IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Costruire edifici con componenti riutilizzabili

Costruire edifici con componenti riutilizzabili

Un progetto di ricerca dell'Università del Lussemburgo per ottimizzare l'efficienza energetica nel settore delle costruzioni

 

 Ottimizzare l'efficienza energetica nelle costruzioni


L'Istituto di Ingegneria Civile e Ambiente (INCEEN) dell'Università di Lussemburgo ha firmato un accordo con i Laboratori dei Materiali e Tecnologie del Politecnico di Zurigo per collaborare a una ricerca sull'efficienza energetica nel settore delle costruzioni. 

 

Alla base della ricerca la considerazione che il settore edile è responsabile di una grande quantità di emissioni di CO2, consumo di risorse e produzione di rifiuti, il che rende necessario pianificare nuovi approcci eco-costruttivi.
Pertanto, il primo progetto di collaborazione "Eco-Costruzione per lo Sviluppo Sostenibile" (ECON4SD) si concentrerà sullo sviluppo di nuovi componenti e modelli di progettazione per edifici ad alta efficienza energetica basati sui materiali da costruzione quali cemento, acciaio e legno.

 

ECON4SD riunirà ricercatori provenienti da diversi settori dell'ingegneria civile e dell'architettura dell'Università di Lussemburgo e dell'Empa Zürich, nonché di università estere, che collaboreranno con partner dell'industria e società di consulenza lussemburghesi.

Tra gli obiettivi del progetto vi è quello di sviluppare componenti edilizi che possano essere riutilizzati dopo che un edificio ha raggiunto la fine del suo ciclo di vita e viene smontato.

Il professor Danièle Waldmann dell'Università del Lussemburgo spiega che ECON4SD mira a trasformare gli edifici in banche di materiali e componenti e permetterà che i produttori di elementi strutturali possano adottare un modello commerciale diverso, attraverso una sorta di "prestito" di materiali o componenti ai clienti, con l'accordo che tali materiali vengano ritirati dopo l'uso in un determinato edificio, al fine di rivenderli direttamente, ricondizionarli o riciclarli. "Il progetto apre così la strada a un futuro passaporto CE dei materiali o dei componenti paragonabile al passaporto energetico già esistente".

 

Il focus della ricerca sarà sulla modularità, flessibilità e adattabilità con i componenti intercostrutturali staccabili, che devono richiedere il minor numero possibile di interventi di manutenzione e riparazione, devono essere facilmente smontabili e riutilizzabili. Sarà quindi presa in considerazione l'intera vita utile degli elementi strutturali, con l'obiettivo di ridurre l'uso di energia e di risorse durante l'intero ciclo di vita degli edifici e dei loro componenti. 

 

Il progetto, grazie anche alla collaborazione con i partner accademici, rafforzerà così il settore edile nazionale e contribuirà in modo significativo a promuovere i principi dell'economia circolare, dell'efficienza energetica e della riduzione delle emissioni di CO2 in Lussemburgo.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
24/11/2017

7.5 milioni di cittadini vivono in zone a rischio idrogeologico

Il dossier pubblicato da Legambiente, Ecosistema rischio 2017, mostra un’Italia fragile il cui territorio è stato abusato creando enormi problemi di dissesto idrogeologico, che il cambiamento climatico non può che ...

23/11/2017

A ottobre crescono fotovoltaico ed eolico

Il fotovoltaico a ottobre 2017 cresce del 36.2% e copre il 7,2% della domanda di elettricità. I dati di Terna
    Terna, società che gestisce la rete elettrica nazionale, ha pubblicato il consueto Rapporto mensile che ...

23/11/2017

Sostegno alle fonti rinnovabili nelle isole minori

Firmato un protocollo Legambiente-Terna per la ricerca di soluzioni efficienti nell'ambito della produzione di energia nelle isole minori italiane       Terna e Legambiente insieme per il sostegno allo sviluppo delle energie rinnovabili ...

22/11/2017

Cemento eco-sostenibile ad alto isolamento termico

Nuovo brevetto Enea per un innovativo biocemento, ad alto isolamento termico-acustico e resistente al fuoco     Enea ha brevettato un nuovo processo BAAC (Bio Aerated Autoclavated Concrete), sviluppato dai ricercatori della divisione ...

22/11/2017

Un assistente energetico personale per consumare meno

Ned, eletto dalla giuria del Premio Smart Building 2017 come vincitore del premio “Prodotto smart dell’anno- categoria start up".     Ned è una app vincitrice del Premio Smart Building 2017 come prodotto smart ...

21/11/2017

COP23: piccoli progressi per lattuazione degli accordi di Parigi

Poco di fatto alla Conferenza mondiale sul clima, al di là di un avvio delle procedure di revisione dei target di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra fissati nel 2015     Si è conclusa la COP23, conferenza ...

20/11/2017

Italia al 16 posto per emissioni CO2

Presentato il Rapporto annuale di Germanwatch che evidenzia che a livello europeo si fanno ancora troppo pochi sforzi per limitare le emissioni, in accordo con quanto previsto dalla COP21 di Parigi     Il Rapporto annuale di Germanwatch ...

17/11/2017

Cresce la domanda di immobili efficienti

Un'analisi di immobiliare.it rileva che gli italiani sempre più cercano abitazioni in classe energetica medio alta che ad oggi sono il 23,5% degli immobili in vendita.     In questi anni il settore della riqualificazione energetica ha dato ...