Soluzioni energetiche rinnovabili per il futuro delle città

Irena e International Climate Initiative hanno pubblicato un Rapporto che evidenzia che le energie rinnovabili vanno poste al centro dei programmi di decarbonizzazione urbana 

Soluzioni energetiche rinnovabili per il futuro delle città

Il recente Rapporto “Rise of renewables in cities: Energy solutions for the urban future finds” realizzato da Irena e International Climate Initiative (IKI) evidenzia il ruolo chiave dei sistemi energetici urbani, considerando le risorse e le esigenze locali, nelle strategie di mitigazione e di adattamento ai cambiementi climatici e nella transizione verso le energie rinnovabili.

Le città infatti sono responsabili di oltre il 70% delle emissioni totali di CO2 legate all’energia, ma contemporaneamente offrono chiare opportunità per ridurre le emissioni e sviluppare infrastrutture resilienti.

Oggi nelle città vive il 55% della popolazione mondiale e, contando per  l’80% del PIL globale, rappresentano il motore economico del pianeta. Secondo le stime dell’ONU, entro il 2050 le città dovranno ospitare due terzi della popolazione mondiale in un ambiente vivibile e a basse emissioni di carbonio. L’accelerazione nell’adozione delle rinnovabili prodotte localmente può rafforzare l’economia urbana, creare nuovi posti di lavoro, migliorare le condizioni di vita e il benessere delle persone.

L’integrazione delle energie rinnovabili nei sistemi energetici locali è diventata parte fondante dell’azione di trasformazione in molte metropoli del mondo.  E’ necessario investire nello sviluppo di infrastrutture urbane intelligenti, in grado di coprire l’energia a 360°, attraverso l’innovazione e l’adozione di tecnologie abilitanti come i veicoli elettrici, i sistemi di accumulo e i sistemi di gestione intelligente dell’energia, integrando elevate quote di fotovoltaico ed eolico in sinergia con altre fonti rinnovabili.

Ad oggi circa 671 città, per la maggior parte situate in Europa e in Nord America, hanno fissato un obiettivo in materia di energie rinnovabili e oltre la metà di queste punta al 100% di energie green. Eppure le stime dicono che nei prossimi tre decenni altri 2,5 miliardi e mezzo di persone si sposteranno nelle città, il 90% di queste in Asia e in Africa, ma entrambi i continenti sono in ritardo nella definizione di obiettivi per le energie rinnovabili, tanto più che la loro domanda di energia è destinata a crescere.

Inoltre molte metropoli mostrano un’ambizione troppo bassa rispetto alla quota di rinnovabili nel proprio mix energetico: a parte Los Angeles che, con 10 milioni di abitanti, ha un obiettivo di energia rinnovabile al 100% fissato per il 2045, 4 città nella fascia di popolazione da 5 a 10 milioni di abitanti (Atlanta, Barcellona, Madrid e Toronto) e 33 città nella fascia di popolazione da 1 a 5 milioni di abitanti con obiettivi per il 100% di rinnovabili. San Paolo e Shenzhen puntano per esempio a quote di energie rinnovabili inferiori al 30%.

L’energia idroelettrica, la bioenergia e i termovalorizzatori svolgono un ruolo significativo nelle strategie di decarbonizzazione urbana. Inoltre l’uso dell’energia fotovoltaica e geotermica nelle città è in aumento, mentre la capacità di sfruttare l’energia eolica rimane al momento marginale.

Considerando la crescente domanda di raffreddamento in Africa e in Asia, l’energia termica ha il potenziale per estendersi gradualmente al settore del raffreddamento, triplicando da 2.000 a 6.000 terawattora entro il 2050.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento