IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il Canada e il suo centro sulla sostenibilità ad energia zero

Il Canada e il suo centro sulla sostenibilità ad energia zero

La città canadese di Hamilton, in Ontario, ha inaugurato da poco il nuovo Joyce Center for Partnership and Innovation building. Il primo edificio istituzionale dell’intero Canada ad energia zero: un laboratorio e un centro di ricerca incentrato sulla sostenibilità, pannelli fotovoltaici e pompe geotermiche garantiscono tutta l’energia necessaria al suo funzionamento.

 

a cura di Tommaso Tautonico

 

In Canada il nuovo Joyce Center for Partnership and Innovation building

 

Ricerca, innovazione e sostenibilità. Sono questi gli obiettivi alla base del nuovo Joyce Center for Partnership and Innovation building che sorge presso il Fennel Campus del Mohawk College.

 

Realizzato dalla società di architettura e ingegneria mcCallumSather, in collaborazione con lo studio di architettura B + H, il nuovo edificio è un progetto pilota nazionale e globale, contribuirà a determinare i requisiti e gli standard per il Carbon Building Framework canadese del Green Building Council (CaGBC). Inoltre contribuirà al WIMC (World Green Building Council) "Advancing Net Zero", un progetto globale che mira a garantire che tutti gli edifici siano ad emissioni zero di carbonio entro il 2050.

Joyce Center: il laboratorio sulla sostenibilità

Concepito come uno dei centri di ricerca più all’avanguardia di tutto il Canada, l’imponente edificio sarà la sede futura del Center for Climate Change Management.

 

Per centrare l’obiettivo net zero, i due studi di architetti coinvolti hanno capovolto il classico schema di progettazione, partendo e sviluppando un budget energetico della struttura.

 

Considerando gli usi finali dell'edificio, la contabilità energetica delle attrezzature di laboratorio e dei sistemi informatici dedicati, è stata creata una chiara tabella di marcia che ha influenzato l’orientamento dell’edifico, la scelta dei materiali da utilizzare e gli obiettivi energetici da raggiungere.


Esteso su una superficie di 96 mila metri quadri, il Joyce Center for Partnership & Innovation è alimentato esclusivamente da energia solare e geotermica


Due grandi strutture sopraelevate, sorrette da colonne che richiamano la forma degli alberi, ospitano 2.000 pannelli solari, fondamentali per raggiungere la neutralità energetica.

 

L'impianto fotovoltaico del Joyce Center in Canada 

 

Queste due strutture, oltre ad ospitare il grande impianto fotovoltaico, offrono ombra e protezione alle terrazze esterne dell’edificio. Oltre ai pannelli solari e all'involucro ottimizzato, l'edificio è dotato anche di 28 pozzi geotermici, un sistema di raccolta dell'acqua piovana in grado di immagazzinare fino a 342.000 litri e illuminazione a LED con sensore di presenza.


Per minimizzare la dipendenza dall'illuminazione artificiale, gli architetti hanno sviluppato l'edificio attorno a un atrio centrale, ampio e luminoso, che funziona da hub centrale e “acceleratore” sociale, dove studenti e ricercatori possono condividere esperienze, progetti e risultati.

 

 L'hub centrale del Joyce Center in Canada

 

Al suo interno, un alternarsi tra materiali robusti e freddi ed elementi più caldi come legno, vetro e pietra naturale. Una tavolozza di colori ricca e invitante. Tutti i materiali utilizzati negli interni, sono di provenienza locale.

 

"L'edificio è un simbolo per la città e per la regione” afferma McCallum. "Riflette perfettamente le tendenze attuali e future in materia di sostenibilità e pedagogia e dimostra il ruolo da leadership che il settore pubblico è in grado di ricoprire in questo delicato momento di cambiamento”.

 

img by inhabitat.com

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
08/02/2019

Il progetto dell’asilo di MAD Architects a Pechino tra passato e futuro

Non un semplice asilo, ma un incredibile progetto architettonico: lo studio MAD Architects è la prestigiosa firma del nuovo Courtyard Kindergarten, il cui progetto verrà ultimato nel 2019   a cura di Fabiana ...

07/02/2019

La crescita di fotovoltaico ed eolico in Europa

Agora Energiewende e Sandbag hanno presentato la valutazione annuale del sistema elettrico dell'UE per il 2018: lo scorso anno l'elettricità rinnovabile ha ridotto del 5% le emissioni di CO2 nel settore energetico dell'Unione, con la progressiva ...

06/02/2019

Pareti in legno, performanti ed ecosostenibili

Nell’edilizia in legno c’è molta attenzione all’eco sostenibilità. Lo testimoniano le varie proposte presenti a Klimahouse, attente all’efficienza energetica   a cura di Andrea Ballocchi       Il ...

30/01/2019

Le novità per gli impianti fotovoltaici dall’ultima bozza del Decreto FER

Il testo dell’atteso Decreto FER è stato inviato a Bruxelles per la verifica sulla presenza di aiuti di stato, di cui non vi è traccia.   A cura di: Ing. Nicola Baggio     In quest’ultima e speriamo ...

30/01/2019

Sicurezza antincendio impianti fotovoltaici, facciamo chiarezza

I Vigili del Fuoco ci aiutano a fare chiarezza su un tema importante: è consentito installare impianti fotovoltaici commerciali anche se non dotati di ottimizzatori di potenza per il distacco automatico in caso di incendio     Il tema ...

24/01/2019

Wikkelhouse, la tiny house in cartone 100% riciclabile

Le case del futuro? In cartone e 100% riciclabili. Questo è l’ambizioso progetto di Fiction Factory, una sfida che rivoluzionerà il modo di intendere le abitazioni   a cura di Fabiana Valentini     Wikkelhouse, ...

23/01/2019

Hawaii verso il 100% di rinnovabili grazie a un nuovo progetto di fotovoltaico + accumulo

Inaugurato lo scorso dicembre nell'isola di Kaua'i il più grande impianto solare al mondo con batterie. Obiettivo delle Hawaii è di coprire il 100% di energia con le rinnovabili entro il 2045       Entro il 2045, ...

16/01/2019

In Europa si lavora alla ristrutturazione zero energy

Il progetto UE Transition Zero vuole estendere in Europa il metodo Energiesprong per ristrutturare e trasformare vecchie abitazioni in case Net Zero Energy   a cura di Andrea Ballocchi     L’edilizia deve cambiare il proprio status ...