Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Diagnosi energetica: conoscere l’edificio per intervenire meglio

Diagnosi energetica: conoscere l’edificio per intervenire meglio

La diagnosi energetica permette di conoscere al meglio lo stato di fatto di un edificio oggetto di riqualificazione energetica, così da poter valutare quali siano i migliori interventi da mettere in atto. Un intervento di riqualificazione consapevole è fondamentale per il nostro patrimonio esistente, spesso causa di grandi sprechi di energia.

A cura di: Arch. Gaia Mussi

L'importanza della diagnosi energetica negli interventi di riqualificazione

 

Indice:

L’obiettivo di efficienza energetica accomuna sia le nuove costruzioni che il patrimonio esistente, chiaramente con metodologie, strumenti e interventi molto differenti. Considerata la quantità di edifici costruiti in passato e contraddistinti da scarse prestazioni, il tema della riqualificazione è oggi di primaria importanza. L’approccio migliore parte da un’adeguata conoscenza dell’immobile, così da intervenire secondo le specifiche necessità del caso. 

Diagnosi energetica: cos'è? Che scopo ha?

Secondo il decreto legislativo 141 del 2016, una diagnosi energetica è “una procedura sistematica finalizzata a ottenere un’adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio o gruppo di edifici, di una attività o impianto industriale o commerciale o di servizi pubblici o privati, a individuare e quantificare le opportunità di risparmio energetico sotto il profilo costi-benefici e a riferire in merito ai risultati”.

 

Quindi, la diagnosi energetica, o energy audit, consiste in un processo conoscitivo dello stato di fatto, atto a prendere consapevolezza delle condizioni di un immobile e dei suoi consumi. La diagnosi energetica prevede di raccogliere tutte le informazioni in merito ai consumi energetici attuali, prendendo in considerazione poi le caratteristiche dell’involucro e degli impianti installati.

 

Una diagnosi energetica viene svolta attraverso diversi step successivi, che possono raggiungere un grado di approfondimento diverso in base a ciò che l’auditor ritiene più opportuno. Lo scopo della diagnosi energetica è quello di raggiungere un livello di conoscenza e consapevolezza tali da poter scegliere gli interventi di riqualificazione più efficienti e idonei all’edificio. Questo procedimento viene svolto da un esperto in gestione dell’energia, certificato secondo la normativa tecnica di riferimento (UNI CEI EN 16247), la cui esperienza garantisce l’utilizzo di un approccio accurato e coerente.

 

Quando si deve fare la diagnosi energetica

Esistono alcuni casi in cui la diagnosi energetica non è una scelta arbitraria del proprietario dell’edificio. In ambito residenziale, ad esempio, la diagnosi energetica è obbligatoria per coloro che intendono operare una riqualificazione profonda di un edificio.

 

La normativa fornisce un elenco di casi in cui è obbligatoria, a seconda degli interventi che intendiamo effettuare. Cambiando settore, vige l’obbligo di energy audit per le imprese che consumano molta energia e per tutti gli edifici pubblici che sono sottoposti ad un intervento di ristrutturazione che riguardi più del 15% dell’immobile.

 

Fare una diagnosi energetica ha un costo, ma permette di accedere alle agevolazioni fiscali concesse per gli interventi di riqualificazione energetica degli immobili, oltre a garantire un risparmio per la gestione dell’edificio negli anni successivi.

 

Interventi di riqualificazione profonda degli edifici per risparmiare sui costi di gestione

 

Come si svolge una diagnosi energetica

Intervenire su un edificio esistente in modo responsabile e corretto prevede necessariamente un elevato grado di conoscenza dello stato di fatto. Per quanto ottimale in alcuni contesti, ogni soluzione può non essere adatta in altre situazioni. Ecco perché è importante conoscere tutti quegli aspetti di un edificio che ne determinano il comportamento.

 

Dietro eccesive dispersioni, problemi di umidità, infiltrazioni di varia natura, ci sono delle cause che vanno approfondite. Questo processo parte con l’analisi dei consumi attuali per il funzionamento dell’edificio, anche attraverso la lettura e la raccolta dei dati presenti in fatture e bollette.

 

Le informazioni possono essere raccolte anche attraverso appositi monitoraggi dei consumi, mettendo sempre in relazione i dati rilevati con il comfort percepito dagli abitanti dell’edificio. Fondamentale per un quadro completo dello stato dell’edificio, è poi lo svolgimento di un sopralluogo tecnico utile a indagare anche le condizioni dell’involucro.

 

Ponti termici, stati di degrado, condizione dei serramenti, stato di conservazione e l’efficienza degli impianti sono tutti elementi da prendere in considerazione in questa fase.

 

Calcolato il fabbisogno energetico dell’edificio oggetto di esame, sarà quindi possibile ricercare le cause di eventuali anomalie sorte da un confronto con i consumi effettivi registrati nel primo step illustrato.

 

Nel caso siano necessari particolari approfondimenti, l’auditor può ricorrere a diverse indagini strumentali per verificare fattori quali la qualità dell’aria o il comfort termoigrometrico interno. Raccolte tutte le informazioni e le misure necessarie, verrà steso un report di diagnosi energetica, con lo scopo di supportare la decisione in merito gli interventi da intraprendere. La normativa stessa, infatti, richiede che la diagnosi energetica degli edifici sia accompagnata da un confronto di diverse ipotesi progettuali, così da definirne le migliori.

 

I software per la diagnosi energetica 

Esistono appositi software che supportano gli auditor in questa fase, con la possibilità di simulare il comportamento dell’edificio con l’attuazione di diverse alternative progettuali.

 

Software Blumatica Diagnosi Energetica

 

Il Software Blumatica Diagnosi Energetica per esempio permette di conoscere il reale consumo energetico dell’edificio, valutare gli interventi di miglioramento energetico sotto il profilo costi-benefici e redigere una dettagliata relazione di calcolo.

E' possibile personalizzare tutti i parametri di input in funzione dell’effettivo uso del sistema fabbricato-impianto e il software consente di effettuare il confronto nelle varie stagioni dei consumi reali simulati con quelli reali desunti dalle bollette.

TEMA TECNICO:

Efficienza energetica

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
22/05/2020

Efficienza energetica e condomini: la guida ENEA

I condomini in Italia sono milioni e promuovere gli interventi di efficienza energetica su questi edifici permetterebbe di ridurre le emissioni, migliorare le prestazioni del comparto edile e aumentare il benessere di molte persone.   a cura di Arch. Gaia ...

12/05/2020

ECOMONDO e KEY ENERGY tornano con un nuovo padiglione a novembre

In occasione della prossima edizione di ECOMONDO e KEY ENERGY Italian Exhibition Group vara un nuovo spazio espositivo da 9 mila metri quadri lordi estendendo a 138 mila i metri quadri totali delle due manifestazioni attese per il prossimo ...

04/05/2020

Rice House: alimentare l’economia circolare con la paglia di riso

Nell’ambito di un incontro virtuale organizzato dall’università di Pavia l’Architetto Tiziana Monterisi ha spiegato i principi che governano Rice House, start up nata dalla ricerca di soluzioni sostenibili e alternative ...

04/05/2020

Ripartire dopo il coronavirus mettendo al centro le rinnovabili

Il Coordinamento FREE si è concentrato sulla situazione di ripartenza che l’Italia dovrà affrontare appieno quando l’emergenza coronavirus sarà rientrata, ponendo al centro dell’attenzione l’importanza che le ...

27/02/2020

Risparmio energetico diventa obbligo per Italia, via libera Palazzo Chigi a decreto efficienza

Approvato dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e del ministro per gli Affari europei Vincenzo Amendola, il provvedimento per l’attuazione della direttiva Ue. Tra i punti qualificanti, ...

14/02/2020

La serra bioclimatica per il risparmio energetico, un progetto di ENEA

ENEA lancia un nuovo progetto sostenibile realizzando una serra bioclimatica con orto idroponico finalizzata allo studio e alla valutazione delle nuove prestazioni energetiche della “Scuola delle Energie”, l’edificio su ...

10/02/2020

Troppo alto il consumo di energia in UE, lontano l’obiettivo di efficienza energetica 2020

Nel 2018 il consumo energetico nell'Unione Europea è rimasto stabile. Rispetto agli obiettivi di efficienza energetica al 2020 il consumo di energia primaria e finale è superiore del 5% e del 3%       Indice degli ...

07/02/2020

È nato PaesEnergia, lo strumento per il calcolo completo dell’efficienza energetica

PaesEnergia, il primo WikiPortale che ti permette di calcolare l’efficienza energetica dell’edificio e di selezionare le soluzioni più adatte all’intervento, è finalmente realtà. Vediamo di cosa si ...