IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > UE: per le energie rinnovabili necessario migliorare i programmi di spesa

UE: per le energie rinnovabili necessario migliorare i programmi di spesa

Una relazione della Corte dei conti europea evidenzia che per raggiungere gli obiettivi del 2020 per le energie rinnovabili si devono utilizzare meglio i fondi

La Corte dei conti europea ha pubblicato una relazione che evidenzia la necessità di migliorare i programmi di spesa dell’UE per le energie rinnovabili affinché i fondi UE contribuiscano il più possibile al raggiungimento degli obiettivi fissati per il 2020. “Gli Stati membri dell’UE si sono prefissi obiettivi ambiziosi per le energie rinnovabili che potranno essere sostenuti in maniera significativa dai fondi UE solo apportando miglioramenti alla gestione dei programmi di spesa”, ha dichiarato Ladislav Balko, il membro della Corte responsabile di questa relazione.

In particolare la Corte dei Conti ha valutato se il Fondo europeo di sviluppo regionale e il Fondo di coesione, che  rappresentano le due più importanti fonti di finanziamento tra i programmi di spesa dell’UE per promuovere le energie rinnovabili, abbiano ottenuto buoni risultati e se nel periodo 2007-2013 i fondi siano stati assegnati a progetti in materia di energie rinnovabili scelti in base a priorità ben definite, e che i programmi finanziati siano stati efficaci nel contribuire al raggiungimento degli obiettivi fissati dall’UE per il 2020 riguardanti l’energia proveniente da fonti rinnovabili.
Nel suo esame la Corte ha constatato che la maggior parte dei progetti controllati hanno prodotto le realizzazioni previste, e che erano sufficientemente maturi quando sono stati selezionati e non vi sono stati significativi ritardi nei progetti. Tuttavia la relazione invita a migliorare i programmi di spesa per renderli realmente efficaci dal punto di vista di costi e benefici, "i risultati attesi in materia di produzione energetica non sono stati sempre raggiunti o non sono stati adeguatamente misurati. L’efficienza complessiva del sostegno dei fondi della politica di coesione ai progetti di produzione di energia da fonti rinnovabili è stata modesta sotto il profilo del contributo al raggiungimento degli obiettivi specifici fissati dalla UE per il 2020, in quanto l’efficienza non è stata il principio-guida nella pianificazione e nell’attuazione dei progetti di produzione di energia da fonti rinnovabili, e il valore aggiunto UE apportato dai fondi della politica di coesione è stato modesto".

L’efficienza complessiva del sostegno dei fondi della politica di coesione ai progetti di produzione di energia da fonti rinnovabili è stata modesta sotto il profilo del contributo al raggiungimento degli obiettivi specifici del 20% per la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili sul consumo finale lordo di energia da raggiungere entro il 2020, sulla base della “Tabella di marcia per le energie rinnovabili” fissati dall’UE.
Per il periodo di programmazione 2007 - 2013, sono stati stanziati dai fondi UE della politica di coesione circa 4,7 miliardi di euro per l’energia da fonti rinnovabili

Gli auditor della Corte raccomandano quanto segue:

  • la Commissione deve far sì che i futuri programmi in materia di energie rinnovabili cofinanziati nell’ambito della politica di coesione siano guidati dal principio dell’efficienza, evitando anche l’effetto inerziale. I programmi devono essere basati su una corretta valutazione delle esigenze, un’attribuzione di priorità alle tecnologie più efficienti (pur non discriminando tra i settori delle energie rinnovabili) e un contributo ottimale al raggiungimento degli obiettivi per le energie rinnovabili che l’UE si è prefissa per il 2020. Devono essere stabiliti obiettivi adeguati in termini di produzione di energia da fonti rinnovabili in relazione alla dotazione finanziaria, nonché criteri di selezione dei progetti con un’attenzione particolare all’efficienza dei risultati della produzione di energia (evitando una sovra-compensazione dei progetti);
  • la Commissione deve promuovere l’istituzione, da parte degli Stati membri, di quadri normativi stabili e prevedibili per le energie rinnovabili in generale, nonché rendere più snelle le procedure per l’immissione in rete dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili; e
  • gli Stati membri dovrebbero elaborare ed applicare, in base ad orientamenti della Commissione, criteri minimi di efficienza adattati al contesto dei progetti. Gli Stati membri dovrebbero inoltre accrescere il valore aggiunto dei fondi della politica di coesione, migliorando l’attuazione dei progetti in materia di energie rinnovabili, nonché il monitoraggio e la valutazione, e costruendo un archivio dei dati misurati relativi ai costi di produzione di energia in tutti i settori delle energie rinnovabili.

 

Scarica la relazione "Il sostegno dei fondi della politica di coesione alla produzione di energia da fonti rinnovabili ha ottenuto buoni risultati?"

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/08/2017

Continua il viaggio intorno al mondo del catamarano 100% rinnovabile

Ha iniziato a navigare da metà luglio la prima imbarcazione al mondo a zero emissioni alimentata da idrogeno       E’ partito lo scorso 15 luglio da Parigi e in 6 anni di navigazione approderà in 50 paesi e in 101 porti ...

16/08/2017

Il mercato delle ristrutturazioni guidato dai nuovi acquirenti

Il 2017 si preannuncia come anno record per gli interventi di ristrutturazione edilizie, soprattutto da parte dei nuovi proprietari       Houzz & Home, piattaforma specializzata a livello mondiale per la ristrutturazione e la ...

11/08/2017

Quando cambiare gli infissi?

Una guida realizzata da Pavanello Serramenti aiuta gli utenti a capire quale sia il momento giusto per sostituire gli infissi della propria abitazione       Come sappiamo gli interventi di riqualificazione possono migliorare notevolmente ...

10/08/2017

Una proposta del PE per limitare la deforestazione

E’ necessario salvaguardare le foreste che in Europa assorbono circa il 10.9% di tutti i gas serra emessi ogni anno.       Il ruolo delle foreste nella lotta al cambiamento climatico è fondamentale perché attraverso la ...

03/08/2017

La posizione delle Regioni sulla SEN 2017

Le regioni esprimono parere positivo sulla SEN ma richiedono una semplificazione delle procedure per l'installazione delle rinnovabili sul territorio        La Conferenza della Regioni delle Regioni e delle Province autonome del 27 ...

02/08/2017

2 agosto: abbiamo finito le risorse rinnovabili

Oggi è l’Overshoot Day 2017, ovvero il giorno che segna l’inizio del debito ecologico a causa dell’eccessivo sfruttamento del pianeta     L’organizzazione di ricerca internazionale Global Footprint Network come ...

27/07/2017

Il gruppo Caleffi acquisisce rubinetterie Cristina

Il Gruppo Caleffi, specializzato nella componentistica per impianti di riscaldamento, condizionamento e idrosanitari, annuncia l'acquisizione di Cristina, azienda che produce rubinetteria di alta qualità     Il Gruppo Caleffi cresce ...

25/07/2017

Allarme Assoclima per il mercato delle pompe di calore

L'improvviso aumento dei prezzi di alcuni gas refrigeranti HFC utilizzati per il funzionamento di climatizzatori e pompe di calore rischia di mettere in ginocchio il settore     L’industria dei sistemi di climatizzazione da molto tempo si ...