in architettura.

 

Gli edifici vengono progettati seguendo delle norme di rispetto dell'ambiente e del suo ciclo naturale: per questo motivo si cerca di realizzare edifici che si integrino in modo armonioso nell'ambiente, riutilizzandone in maniera intelligente le risorse. 

 

Al tempo stesso la bio architettura si pone il problema di garantire uno spazio che sia confortevole, che soddisfi i bisogni e le esigenze dei suoi abitanti: comfort e risparmio energetico diventano due delle parole chiave per chi progetta "green".

 

Le architetture in legno si integrano perfettamente con l’ambiente circostante; un prolungamento armonico del paesaggio circostante.

 

Grazie a un’attenta progettazione è possibile realizzare delle strutture che utilizzino risorse naturali (per esempio il sole e il vento) per il funzionamento della casa: in questo modo è possibile ottenere il massimo del comfort senza dover utilizzare per troppo tempo il riscaldamento. Tutto ciò si traduce in un significativo abbattimento dei costi e nel risparmio in bolletta.

 

Costruire in maniera sostenibile significa utilizzare materiali naturali a basso impatto che non rechino danni all'ambiente. Inoltre è importante scegliere risorse che non inquinino sia nel processo di realizzazione che in quello di smaltimento, entrambi nocivi per la natura.

 

L’architettura sostenibile privilegia tecnologie e materiali naturali tenendo ben presente il loro ciclo di vita: nel caso del legno si favorisce l’utilizzo di una risorsa la cui gestione forestale è controllata e dove il numero di alberi utilizzati viene tenuto sotto controllo in maniera attenta. 

Perché scegliere il legno come materiale costruttivo 

Resistente, poliedrico, elegante. Questi e molti altri aggettivi caratterizzano il legno, uno dei materiali prediletti nelle architetture del passato. L’edilizi odierna sta “riscoprendo” questa risorsa: il legno gode infatti di  grandi caratteristiche funzionali oltre che estetiche.

 

Il legno trova il suo utilizzo ottimale in edilizia: tra le sue caratteristiche vi è la grande resistenza.

 

La bio architettura predilige questo materiale in quanto eco-friendly: il legno non è solamente resistente e durevole nel tempo, ma soprattutto è riciclabile e biodegradabile. Le strutture in legno si integrano in maniera armonica con il paesaggio in perfetta prosecuzione con esso; allo stesso tempo sono delle abitazioni che garantiscono il massimo del comfort e dell’isolamento termico.

 

Vediamo ora le caratteristiche tecniche e funzionali che portano alla scelta del legno nell’architettura sostenibile. In primis va menzionata la sua leggerezza: si tratta di un materiale che offre ai progettisti una grande libertà in termini costruttivi. Grazie alla sua struttura snella e facilmente lavorabile è possibile, infatti, realizzare strutture dagli ampi spazi e dal design accattivante.

 

Il legno si comporta molto bene se sottoposto a flessione e trazione: la sua resistenza lo rende interessante sia per la realizzazione di coperture che di pareti. Gli edifici realizzati con questo materiale presentano un ottimo comfort termo-acustico: la conducibilità termica del legno è molto bassa e ciò comporta un’efficace protezione dal freddo e dal caldo.

 

Il legno viene utilizzato per coibentare gli edifici in quanto garantisce un ottimo comfort termo-acustico.

 

Al contrario di quello che comunemente si può pensare, il legno resiste molto bene al fuoco: la sua combustione è più lenta di molti altri materiali e, in caso d’incendio, la struttura interna rimane protetta preservandone la staticità. L’autocombustione del legno, infatti, avviene attorno ai 300° diversamente da quanto avviene al cemento armato il quale si fonde già ai 200°.

 

La solidità del legno è evidente anche in caso di sisma: la sua struttura leggera ed elastica gli permette di assorbire le scosse del terremoto, consentendo di limitarne la portata sulla struttura della casa.

 

Il legno è diventato uno dei materiali di riferimento della nuova edilizia anche per la sua rapidità di costruzione: una struttura realizzata in legno comporta un minor tempo lavorativo rispetto ad altri materiali costruttivi. 

Esempi di sistemi costruttivi in legno

Il legno offre la possibilità di spaziare dal punto di vista progettuale: dopo aver approfondito le sue caratteristiche tecniche e funzionali spostiamo il focus sui sistemi costruttivi.

 

Il sistema costruttivo X-Lam, può essere la soluzione ideale sia per le nuove abitazioni a risparmio energetico che nell’ambito della riqualificazione urbana: Nordhaus propone i pannelli di X-Lam in quanto godono di ottime prestazioni nel campo dell’isolamento termico. 
 

Il sistema costruttivo a pannelli X-LAM è caratterizzato da pannelli multistrato in legno massiccio: tali elementi hanno uno spessore variabile e si ottengono incollando fra loro più lamelle con uno spessore medio di 2cm.

 

I pannelli in X-LAM vengono utilizzati in edilizia per realizzare coperture, pareti e solai fissate da connessioni di tipo meccanico. Questo sistema consente grande libertà progettuale in quanto i singoli pannelli vengono fissati tramite connessioni semplici e non necessitano di ulteriori finiture, come altrimenti accade per altre tipologie di costruzione.

 

Le costruzioni realizzate con la pannellatura X-LAM sono molto resistenti e rigide: tra le caratteristiche tecniche va menzionata, infatti, la capacità dell’X-LAM di sopportare i carichi e le sollecitazioni sismiche. 

Sistema a telaio

Rapidità nel montaggio, flessibilità e ottimizzazione nei tempi di costruzione: il sistema a telaio prevede la realizzazione di una struttura portante intelaiata i cui vuoti vengono coibentati da lana di roccia o da altro materiale isolante.

 

Il sistema a telaio è caratterizzato da grande rapidità nel montaggio e ridotti tempi di realizzazione della struttura.

 

Questa tecnologia, definita anche platform frame, è tra le più utilizzate nel campo edilizio in quanto consente una riduzione dei costi di lavoro e di manutenzione della struttura. Il sistema a telaio, infatti, non prevede un eccessivo utilizzo di legno, in quanto trovano largo impiego anche i materiali isolanti.

È evidente che questo sistema costruttivo è di per sé economico e di facile costruzione, oltre che performante dal punto di vista dell’isolamento termico.

Blockhaus: sistema in legno massiccio

Il sistema costruttivo Blockhaus arriva dai paesi nordici ed è utilizzato per realizzare abitazioni di tipo monofamiliare; esso è caratterizzato da particolare resistenza e solidità. A determinare la sua fama nel nord Europa ha contribuito la sua capacità di garantire un ottimo comfort termico agli abitanti. 

 

 
 
 
 
 
 
Nordhaus propone edifici realizzati con il sistema in legno massiccio blockhaus, un metodo costruttivo che consente di realizzare strutture in perfetta sintonia con la natura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra le altre caratteristiche occorre inoltre menzionare la robustezza, l’ottima resistenza agli eventi sismici e il basso rischio di incendio.

 

Solidità e ottime prestazioni in fatto di isolamento termico: Albe Case propone costruzioni realizzate secondo il sistema blockhaus.

 

Questa modalità costruttiva è caratterizzata dall’utilizzo di travi in legno massiccio (bi o trilama) con sezione squadrata o rotonda le quali presentano una lavorazione a incastro. Le travi sovrapposte vanno a formare le pareti della casa: a renderlo un sistema molto diffuso è la sua facilità di montaggio in quanto non necessita di ancoraggio oppure di colle.

 

Grazie alla metodologia costruttiva appare evidente che le abitazioni di questo genere siano vivibili e green: non necessitando di colle o altri materiali non vengono emesse sostanze tossiche per l’uomo. 

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
21/02/2018

Un grattacielo in legno di 70 piani

W350 Plan, che sarà costruito a Tokyo nei prossimi 20 anni, con i suoi 350 metri di altezza sarà il più alto grattacielo in legno mai realizzato, pensato con l'obiettivo di creare città rispettose dell'ambiente e che sfruttino una ...

12/02/2018

Un laboratorio riqualificato NZEB

TeicosLab è il primo edificio di Milano a uso laboratorio riqualificato come Nzeb e classificato in categoria A4+  

E’ stato inaugurato nei giorni scorsi a Milano TeicosLab, la nuova sede operativa di Teicos Group, ...

08/02/2018

Un hotel galleggiante ed ecofriendly sta per sorgere in Svezia

Ispirato all’epoca in cui il legno degli alberi veniva trasportato sui fiumi, l’hotel galleggiate “Artic Bath” promette paesaggi mozzafiato e impatto quasi zero sull’ambiente.     In Svezia, sul fiume Lule, sta per ...

07/02/2018

Gli edifici NZEB, caratteristiche e prestazioni

Venerdì 9 febbraio parte il TOUR sugli edifici NZEB, che necessitano di poca energia e vantano alte prestazioni, promosso e partecipato da SOLARTEG in collaborazione con l'ente organizzatore AssForm     Solarteg, in ...

06/02/2018

RiceHouse: il riso come risorsa edilizia del futuro

L’innovativa idea di Tiziana Monterisi ha vinto il premio speciale dell’Agenzia CasaClima nell’edizione 2018 di Klimahouse Startup Award, competizione incentrata sull’innovazione green e i giovani imprenditori del ...

31/01/2018

Un futuristico grattacielo in grado di ridurre lo smog

Il grattacielo green Tao Zhu Yin Yuan in Taiwan progettato dall’eco-architetto Vincent Callebaut pensato per diminuire le emissioni di CO2     Le metropoli asiatiche si sviluppano e crescono a vista d’occhio, proiettate sempre di ...

25/01/2018

Un eco resort che unisce design e ecologia

Naman Retreat Hay Hay è il resort eco-friendly di Vo trong Nghia Architects in corso di realizzazione nel cuore del Vietnam     Il Vietnam offre alcune delle spiagge più belle al mondo: qui sorge il resort lussureggiante che ...

23/01/2018

Cosa significa vivere in una PASSIVHAUS

Dal 2000 ad oggi l’Italia ha visto crescere il numero di edifici realizzati secondo lo standard Passivhaus. Il “Polo Scolastico di Collecchio” come studio applicativo     La panoramica di edifici realizzati secondo lo ...