IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > MilanoZero, primo workspace italiano a impatto zero

MilanoZero, primo workspace italiano a impatto zero

MilanoZero è un'opera ambiziosa, progettata da Studio FZ (Milano) su commissione della famiglia Altieri, che non ha simili in Europa: un'area di lavoro interamente ecosostenibile che si estende per 40.000 metri quadrati, a un minuto dall'aeroporto di Linate e a pochi passi dal cuore della città, in una zona strategicamente invidiabile per il flusso commerciale.
Questa nuova cittadina diventa un centro da cui ripartire, l'embrione di una nuova Milano, sempre rivolta alle aziende più laboriose, ma attenta all'ambiente che le accoglie. Un posto dove ogni giorno il lavoro e la natura crescono insieme.
La tecnologia
I pannelli solari
A MilanoZero si lavora con l'obiettivo di soddisfare tutti i bisogni del centro attraverso l'utilizzo di energia pulita. Per questo vengono usate le più moderne tecnologie che impiegano le risorse offerte dall'ambiente, come la luce del sole. Grazie alla naturale inclinazione dei tetti degli edifici, a shed, si pone l'opportunità di installare pannelli fotovoltaici di terza generazione ad altissima efficienza. Il complesso potrà così conquistare l'autonomia energetica per rispondere ai propri bisogni di climatizzazione e gestione ordinaria.
Il sistema idrico
Sofisticati impianti per il recupero delle acque meteoriche permettono di raccogliere ogni goccia di pioggia, un'altra preziosa risorsa che la natura mette a disposizione dell'uomo ogni giorno. Tetti e piazzali assolvono il compito di superfici di raccolta: da qui l'acqua piovana confluisce in vasche sotterranee che fungono da serbatoio di riserva e grazie a un sistema di condotte, separato da quello dell'acqua potabile, viene incanalata verso gli impianti di consumo e utilizzata poi in un ciclo continuo per i servizi igienici e l'irrigazione dei giardini.
Nei periodi di scarse precipitazioni, invece, un'alimentazione automatica ausiliaria assicura l'approvvigionamento idrico attraverso la rete dell'acqua potabile, così che il centro possa avere sempre la giusta quantità di risorse per mandare avanti la sua attività.
I pozzi geotermici
MilanoZero sfrutta anche il sottosuolo, dove l'acqua si mantiene alla temperatura costante di 14°C tutto l'anno. Un pozzo geotermico di estrazione consente al centro di disporre di questa preziosa risorsa costantemente e di portarla alla temperatura desiderata grazie all'energia solare. Il calore accumulato viene poi conservato con l'applicazione delle più studiate regole di isolamento e coibentazione.
Questo ciclo perfettamente chiuso e autonomo si compone di tre parti distinte: i pozzi geotermici dell'acqua di falda, le macchine di climatizzazione, fulcro dell'impianto, e le apparecchiature di erogazione del calore. Apparecchi moderni, tra i migliori e i più sicuri che la tecnologia odierna possa offrire.
I giardini pensili
Nella filosofia di MilanoZero c'è l'intenzione di dedicare ogni spazio esterno altrimenti inutilizzato alla cura e al benessere dell'ambiente. Ecco che sulle sommità degli edifici crescono lunghi e rigogliosi giardini pensili, con i colori e la vegetazione tipici della Valle del Lambro. Ognuno di questi contribuirà non solo a rendere esteticamente più piacevole la veduta dall'alto del nuovo innovativo complesso, ma sarà anche in grado di migliorare il rendimento energetico degli edifici e di ridurre l'effetto del deflusso delle acque a causa delle tempeste.
Per garantire pace e tranquillità tanto ai lavoratori quanto all'ambiente, all'interno del nuovo working centre è prevista esclusivamente la circolazione ciclopedonale o con minicar elettriche. L'auto personale, invece, potrà essere lasciata nel grande parcheggio sotterraneo e collegata a una delle numerose colonnine di ricarica, pronta per ripartire a fine giornata.
Il centro poi offre numerosi altri servizi, pronti a soddisfare i dipendenti, i clienti ma anche i visitatori occasionali: numerosi negozi, un ristorante qualificato, una palestra e perfino un museo. Infine il ZeroHotel, il primo complesso alberghiero italiano con una filosofia di classe A, una costruzione high tech che, come tutto il resto, tiene sempre in considerazione sia le esigenze dell'uomo sai quelle della natura.
 
Il complesso sarà ultimato per la primavera del 2013: gli spazi avranno un costo di realizzazione di circa 1500/ 2000 € al mq e verranno affittati a un prezzo che si aggira attorno ai 250 euro al metro quadrato l'anno.
 
Per ulteriori informazioni
http://www.milanozero.it/

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia