Nuovi traguardi per l’isolamento termico grazie al tessuto hi-tech

Un team dell’Università di Trento ha brevettato il nuovo tessuto che vanta un potere di isolamento termico tra i più alti mai misurati finora

Nuovo tessuto hi-tech ad altissimo isolamento termico sviluppato dall'università di Trento

Adatto per la realizzazione di abiti da indossare in condizini climatiche estreme ma anche per interventi di coibentazione termica in edilizia per migliorare l’efficienza energetica degli edifici. E’ il nuovo tessuto hi-tech, brevettato da un team di ricerca del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di Trento guidato da Gian Domenico Sorarù, professore di Scienza e tecnologia dei materiali e di Materiali per l’energia, ricavato da una resina siliconica grazie a un trattamento ad alta temperatura.

L’innovativo feltro, sottolinea il Prof. Sorarù, ha un potere di isolamento termico tra i più alti mai misurati finora. Il tessuto, come si legge in un comunicato dell’Università, è duro come la ceramica e morbido come la lana; si tratta di un nanomateriale costituito da nanofibre di nitruro di silicio, un materiale ceramico noto per le caratteristiche di resistenza meccanica e per la sua durezza. “Si presenta sotto forma di un tessuto flessibile e pieghevole e può essere utilizzato sia in ambito edilizio sia nel vestiario per bassissime temperature”.

La conducibilità termica di questo materiale – continua il Professor Sorarù- è pari a 19 mW/mK (ovvero 19 milliwatt al metro Kelvin), un valore molto basso e che dunque può essere utilizzato come isolante termico, e solo l’aerogel di silice può raggiungere valori così bassi (attorno ai 15-20 mW/mK), ma è molto più complicato e costoso da produrre.

Il feltro si caratterizza inoltre per alcune qualità, rispetto agli isolanti polimerici attualmente sul mercato, è infatti ignifugo e resistente anche alle altissime temperature. Potrebbe quindi essere utilizzato anche in altri ambiti, quali la filtrazione di liquidi e di gas caldi e l’assorbimento di onde elettromagnetiche.

Il team di ricercatori ha ora lanciato un invito alle aziende del settore tessile, dei materiali per l’edilizia o dei materiali avanzati, perché il nuovo nanomateriale possa essere sviluppato a livello industriale e commercializzato, magari prevedendo la nascita di una start up.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Coibentazione termica

Le ultime notizie sull’argomento