Credito d’imposta per l’installazione dei sistemi di accumulo, definite le modalità

Pubblicato dall’Agenzia delle Entrate il Provvedimento che stabilisce le modalità, i termini e il contenuto dell’istanza per il riconoscimento del credito d’imposta per le spese sostenute nel 2022 per l’installazione di sistemi di accumulo integrati in impianti di produzione elettrica alimentati da fonti rinnovabili. Domande dal 1° marzo 2023 al 30 marzo 2023.

Credito d'imposta per l'installazione dei sistemi di accumulo, definite le modalità

E’ stato pubblicato l’11 ottobre dall’Agenzia delle Entrate il Provvedimento “Definizione delle modalità, dei termini di presentazione e del contenuto dell’istanza per il riconoscimento del credito d’imposta di cui all’articolo 1, comma 812, della legge 30 dicembre 2021, n. 234, per le spese sostenute relative all’installazione di sistemi di accumulo integrati in impianti di produzione elettrica alimentati da fonti rinnovabili“. Oltre al Provvedimento l’Agenzia ha pubblicato il Modello per la richiesta del credito di imposta e le Istruzioni per la compilazione.

Il Documento, in attuazione del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 6 maggio 2022, definisce dunque le modalità, i termini di presentazione e il contenuto dell’istanza per il riconoscimento del credito d’imposta per le spese sostenute nel 2022 per l’installazione di sistemi di accumulo integrati in impianti alimentati da rinnovabili anche se già esistenti e beneficiari degli incentivi per lo scambio sul posto.

Modalità e scadenze

Le domande possono essere inviate, esclusivamente per via telematica dal contribuente o da un soggetto incaricato, dal 1° marzo 2023 al 30 marzo 2023. L’istanza si può inviare tramite il servizio web presente sul sito dell’AdE o i canali telematici dell’Agenzia ed entro i termini può essere sostituita con una nuova domanda, si terrà in considerazione l’ultima inviata. Nella domanda va inserito il codice fiscale del contribuente o dell’eventuale rappresentante e o l’importo delle spese documentate, sostenute dal 1°gennaio al 31 dicembre 2022.

Dopo 5 giorni dalla presentazione dell’istanza viene rilasciata una ricevuta attestante la presa in carico o il rifiuto con le motivazioni.

Per il 2022 il limite complessivo di spesa è di 3 milioni di euro; entro 10 giorni dalla scadenza del termine di presentazione dell’istanza l’Agenzia pubblicherà un provvedimento con cui indicherà la percentuale del credito d’imposta che spetta a ogni soggetto, ricavata considerando il rapporto tra il totale delle risorse e l’ammontare complessivo delle spese agevolabili indicate nelle istanze.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Incentivi e finanziamenti agevolati, Storage - Sistemi di accumulo

Le ultime notizie sull’argomento