IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Klima Hotel Milano Fiere, design e sostenibilità energetica

Klima Hotel Milano Fiere, design e sostenibilità energetica

A Milano è stato da poco inaugurato Klima Hotel Milano Fiere, il primo albergo della città di categoria 4 stelle Superior in Classe A, che vanta un consumo energetico attestato in 20 kWh/m2/anno grazie all’utilizzo di fonti di energia rinnovabile. L'albergo sorge all’entrata dell’Area Expo 2015, nelle vicinanze della fiera di Rho Pero ed è è composto da sedici piani fuori terra e tre piani interrati adibiti a parcheggio. La struttura ospita 115 camere, business center con varie sale meeting, bar e ristorante e, a partire dalla metà del 2013, un Centro Benessere.

 

Il prospetto principale della torre di Klima Hotel Milano Fiere è stato completamente rivestito da pannelli fotovoltaici che producono energia elettrica in quantità tale da soddisfare buona parte del fabbisogno energetico per il funzionamento del sistema di climatizzazione e di altri servizi dell’Hotel. Sulla facciata opposta è stato progettato  un giardino verticale alimentato da un impianto di fertirrigazione. L’edificio è stato coibentato tramite una facciata ventilata in gres porcellanato che contribuisce alla riduzione dei consumi energetici per la climatizzazione dell’Hotel. Nel parcheggio esterno sono state predisposte due colonnine che forniscono energia elettrica  per la ricarica di auto e moto elettriche.

 

L’Hotel ha ottenuto la certificazione in classe energetica A grazie alle innovazioni impiantistiche utilizzate per la climatizzazione della struttura. Il sistema, di tipologia a recupero di calore a tre tubi, è composto da 27 motocondensanti Daikin VRV III P COMPACT da 8 e 10 HP a servizio di camere e sale meeting della torre, e delle camere, ristorante, hall e ambienti wellness della “zona bassa”. Tre chiller Daikin, il più grande dei quali della potenza di 120 kW termici, sono di tipologia multiscroll, on-off, e garantiscono alte temperature in mandata con rese eccellenti per la produzione di acqua fredda e acqua calda. Il sistema di monitoraggio VDA, posizionato al banco della reception, comunica con il sistema Daikin attraverso il linguaggio Lonworks ed è in grado di rilevare le temperature di ingresso e di uscita, i vari setpoint di ventilazione e di temperatura, nonché le possibili anomalie. La produzione di acqua calda sanitaria è fornita da una caldaia a condensazione e da un impianto solare termico di 90 m2 di superficie.

Clima ‘on demand’ in ogni ambiente

L’estrema flessibilità di funzionamento dell’impianto in pompa di calore a recupero di calore a tre tubi permette di soddisfare il riscaldamento e il raffrescamento in maniera indipendente nelle singole zone. L’utente che può decidere quale temperatura avere in camera (o in altro ambiente), in completa autonomia rispetto l’impostazione dell’intero sistema. La soluzione impiantistica può essere inoltre impostata in modalità automatica selezionando una temperatura specifica con soglie di intervento variabili di 1°-2° C. In ogni camera dell’albergo è stato installato un comando a filo VDA che permette all’utente di impostare la temperatura desiderata. Oltre a questo dispositivo è stato predisposto un sensore di temperatura in campo che consente di ottenere un adeguamento più veloce della temperatura richiesta e l’istantanea commutazione tra caldo e freddo.

 

Recupero di calore da un ambiente all’altro a consumo zero

Il sistema a recupero di calore adottato trasferisce il caldo o il freddo ‘recuperandoli’ da un ambiente per sfruttarli in un altro, come avviene, ad esempio, nell’ampio locale che ospita la hall, la lobby e le due sale meeting annesse, suddiviso in 4 zone climatiche. In questo ambiente multifunzione, esposto su quattro lati con numerose vetrate, il mantenimento delle temperature impostate e raggiunte tramite l’intervento dell’unità esterna dedicata è parzialmente garantito dal sistema di recupero. Il meccanismo permette di trasferire energia termica in scambio da una zona riscaldata a una zona raffreddata e viceversa senza l’apporto di energia elettrica del motore esterno.

 

Rispetto a una soluzione di tipo idronico, il sistema in pompa di calore a recupero di calore a tre tubi permette di ottenere una grande efficienza energetica grazie al trasferimento del calore all’interno dell’edificio, dalle zone raffreddate alle zone riscaldate e viceversa. In questo modo non viene dissipata energia elettrica da parte dell’unità esterna e si ha un risparmio sui costi di gestione di circa il 15%.

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/07/2017

Polo d’eccellenza made in Italy a Nairobi

In via di realizzazione a Nairobi un centro ospedaliero d’avanguardia realizzato in una zona green nel rispetto dell’ambiente     E’ stato presentato nei giorni scorso l’East African Kidney Institute Centre of Excellence ...

20/07/2017

Riqualificazione efficiente secondo il protocollo CasaClima R

Il progetto vincitore del concorso Viessmann 2016 per la riqualificazione energetica e il miglioramento del comfort abitativo interno di un edificio a Riccione       Lo Studio Tecnico Associato Newton è stato premiato lo ...

20/07/2017

Tour Maraîchère, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

14/07/2017

Per le situazioni di emergenza la casa è rinnovabile e autosufficiente

LIFEHAUS è un progetto che sviluppa abitazioni neutrali a basso consumo energetico e autosufficienti, partendo da materiali di riciclo.
     L'architetto libanese Nizar Haddad ha realizzato il progetto LIFEHAUS ovvero ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

12/07/2017

Casa Smart Plus a emissioni quasi 0

Un sistema costruttivo innovativo che assicura contenimento dei consumi, risparmio in bolletta e utilizzo esclusivo di energie rinnovabili     Presentato recentemente a Casale sul Sile, in provincia di Treviso, il primo cantiere aperto Casa ...

12/07/2017

Eco-villaggio sostenibile H20S in Senegal

Nasce l’eco-villaggio progettato dallo studio veneziano TAMassociati all’insegna dell’ecologia e dello sviluppo comunitario.       In un territorio come quello africano desertificazione ed emigrazione sono solo alcuni dei ...