Il Parlamento Europeo approva Direttiva per i carburanti alternativi

Entro il 2020 in ogni Stato membro ci dovrà essere un numero minimo di punti di rifornimento per veicoli elettrici, a gas naturale e idrogeno

Coerentemente con il quadro di azione di lungo termine con cui l’Ue intende svincolarsi dalla dipendenza dal petrolio e ridurre del 60% le emissioni generate dai trasporti, la Commissione Trasporti del Parlamento Europeo ha approvato (con 30 voti a favore e 7 contrari) la proposta di Direttiva sulle infrastrutture per i carburanti alternativi, di cui è relatore Carlo Fidanza.

Il testo approvato prevede requisiti e obiettivi minimi obbligatori entro il 2020 per la realizzazione, in ogni Stato membro, di un numero minimo di punti di ricarica per veicoli elettrici e di rifornimento per veicoli a gas naturale e idrogeno

Le stazioni di rifornimento dovranno essere posizionate fra loro a una distanza che consenta l’autonomia di movimento di veicoli dei cittadini e di mezzi di trasporto commerciali: massimo 100 chilometri per il gas naturale, 300 chilometri per l’idrogeno. L’obiettivo per l’Italia è di 72.000 punti di ricarica al 2020.

Entro il 2014, tutti gli Stati membri dovranno disporre dei requisiti minimi obbligatori imposti dall’UE, in modo da seguire uno standard comune per tutti.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento

Italian Energy Summit

Italian Energy Summit

Il 29 settembre e 30 settembre si svolge con un nuovo format digitale l'Italian Energy Summit ...