IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Dall'UE un piano d'azione per lo sviluppo dell'energia dall'oceano

Dall'UE un piano d'azione per lo sviluppo dell'energia dall'oceano

Realizzare il potenziale dell'energia oceanica dei mari europei entro il 2020 e oltre

La Commissaria europea per gli Affari marittimi e la pesca, Maria Damanaki, ha presentato insieme a Günther Oettinger, Commissario europeo responsabile per l'Energia, un nuovo piano d'azione pensato per facilitare lo sviluppo del settore dell'energia oceanica rinnovabile in Europa. In particolare un maggiore ricorso all'energia oceanica potrebbe contribuire alla decarbonizzazione dell'economia dell'Ue, fornire un'energia rinnovabile sicura e affidabile ed aiutare il conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020, nonché degli obiettivi a lungo termine dell'UE in materia di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.

L'energia oceanica include tutte le tecnologie per la raccolta delle energie rinnovabili provenienti dai mari e dagli oceani, ad eccezione dell'energia eolica offshore. Parliamo delle tecnologie legate al flusso del moto ondoso e all'ampiezza delle maree o degli impianti eolici galleggianti offshore.

Le risorse energetiche oceaniche, disponibili a livello mondiale, superano il nostro fabbisogno energetico attuale e futuro e potrebbero essere raccolte in molte forme, come l’energia del moto ondoso e l’energia mareomotrice. 

Si tratta di un settore dall’enorme potenziale, per la crescita economica e l’occupazione, la Commissione ha però individuato una serie di aspetti che vanno esaminati per permettere al settore di crescere e di diventare competitivo. Per esempio i costi tecnologici sono elevati ed è difficile l’accesso ai finanziamenti; ci sono ostacoli infrastrutturali, tra cui i problemi di collegamento alla rete o l’accesso ad adeguate strutture portuali e a navi specializzate; le procedure di autorizzazione e di licenza sono molto complesse; e ci sono problemi ambientali, come la necessità di intensificare la ricerca e di disporre di migliori informazioni sugli impatti ambientali per attenuare gli effetti negativi che gli impianti per lo sfruttamento dell'energia oceanica possono avere sugli ecosistemi marini.

Il piano d’azione per l’energia oceanica avrà dunque come elemento centrale la creazione di un Forum che riunisca gli operatori del settore e gli altri soggetti interessati inteso a favorire la condivisione delle conoscenze e delle competenze esistenti, a creare sinergie, a elaborare soluzioni creative e a dare impulso al futuro sviluppo del settore.  Il Forum sarà organizzato secondo tre linee di intervento: Tecnologia e risorse, Questioni amministrative e finanziamento e Ambiente.
Sulla base dei risultati emersi dal Forum sull'energia oceanica verrà elaborata una tabella di marcia strategica recante obiettivi chiari per lo sviluppo industriale del settore nonché un calendario per la loro realizzazione.

Sulla base degli esiti del Forum sull'energia oceanica potrebbe poi essere avviata un'iniziativa industriale europea.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
25/06/2018

Risparmio energetico di luce e gas: come contenere i consumi e rispettare lambiente

Qualche consiglio pratico per evitare sprechi energetici nei consumi domestici di luce e gas   a cura di Fabiana Valentini     Luce e gas, quanto mi costate! Nel 2018 le bollette sono diventate ancor più salate rispetto agli anni ...

20/06/2018

In che modo l'evoluzione del sistema energetico influenzer l'esigenza di stoccaggio di energia?

L'Associazione europea per lo stoccaggio dell'energia (EASE) ha pubblicato uno studio che stima la capacità di stoccaggio necessaria per consentire all'Europa di raggiungere i propri obiettivi di decarbonizzazione.     Pubblicato da ...

12/06/2018

L'italia pu arrivare al 59% di elettricit da rinnovabili entro il 2030

Un nuovo studio dell'European Climate Foundation mostra che per l'Italia le tecnologie pulite meno costose rappresentano un'opportunità capace di stimolare maggiori ambizioni in materia di clima ed energia, in linea con gli obiettivi dell'accordo di ...

11/06/2018

Gli effetti dell'economia circolare per la sostenibilit ambientale

Un innovativo studio evidenzia che l'economia circolare potrebbe consentire di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 2°C e ridurre le emissioni industriali dell'UE di oltre la metà entro il 2050     La ricerca ...

06/06/2018

A che punto la transizione verso le energie rinnovabili?

Il 2017 è stato un anno record per le energie rinnovabili, grazie a riduzione dei costi, aumento degli investimenti e progressi delle tecnologie. Ma la transizione energetica non sta avvenendo abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi per il ...

06/06/2018

Passivhaus Days 2018

Un'iniziativa che si svolge in tutta Europa che ha l'obiettivo di far conoscere a progettisti e utenti un nuovo modo di costruire e abitare, secondo il protocollo costruttivo Passivhaus.     Dall'8 al 10 giugno committenti e ...

05/06/2018

Approvate le norme sulla diminuzione dell'inquinamento

Approvato dal CDM del 29 maggio il decreto legislativo che promuove il raggiungimento di livelli di qualità dell’aria che non creino problemi alla salute e all'ambiente     Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso ...

05/06/2018

REBUILD 2018, linnovazione radicale

Per decarbonizzare l’edilizia la strada è ancora lunga. Ma REbuild 2018 ha dimostrato, esperienze alla mano, che si può fare. Ma occorre vincere ancora numerose resistenze, che non appartengono solo al settore delle costruzioni del nostro ...