IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Sicurezza, risparmio e comfort, ecco la smart home oggi

Sicurezza, risparmio e comfort, ecco la smart home oggi

Si rinnova il modo di abitare grazie a tecnologie, App e smartphone che rendono la casa connessa e super efficiente

 

 

Le abitazioni grazie a internet e agli smartphone, tecnologie ormai a disposizione di tutti, si stanno trasformando e diventano sempre più interconnesse. Cresce a doppia cifra, come abbiamo visto dalla ricerca recentemente presentata dal Politecnico di Milano, il mercato dell'Internet of Things, specialmente per quanto concerne le soluzioni applicate alla casa, con sistemi che coinvolgono gli aspetti della sicurezza e della gestione energetica dell'abitazione.

 

I numeri che si riferiscono al mercato italiano, a fronte di un settore immobiliare in difficoltà, evidenziano inceve una crescita importante e dall’enorme potenziale del mercato della “smart home”. L'Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano ha inoltre registrato una forte crescita anche per i servizi connessi, abilitati dagli oggetti presenti nella “smart home” e dell’interesse dei cittadini all’acquisto di tali servizi.

 

La moderna Smart Home risponde sempre più alle richieste dei cittadini che le abitazioni garantiscano sicurezza, risparmio, comfort, sfruttando le tecnologie a disposizione della maggior parte della popolazione.

La smart home, ci dice Claudio Danelutto di Astrel Group, azienda specializzata nella progettazione e produzione di controlli elettronici per i mercati dell’energia, del benessere e della domotica è, tutto sommato, il nuovo paradigma dell’automazione domestica: una realtà che trova nelle nuove abilità dei cittadini “sempre connessi” di ogni età terreno fertile per un’innovazione radicale nel modo di abitare.

Prima di tutto è cambiata l’offerta che è molto più ampia rispetto a qualche anno fa, dalla semplice presa elettrica wifi comandabile da remoto con un’App per qualche decina di euro, sono oggi disponibili sistemi completi che integrano tutte le soluzioni con sistemi aperti e scalabili.

 

 Cronotermostato wireless Rialto di Astrel Group

 

Si tratta di una rivoluzione rispetto al concetto di domotica tradizionale, questa offerta di “prodotti” si integra infatti con una crescente e non ancora pienamente sviluppata offerta di “servizi”, abilitati proprio dagli oggetti smart, che si muove su diversi canali.
Il canale tipicamente consumer vede protagoniste le grandi multinazionali del settore elettrodomestico, telefonia, ICT che hanno spinto il mercato del fai-da-te, con prodotti smart a bassa complessità e reperibili sui normali canali distributivi e attraverso l’e-commerce.
Il canale professionale della distribuzione materiale elettrico e idro-termo-sanitario propone prodotti professionali arricchiti di funzionalità smart che migliorano la gamma di offerta per i consumatore attraverso l’intervento di installatori e professionisti. Infine c’è il canale delle utility che integrano il proprio portafoglio di offerta con prodotti smart in grado di abilitare (eventualmente) anche nuovi servizi.
Non mancano poi le aziende specializzate in sistemi di domotica e più in generale di building automation che sfruttano un canale diretto per proposte di valore, verso un mercato attento non solo alla qualità del prodotto in sé ma anche a quello dei servizi connessi, soprattutto per quanto concerne i settori della sicurezza ed efficientamento energetico.

 

Intorno alla casa interconnessa c’è dunque una complessità di offerte e la novità è che due mondi apparentemente lontani, quali quello del “mattone” e di “internet” si trovano ora a dialogare e a convergere verso un nuovo modo di “abitare”.
L’attenzione del primo (edilizia) verso il secondo (tecnologia) non può che accelerare una trasformazione ormai in atto: quello della “smart home” è un trend destinato a rappresentare una rivoluzione di costume e una grande opportunità di riqualificazione dell’offerta, che sia capace di offrire migliori soluzioni in base alle esigenze della specifica abitazione.

 

 

Claudio Danelutto ci dice a questo proposito che una delle principali difficoltà nell’installazione di dispositivi smart è quella legata alla ricezione dei segnali radio e/o al collegamento con la rete ADSL. Valutare questo aspetto già in fase di progettazione delle abitazioni non solo semplifica l’accesso alla “smart home”, ma ne abbatte anche i costi: spesso permette, ad esempio, di eliminare ripetitori radio, ripetitori di segnale wifi, stesura di cavi e, di riflesso, complessità.

Perché questa rivoluzione possa veramente affermarsi è importante che ci sia una reale convergenza di settori, di tecnologie, di competenze, tutti rivolti e focalizzati nel dare risposte semplici ed efficaci ai bisogni di cittadini mai come oggi informati ed attenti.

 

L’ampiezza della gamma di soluzioni oggi sul mercato è in grado di offrire, a seconda dei casi, risposte puntuali a bisogni specifici (ad esempio piccola webcam a riconoscimento facciale per la sicurezza in casa, presa elettrica wifi per l’accensione da remoto di un aspiratore e/o radiatore elettrico, lampada per luce ambiente programmata da App) fino a risposte anche molto articolate con sistemi che integrano la gestione dell’ottimizzazione energetica dell’abitazione attraverso la chiusura e apertura di tapparelle, il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria e/o il raffrescamento sfruttando l’impianto fotovoltaico, la sensoristica e le telecamere per la sicurezza, l’accensione e la predisposizione dell’illuminazione in funzione di scenari selezionabili da App.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
24/03/2017

In Europa accordo sulle etichette energetiche 2.0

Inizia la nuova era delle etichette energetiche: Database, QR code e simbolo “smart”.      Le etichette che indicano l’efficienza energetica di elettrodomestici come frigo e lavatrici, passano a una nuova versione e ...

24/03/2017

Risanamento energetico edifici pubblici a Bolzano

La Giunta provinciale ha approvato il bando che mette a disposizione 12 milioni di euro  per progetti di risanamento di edifici pubblici.     La giunta provinciale di Bolzano ha approvato un nuovo bando nell'ambito del programma FESR ...

23/03/2017

4 milioni di euro per lo sviluppo delle smart grid in Sardegna

Termina il 20 luglio il termine per la presentazione delle domande per il bando “Azioni per lo sviluppo di progetti sperimentali di reti intelligenti nei Comuni della Sardegna”     La Regione autonoma della Sardegna ha ...

23/03/2017

Riqualificazione energetica degli edifici. Scopriamo le opportunità

Il 30 marzo la prestigiosa sede de Il Sole 24 Ore di Milano ospita la 2a convention di Rete Irene sulla Riqualificazione Energetica Integrata degli edifici esistenti     Il tema della riqualificazione efficiente degli edifici esistenti ...

22/03/2017

La Strategia Energetica Nazionale secondo ITALIA SOLARE

I suggerimenti di Italia Solare nella definizione della Strategia Energetica Nazionale per il superamento degli ostacoli alla crescita delle energie rinnovabili     In queste settimane Governo e Parlamento stanno lavorando alla definizione ...

20/03/2017

Innovazione, presente e futuro del Sistema a Cappotto

Alessandro Monaco, nuovo Coordinatore della Commissione Comunicazione del Consorzio Cortexa ci racconta come sta cambiando il mercato dei sistemi di isolamento a cappotto e gli obiettivi futuri del Consorzio     CORTEXA, Consorzio per la ...

16/03/2017

Una Chiesa green e con tetto fotovoltaico

Un edificio religioso all’avanguardia, passivo e CO2 neutral, realizzato con approccio ecosostenibile e circondato da 10.000mq di parco     Sarà realizzato in tempi brevi a Salerno, nei quartieri Torrione e Sala Abbagnano che ...

15/03/2017

Nuova VIA per rilanciare la crescita sostenibile del paese

Il CDM ha approvato la nuova disciplina su valutazione di impatto ambientale adeguandosi così alla normativa europea: semplificazione e tempi più brevi     Il Consiglio dei ministri lo scorso 10 marzo ha approvato, su proposta del ...