IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Detrazione 65% per interventi di riqualificazione energetica, i dubbi di Uncsaal

Detrazione 65% per interventi di riqualificazione energetica, i dubbi di Uncsaal

Uncsaal, Unione Nazionale Costruttori di Serramenti, dopo un'analisi approfondita del decreto che riconferma le detrazioni per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici fino al 31 dicembre, con l’aumento dell’aliquota di detrazione dal 55 al 65%, in un comunicato denuncia presunte restrizioni che potrebbero depotenziare l’accessibilità e la sostenibilità del 65%. Naturalmente solo la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale potrà sciogliere dubbi e incertezze sulla regolamentazione del 65%.

In particolare - sottolinea l'Uncsaal - nella relazione tecnica in entrata al Consiglio dei Ministri sarebbero previste disposizioni tali da depotenziare completamente il provvedimento, obbligando la filiera italiana dei serramenti a puntare commercialmente solo sulle detrazioni del 50% per le ristrutturazioni edili (che godono di una normativa chiara e praticabile).

Nello specifico, la tabella A dell’allegato 1 all’articolo 14 del decreto, impone:

  • indicazione di costi unitari massimi al metro quadrato
  • obbligatorietà di installazione di sistemi di termoregolazione o valvole termostatiche all’atto dell’intervento di sostituzione degli infissi
  • limiti di trasmittanza non sostenibili a fronte di un presunto beneficio economico

 

L’indicazione di un costo unitario massimo di 400 € al metro quadrato
L’introduzione di un costo unitario massimo oltre a rappresentare una scelta dirigista da parte del governo, crea evidenti problematiche: il costo massimo non tiene infatti conto delle zone climatiche che richiedono serramenti con diverse prestazioni termiche e conseguentemente diversi prezzi. Da un lato nelle zone climatiche “calde” il prezzo massimo potrebbe produrre un rialzo capzioso dei prezzi, dall’altro, nelle zone climatiche fredde il consumatore sarebbe penalizzato non potendo detrarre l’effettivo costo al metro quadro dei serramenti installati.
Peraltro l’introduzione di un costo unitario massimo potrebbe produrre un risultato negativo per l’erario, infatti aziende poco serie potrebbero ricorrere alla pratica dello scorporo del prezzo fra quanto effettivamente pagato dal consumatore e quanto dichiarato.
Va inoltre sottolineato come l’introduzione del costo unitario massimo risulti ancora più incomprensibile in presenza di un tetto massimo di spesa che è stato inutilmente triplicato: da 60.000 a 180.000 euro.


La questione valvole
Il costo iniziale delle valvole termostatiche è più alto delle tradizionali manopole (sui 100 Euro a valvola). Inoltre si rende necessario smontare i radiatori facendo eseguire l’intervento da un idraulico. Per modificare e togliere le vecchie valvole e installare le nuove è necessario abbassare l’impianto, si può richiedere al condominio di far abbassare l’impianto, ma va considerato che ciò implica costi aggiuntivi per chi deve far eseguire l’abbassamento.
Il problema principale determinato dall’installazione di valvole termostatiche risiede nel fatto che all’interno del condominio non può decidere il singolo condomino, bensì è necessario un intervento condiviso dall’unanimità dell’assemblea condominiale. Questo perché è necessario impostare un diverso sistema di lettura dei consumi. A questo scopo infatti alle valvole termostatiche sono associati dei contabilizzatori o ripartitori per ripartire le spese.
Questo aspetto è importante perché un singolo condomino può decidere di cambiare in maniera autonoma le finestre e non può essere condizionato dall’approvazione dell’assemblea condominiale sulle valvole termostatiche.


Come cambia la trasmittanza termica

Questi limiti di trasmittanza imposti per le chiusure trasparenti sono eccessivamente ed ingiustificatamente severi (per esempio: zona climatica E 1,20 W/mqK – zona climatica F 1.1 W/mqK).
Bisogna tenere presente che i limiti di trasmittanza che erano previsti nella precedente normativa del 55% erano già sufficientemente prestazionali.
L’ulteriore abbassamento dei limiti comporta unicamente un aggravio dei costi per il consumatore senza un reale beneficio tangibile in termini di risparmio energetico complessivo degli edifici o delle unità immobiliari.

Le conclusioni di Uncsaal
La filiera industriale italiana dei serramenti alle prese con la più grave crisi dal dopoguerra e le famiglie italiane che stanno vivendo una pesante recessione che induce ad una sensibile riduzione dei propri consumi dovrebbero poter contare su provvedimenti legislativi utili, sostenibili e praticabili.
Il rinnovo del 55% con la precedente normativa avrebbe risposto in pieno a questi bisogni.
L’eventuale impostazione prevista nella relazione tecnica vanificherebbe tutto questo.
Uncsaal, se confermata questa impostazione, inviterà la filiera italiana dei serramenti a puntare commercialmente solo sulle detrazioni del 50% per le ristrutturazioni edili (che godono di una normativa chiara e praticabile) e impiegherà tutte le proprie energie affinché il Parlamento cambi radicalmente la normativa sul 65%.







Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
02/10/2017

Stabilizzazione ecobonus e sismabonus condomini per 5 anni

Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio in audizione alla Commissione Ambiente ha detto che il Governo nella prossima Legge di Bilancio sta valutando di prorogare gli ecobonus e sismabonus per 5 anni, estendendo la platea ...

29/09/2017

Dallecobonus record di investimenti e occupazione

Nel 2017 le stime del Cresme prevedono 28 miliardi di euro di investimenti legati alle detrazioni per ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica   E’ stata pubblicata la V edizione dello Studio “Il recupero e la ...

28/09/2017

Ottimizzare ecobonus e sismabonus si pu. La guida Ance

Ecobonus e sismabonus hanno funzionato ma necessitano di miglioramenti per ottimizzare la loro efficacia. Le proposte dell’Ance per garantire il valore nel tempo delle detrazioni        Il convegno promosso dall’Ance ...

27/09/2017

Ecobonus anche nella legge di Stabilit 2018

Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti anticipa che nella Legge di Bilancio 2018 potrebbero essere riviste le detrazioni per gli interventi di efficientamento energetico, a seconda degli obiettivi energetici raggiunti    
Il ministro ...

20/09/2017

Detrazioni 70-75% on line il sito Enea per l'invio della documentazione

E' online il Portale Enea per l'invio della documentazione per gli interventi eseguiti sulle parti comuni degli edifici condominiali che beneficiano dell'ecobonus del 70% e 75%       E’ da oggi disponibile online il portale ...

15/09/2017

Aggiornata la Guida per le detrazioni fiscali per il risparmio energetico

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la versione aggiornata al 12 settembre della Guida dedicata all'Ecobonus per il risparmio energetico     E' on line sul sito dell'Agenzia delle Entrate la Guida aggiornata per le detrazioni per il risparmio ...

30/08/2017

Come cedere ecobonus condomini no tax area anche alle banche

Pubblicata l'attesa circolare dell'Agenzia delle Entrate con i chiarimenti per la cessione anche alle banche, per i contribuenti no tax area, dell'ecobonus per i lavori in condominio     L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio ...

25/07/2017

La Guida Enea per ecobonus 70-75% condomini

A partire dal 15 settembre sarà possibile inviare all'Enea i documenti per gli interventi di riqualificazione su parti comuni dei condomini     L’Enea ha pubblicato un utile vademecum con indicazioni per l’invio della ...