IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Decreto Competitività: riduzione incentivi per gli impianti fotovoltaici oltre i 200 kW

Decreto Competitività: riduzione incentivi per gli impianti fotovoltaici oltre i 200 kW

Taglio bollette per 1,5 MLD, confermato lo spalma incentivi per i grandi impianti

Il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi ha presentato, insieme al  Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, il Decreto Misure per la Competitività, che prevede un pacchetto da 3 miliardi, di cui la metà di tagli alle bollette a favore di imprese (70%) e famiglie (30%), disposti tra decreto legge e decreti attuativi e la metà di incentivi fiscali agli investimenti produttivi e alla capitalizzazione d’azienda.
Il governo intende raggiungere l’obiettivo, a regime nel 2015, di ridurre la spesa elettrica delle piccole e medie imprese del 10%.
Il Ministro Guidi ha sottolineato che il governo vuole garantire una maggiore equità nella bolletta, eliminare le rendite, tagliando i sussidi alle fonti fossili e  rimodulando gli incentivi alle fonti rinnovabili; eliminare i sussidi incrociati ingiustificati; far funzionare la concorrenza; rafforzare controlli su chi percepisce incentivi

Il decreto legge contiene i seguenti provvedimenti:

  • Più efficienza nelle isole minori
  • Rimodulazione sconti alla rete ferroviaria
  • Stop socializzazione sconti ex dipendenti società di distribuzione
  • Semplificazioni amministrative per i piccoli produttori di rinnovabili (fotovoltaico, efficienza energetica, biometano)
  • Rimodulazione incentivi per il fotovoltaico di grandi dimensioni
  • Compartecipazione oneri per reti private
  • Costi di funzionamento Gse a carico di chi ne usa i servizi

Revisione degli incentivi al fotovoltaico
Nel corso della conferenza stampa il ministro Guidi ha assicurato che il decreto con cui vengono rimodulati gli incentivi al fotovoltaico per arrivare a un taglio delle bollette di 1,5 miliardi per le Pmi non ha nessun intento punitivo ma ha l’obiettivo di garantire una maggiore equità nella bolletta.
“Il decreto - si legge sul sito del Ministero - non penalizza il fotovoltaico ma attenua i colossali incentivi (oltre 6 miliardi di euro l’anno per un ventennio) erogati a favore dei grandi operatori con la stessa logica che ha portato a far pagare di più chi ha ricevuto di più, ad esempio negli investimenti finanziari speculativi (la recente maggiorazione della ritenuta sulle plusvalenze realizzate in Borsa). Gli interventi toccano soltanto gli 8.600 soggetti (su un totale di 200.000 operatori) che percepiscono il 60% degli incentivi e che potranno optare per una erogazione in 24 anni anziché 20 (con contestuale sostegno creditizio) oppure per una equivalente autoriduzione degli incentivi erogati su 20 anni. Per i piccoli produttori fotovoltaici vengono invece previste agevolazioni e misure di liberalizzazione”.

In particolare i titolari di impianti > 200 kW - circa 8.600 soggetti su un totale di circa 200.000 degli operatori che percepisce però il 60% degli  incentivi - saranno chiamati a optare per un’erogazione dell’incentivo su 24 anni (piuttosto che su 20 anni), ovvero per una riduzione di ammontare  equivalente all’incentivo, erogato su 20 anni. Nel caso di allungamento a 24 anni sarà possibile beneficiare di provvista dedicata o di garanzia CDP.
Sono invece previste semplificazioni a favore dei  piccoli produttori, tra cui  l’introduzione di un modello unico per le comunicazioni, la riduzione dei documenti da presentare, la liberalizzazione degli impianti sui tetti di edifici non vincolati.

 

Vedremo quali saranno le reazioni delle Associazioni che in questo periodo si sono espresse molto duramente contro  lo "spalma-incentivi" proponendo misure alternative, che evidentemente il Governo non ha voluto prendere in considerazione. Ricordiamo che nei giorni scorsi Valerio Onida, Presidente della Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità di un simile provvedimento che "violerebbe sia le norme costituzionali in materia di retroattività e di tutela dell’affidamento, sia gli obblighi internazionali".

 

Le altre misure riguardano:

  • Riduzione interrompibilità
  • Attuazione spalmatura per rinnovabili non FV
  • Adeguamento regole di mercato (in particolare introduzione prezzi negativi)
  • Interventi contro abusi di potere di mercato
  • Intensificazione controlli sui beneficiari degli incentivi
  • Riduzione colli di bottiglia sulla rete e riduzioni impianti essenziali
  • Regole più stringenti nella remunerazione delle reti elettriche nel nuovo periodo regolatorio
  • Realizzazione infrastrutture strategiche

Nel settore gas è prevista l'eliminazione dei sussidi alle centrali a olio e regole più stringenti nella remunerazione delle reti gas nel nuovo periodo regolatorio.

Federica Guidi, Ministro dello Sviluppo Economico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
26/07/2017

La macchina ibrida alimentata da fotovoltaico

Panasonic e Toyota hanno siglato una partnership ed è ora disponibile la Prius PHV un'auto ibrida a energia solare   Il futuro è già iniziato e sono sempre di più le applicazioni dei pannelli fotovoltaici non solo per ...

25/07/2017

Eindhoven raccoglie la sfida della sostenibilità con Nieuw Bergen

Il progetto di tetti verdi e giardini tascabili di MRVD e SDK      Eindhoven non perde un colpo in fatto di sostenibilità. Nieuw Bergen è il nome del progetto ipermoderno che ridisegna un'area di 29.000 metri ...

24/07/2017

Approvata dalla Camera la riforma energivori con qualche criticità

Il disegno di legge approvato dalla Camera Legge europea 2017 prevede novità su energivori e aste neutre per le rinnovabili.     La Camera ha approvato con 259 voti favorevoli il disegno di legge: Disposizioni per l'adempimento ...

21/07/2017

Fotovoltaico e grid parity, ci siamo!

Quali sono le opportunità che oggi offre il settore fotovoltaico anche in termini di impianti industriali? Qual è lo scenario possibile per i prossimi anni? Quanto è vicina la grid parity?     Si è svolto a Milano PV ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

17/07/2017

Il GSE sospende gli effetti delle verifiche per impianti fv non certificati

Per gli impianti fotovoltaici di potenza compresa tra 1 e 3 kW, il GSE ha sospeso gli effetti dei provvedimenti di verifica, in attesa del completamento dell’iter parlamentare del DDL “Legge annuale per il mercato e la ...

11/07/2017

Nei prossimi 4 anni 2GW di nuovi impianti per il fotovoltaico italiano

Le fonti rinnovabili sul mix energetico in Italia oggi hanno raggiunto quota 38.5%. Il fotovoltaico italiano nella top 5 mondiale per base installata. Quanto è vicina la grid parity?   A cura di Damiano Cavallaro - Energy&Strategy ...

10/07/2017

Le rinnovabili tornano a crescere: +66% nei primi 5 mesi del 2017

Grazie agli impianti di grande taglia le FER nel periodo gennaio/maggio raggiungono 432 MW. L’Osservatorio Anie Rinnovabili    
Pubblicato da Anie Rinnovabili il consueto Osservatorio sulle energie rinnovabili elaborato su dati ...