IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Dall'UE un piano d'azione per lo sviluppo dell'energia dall'oceano

Dall'UE un piano d'azione per lo sviluppo dell'energia dall'oceano

Realizzare il potenziale dell'energia oceanica dei mari europei entro il 2020 e oltre

La Commissaria europea per gli Affari marittimi e la pesca, Maria Damanaki, ha presentato insieme a Günther Oettinger, Commissario europeo responsabile per l'Energia, un nuovo piano d'azione pensato per facilitare lo sviluppo del settore dell'energia oceanica rinnovabile in Europa. In particolare un maggiore ricorso all'energia oceanica potrebbe contribuire alla decarbonizzazione dell'economia dell'Ue, fornire un'energia rinnovabile sicura e affidabile ed aiutare il conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020, nonché degli obiettivi a lungo termine dell'UE in materia di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.

L'energia oceanica include tutte le tecnologie per la raccolta delle energie rinnovabili provenienti dai mari e dagli oceani, ad eccezione dell'energia eolica offshore. Parliamo delle tecnologie legate al flusso del moto ondoso e all'ampiezza delle maree o degli impianti eolici galleggianti offshore.

Le risorse energetiche oceaniche, disponibili a livello mondiale, superano il nostro fabbisogno energetico attuale e futuro e potrebbero essere raccolte in molte forme, come l’energia del moto ondoso e l’energia mareomotrice. 

Si tratta di un settore dall’enorme potenziale, per la crescita economica e l’occupazione, la Commissione ha però individuato una serie di aspetti che vanno esaminati per permettere al settore di crescere e di diventare competitivo. Per esempio i costi tecnologici sono elevati ed è difficile l’accesso ai finanziamenti; ci sono ostacoli infrastrutturali, tra cui i problemi di collegamento alla rete o l’accesso ad adeguate strutture portuali e a navi specializzate; le procedure di autorizzazione e di licenza sono molto complesse; e ci sono problemi ambientali, come la necessità di intensificare la ricerca e di disporre di migliori informazioni sugli impatti ambientali per attenuare gli effetti negativi che gli impianti per lo sfruttamento dell'energia oceanica possono avere sugli ecosistemi marini.

Il piano d’azione per l’energia oceanica avrà dunque come elemento centrale la creazione di un Forum che riunisca gli operatori del settore e gli altri soggetti interessati inteso a favorire la condivisione delle conoscenze e delle competenze esistenti, a creare sinergie, a elaborare soluzioni creative e a dare impulso al futuro sviluppo del settore.  Il Forum sarà organizzato secondo tre linee di intervento: Tecnologia e risorse, Questioni amministrative e finanziamento e Ambiente.
Sulla base dei risultati emersi dal Forum sull'energia oceanica verrà elaborata una tabella di marcia strategica recante obiettivi chiari per lo sviluppo industriale del settore nonché un calendario per la loro realizzazione.

Sulla base degli esiti del Forum sull'energia oceanica potrebbe poi essere avviata un'iniziativa industriale europea.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/07/2017

Record Costa Rica con il 99,35% di elettricit da fonti rinnovabili

Nei primi 6 mesi del 2017 in Costa Rica il fabbisogno energetico è stato soddisfatto quasi esclusivamente dalle fonti rinnovabili.     Il Costa Rica, paese dell'America Centrale situato tra Nicaragua e Panama, da ormai parecchio tempo ...

20/07/2017

Per cedere le detrazioni fiscali c la piattaforma Creditswap

I benefici energetici e fiscali aumentano se si pianificano interventi più incisivi di riqualificazione. La piattaforma Harley&Dikkinson per ottimizzare l'incontro fra domanda e offerta        La Legge di Bilancio 2017 ...

20/07/2017

Tour Marachre, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

19/07/2017

Eco materiali per edifici pi efficienti e sani

Un progetto europeo mostra il potenziale ancora non sfruttato dei materiali ecologici naturali per migliorare la qualità interna degli ambienti     Il tema dell’efficienza energetica degli edifici è prioritario nelle ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

14/07/2017

Il Sud Italia brucia, i danni per lambiente forse irreparabili

Una tragedia per la biodiversità, per lo più opera di piromani, con danni ancora non quantificabili per il territorio e gravi conseguenze per l’economia e le aziende     Dal Lazio fino alla Sicilia, il Sud Italia in questi ...

13/07/2017

Cresce il comparto delle case in legno, belle ed efficienti

Nel 2015 una casa su 14 in legno, Italia al 4° posto in Europa, il made in Italy sempre più apprezzato anche all'estero     Il Centro Studi Federlegno Arredo Eventi ha presentato il 2° Rapporto Case ed Edifici in Legno che mostra ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...