The Green Line: la passerella verde che produce cibo e unisce Parigi

Il progetto, un prototipo di architettura legata alla produzione di cibo, utilizza energia da fonti rinnovabili, ricicla i propri rifiuti e acque reflue, e ottimizza i propri bisogni grazie alla tecnologia intelligente

A cura di:

The Green Line: la passerella verde che produce cibo e unisce Parigi

Indice degli argomenti:

Progettata per la città di Parigi dallo studio di architettura Vincent Callebaut Architectures, The Green Line è un prototipo di architettura resiliente, non inquinante e legata alla produzione di cibo.

La passerella verde non è pensata solo per offrire a Parigi un modo come un altro di attraversare la Senna, ma piuttosto sarà un posto dove divertirsi, innovare e soprattutto mangiare sano.

Nata con lo scopo principale di colmare il divario urbano esistente tra il quartiere di Bercy e quello di Masséna, The Green Line crea un collegamento tra le due sponde della Senna, un ponte pedonale che faciliterà gli spostamenti tra i due polmoni verdi più grandi della città di Parigi: il Parc de Bercy sulla riva destra e il Jardins Abbé Pierre grands Moulins sulla riva sinistra.

Una struttura green che porta l’agricoltura in città

Progettata da Vincent Callebaut Architectures in collaborazione con Bollinger + Grohmann, con i paesaggisti di Sempervirens, e sviluppata da Ceetrus, The Green Line offrirà uno spazio dedicato all’agricoltura biologica rivolto per lo più ai parisculteurs, agli agricoltori parigini.

The green line a Parigi, una struttura green che porta l’agricoltura in città

Il progetto mira a sensibilizzare i cittadini all’eco-gastronomia e a portare l’agricoltura in città, grazie ad una serie di serre posizionate sul tetto che ospitano 3.500 metri quadrati di orti e frutteti sotto il cielo parigino.

The Green Line è un’ode allo slow food, la frutta e la verdura coltivate sulla passerella green saranno cucinate e servite direttamente nei suoi ristoranti, in cui sarà possibile godere di viste panoramiche verso la Bibliothèque Nationale de France, i due grattacieli Tours Duo e la nuova zona progettata da Som at Bercy-Charenton.

La passerella The Green Line a Parigi, alimentata da rinnovabili

Il progetto comprende anche la realizzazione di circa 12.000 mq di spazi verdi, tra cui un giardino anfibio e lagune di fito-bonifica, pensate per favorire una migliore qualità dell’aria e promuovere lo sviluppo di un corridoio di biodiversità. La struttura utilizza energia da fonti rinnovabili, ricicla i propri rifiuti, le acque reflue e ottimizza i propri bisogni grazie alla tecnologia intelligente. 

Innovazione sociale e culturale

La passerella verde è pensata per offrire a Parigi molto più di un luogo di passaggio da una sponda all’altra. Sul ponte green è prevista la nascita di un campus sul tema delle città intelligenti e sostenibili, con aule di formazione per studenti, aziende, professionisti, sono previsti anche ristoranti e spazi per il tempo libero dei millennial e per tutta la popolazione. Attraverso spazi condivisi flessibili e mutevoli, la passerella green promuove l’innovazione sociale e culturale, adattandosi alle esigenze delle nuove generazioni e ai nuovi bisogni in continua evoluzione.

La linea verde diventerà un vero e proprio laboratorio di ricerca e sviluppo che punta sempre ad  una gestione sostenibile dell’aria e dell’acqua nelle aree urbane di Parigi.

Schema progetto The Green Line a Parigi, passerella alimentata da rinnovabili
Schema progetto The Green Line a Parigi

img by Studio Vincent Callebaut 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento