Rallenta la crescita dei sistemi di accumulo

Secondo gli ultimi dati della European Association for Storage of Energy incertezza normativa e mancato supporto statale, soprattutto per i grandi impianti, hanno causato una frenata nel settore storage nel 2019. Previsioni incerte per l’anno in corso a causa dell’emergenza coronavirus

Rallenta la crescita dei sistemi di accumulo

Il 23 marzo l’European Association for Storage of Energy (EASE) e Delta-ee (Delta Energy and Environment),  società di ricerca e consulenza energetica hanno pubblicato la quarta edizione dell’European Market Monitor on Energy Storage – la guida definitiva per il mercato europeo dei sistemi di accumulo energetico.

Il rapporto mostra che il mercato europeo è cresciuto complessivamente di 1GWh nel 2019, registrando un rallentamento significativo rispetto al 2018. Le difficoltà maggiori si sono riscontrate in particolare per gli impianti su larga scala, mentre il settore residenziale è quello che ha registrato la crescita più significativa, trainato dalla Germania che nel 2019 ha rappresentato il 76% del mercato.

rallentamento mercato storage in europa nel 2019

Il rallentamento del settore dei sistemi di accumulo è dunque iniziato prima che l’emergenza Covid-19 facesse sentire i suoi possibili effetti anche nel mondo delle rinnovabili, ed è legato secondo l’associazione EASE principalmente a incertezza normativa e al mancato supporto statale per l’installazione di impianti su larga scala, più complessa rispetto ai sistemi residenziali.

Patrick Clerens, Segretario Generale di EASE, ha dichiarato: “Il messaggio è chiaro: anche se l’immagazzinamento dell’energia è un fattore chiave per la transizione energetica ed è uno strumento importante per raggiungere gli obiettivi di emissione legati all’accordo di Parigi, è necessario un maggiore sostegno perché possa fornire più valore al sistema energetico. Il pacchetto “Energia pulita per tutti gli europei” (CEP) è un passo importante in questo processo perché dovrebbe definire un quadro normativo più forte per lo stoccaggio dell’energia in tutta Europa”.

Fino a poco tempo fa gli analisti, considerando nomali le fluttuazioni del mercato vissute nel 2019, si aspettavano una crescita per il 2020, ma è ora probabile che l’effetto della pandemia Coronavirus si faccia sentire anche nel settore dell’accumulo energetico.

Contemporaneamente il rapporto segnala che i costi delle tecnologie stanno rapidamente diminuendo e l’industria continua a proporre prodotti sempre più innovativi e ad alta efficienza.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Storage - Sistemi di accumulo

Le ultime notizie sull’argomento