IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Unione Petrolifera: previsioni di domanda energetica e petrolifera italiana 2009 - 2020

Unione Petrolifera: previsioni di domanda energetica e petrolifera italiana 2009 - 2020

L'Unione Petrolifera (UP) ha pubblicato le "Previsioni di domanda energetica e petrolifera italiana" per il periodo 2009- 2020, un quadro d'analisi dettagliato che passa anche attraverso il setaccio della crisi economica. Un'influenza che si fa sentire da subito a livello della domanda di energia primaria che dai 187,8 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Tep) del 2008, secondo UP, scenderà "a 182,6 nel 2010, per poi recuperare, grazie alla ripresa del ciclo economico espansivo, giungendo a 191,2 nel 2015 e a 195,3 nel 2020". Stabile sui 338 TWh la richiesta elettrica fino al 2010, per poi riprendere a salire raggiungendo i 409 nel 2020.
In merito all'incidenza delle singole fonti primarie sul totale del consumo energetico, l'Up prevede modificarsi sensibilmente l'attuale relazione, con un ridimensionamento del peso del petrolio a favore del gas naturale, che nel 2014 supererà il greggio e delle energie rinnovabili, ma solo a partire dal 2014-2015 per toccare nel 2020 una produzione di 92000 GWh. Niente da fare per l’energia nucleare, afferma l'UP che non fornirà alcun contributo al fabbisogno energetico italiano da qui al 2020, mentre rimane costante il ruolo del carbone.
Ridimensionata la diffusione di vetture ibride ed con fuel cell ad idrogeno "soprattutto per motivi di costi ancora elevati delle stesse, che ne impediscono la diffusione su scala più ampia", la cui crescita seppur limitata permetterà al parco alimentato a benzina di scendere dai 19,1 milioni di unità del 2008 fino 15,3 milioni circa del 2020.
"La forte contrazione dei consumi energetici nel breve termine, – continua il rapporto – dovuta all’attuale frenata economica ha come riflesso positivo la diminuzione delle emissioni di CO2". Un calo transitorio, che non manterrà a lungo il livello di flessione. La progressiva sostituzione del petrolio con il gas naturale, un sensibile ulteriore miglioramento dell’efficienza e delle rinnovabili insieme alla realizzazione di impianti per la cattura e lo stoccaggio della CO2, porteranno nel 2020 ad calo del 5% rispetto al 2005, valore purtroppo ancora superiore del 9% rispetto a quelle del 1990. 

Fonte www.repubblica.it
 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
11/12/2017

Una banca dati per monitorare le politiche di efficienza energetica

IEA ha realizzato un database utilizzando una serie di indicatori per misurare l'efficienza energetica nei vari paesi nei settori residenziale, trasporti, servizi e industria manifatturiera    Per monitorare l'efficacia delle politiche di ...

06/12/2017

Allarme siccit dal CNR, mai come nel 2017

Il 2017 è stato l'anno più secco dal 1800 e il 4° più caldo, con temperature di +1.3°C al di sopra della media. I dati del Consiglio Nazionale delle Ricerche        L'anno meteorologico va da ...

06/12/2017

Nella SEN priorit a efficienza energetica

Daniela Petrone, Vice Presidente ANIT, ci propone un'interessante analisi della SEN, considerando obiettivi e priorità di azione mirati al 2030, con particolare riguardo ai temi dell'efficienza energetica     La Strategia Energetica ...

05/12/2017

Le nuove opportunit di crescita di Centrica Business Solutions

ENER-G si trasforma in Centrica Business Solutions mantenendo lo stesso servizio di eccellenza e le medesime competenze e soluzioni energetiche già presenti oggi sul mercato       In occasione ...

04/12/2017

Legge di Bilancio 2018, emendamenti approvati dal Senato per l'edilizia

Si è concluso l'esame in Senato del testo finale della legge di bilancio 2018. Per i condomini la soglia di detrazione prevista per ogni inquilino sale a 40.000 euro     Il Senato nella seduta del 30 novembre ha dato il via ...

01/12/2017

Condominio PI, risparmio dalla riqualificazione degli edifici esistenti

Convenienza economica e risparmio garantito grazie al sistema di Riqualificazione Energetica dei condomini esistenti promosso da RETE IRENEe Legambiente        RETE IRENE propone, in collaborazione con Legambiente Lombardia, la ...

01/12/2017

Pi occupazione e meno emissioni con ledilizia green

130.000 posti di lavoro, meno emissioni di CO2, risparmi in bolletta e benessere abitativo. Avete ancora dei dubbi se investire nell'edilizia green?
I dati recentemente presentati nel primo “Studio sull’innovazione energetica negli ...

30/11/2017

Soluzioni di riqualificazione energetica dei centri commerciali

Il progetto EU CommONEnergy coordinato da EURAC Research ha studiato una serie di soluzioni in grado di diminuire i consumi elettrici nei centri commerciali di oltre il 40%, tagliando le emissioni di CO2  
  Un progetto europeo ...