Riscaldamento e termoregolazione, cosa serve per il risparmio energetico

La termoregolazione permette un funzionamento più efficiente dell’impianto di riscaldamento domestico, assicurando risparmio energetico e vantaggi sia economici, che ambientali.

A cura di:

Riscaldamento e termoregolazione, cosa serve per il risparmio energetico

Indice degli argomenti:

Il riscaldamento domestico è uno dei principali responsabili delle emissioni di gas climalteranti, spesso a causa di un consumo elevato di energia dovuto a edifici non performanti, impianti vetusti e cattive abitudini.

Per il raggiungimento degli obiettivi climatici fissati per il 2030, però, il tema del risparmio energetico diventa cruciale, anche nel settore edile. Riqualificazione energetica non significa solo interventi di ristrutturazione, posa di cappotto, sostituzione dei serramenti e della caldaia, ma anche di migliore utilizzo dell’impianto di riscaldamento. Per questo si parla di termoregolazione, che permette di ridurre gli sprechi, efficientare il funzionamento dell’impianto, valorizzare gli apporti gratuiti e ridurre le emissioni di CO2.

Termoregolazione: come funziona

Un sistema di termoregolazione permette di gestire in modo efficiente il funzionamento dell’impianto di riscaldamento, regolando il calore erogato dal generatore. Lo scopo è quello di evitare sprechi e far funzionare l’impianto in modo stabile, consumando meno energia, pur raggiungendo la temperatura desiderata dagli utenti e impostata con un termostato. Per chiarire, i vecchi sistemi on – off sono l’esatto opposto della termoregolazione.

Riscaldamento e termoregolazione

Esistono diverse soluzioni, anche a seconda del caso che si tratti di impianti autonomi o impianti centralizzati. Nel primo caso il generatore di calore lavora sul singolo edificio unifamiliare o sulla singola unità immobiliare, nel secondo caso è a disposizione di più unità. Nel caso degli impianti centralizzati, la termoregolazione assume ancora più importanza, in quanto è fondamentale permettere che in ogni singolo appartamento si possano personalizzare le impostazioni dell’impianto in base alle specifiche esigenze.

Systa Comfort II di Paradigma per la regolazione di riscaldamento/raffrescamento
Paradigma propone Systa Comfort II per la regolazione di riscaldamento/raffrescamento e per il circuito dell’acqua calda sanitaria. La temperatura e i rendimenti solari possono essere letti sul display interno

La termoregolazione climatica

Un primo sistema da considerare è la termoregolazione climatica, che regola la temperatura di mandata dell’impianto in base alle condizioni climatiche rilevate. Grazie ad una sonda installata all’esterno, preferibilmente non esposta al sole o a fonti di calore, è possibile rilevare le condizioni climatiche e, di conseguenza, impostare l’impianto e agire sulla temperatura di mandata in modo da assicurare il comfort interno. Minore sarà la temperatura esterna, maggiore sarà il lavoro richiesto alla caldaia.

Termoregolazione climatica: come funziona Questo sistema permette di ridurre il consumo energetico, pur garantendo sempre la temperatura di comfort interna, in quanto la regolazione della temperatura di mandata dell’impianto agisce sulla quantità di combustibile utilizzato.

La contabilizzazione del calore in condominio e le termovalvole

La contabilizzazione del calore in condominio è ormai un obbligo di legge, introdotto con il D.Lgs 102/2014. Nello specifico all’art. 9 si parla del tema della misurazione e della fatturazione dei consumi energetici in condominio. Se l’installazione dei contatori individuali non fosse stata tecnicamente possibile, si sarebbe dovuto procedere con l’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore individuali, anche in corrispondenza di ciascun radiatore all’interno delle unità immobiliari. È questo articolo, quindi, che ha sancito l’obbligo dell’installazione delle termovalvole, un sistema di termoregolazione che viene installato in corrispondenza dei termosifoni, in grado di regolare il flusso di acqua calda.

 valvole termostatizzabili OPTIMA di I.V.A.R
Le valvole termostatizzabili OPTIMA di I.V.A.R, dal design elegante, sono dotate di un dispositivo di limitazione del flusso che determina la portata massima al corpo scaldante. Assicurano ottime performance energetiche e si integrano in qualsiasi ambiente grazie alle tante versioni disponibili.

La portata, infatti, incide sul calore emanato. Questa regolazione avviene mediante l’impostazione di una temperatura, in relazione a una scala numerica presente sulle valvole, che nella maggior parte dei casi va da 1 a 5.

Termostati e termoregolazione per zona e per ambiente

Il termostato serve all’utente per impostare la temperatura desiderata e, quindi, il funzionamento dell’impianto. Tramite di esso, la termoregolazione all’interno di un edificio o di un appartamento può essere per zona o per singolo ambiente. Nel caso della regolazione per zona il termostato agisce su più locali, attraverso delle sottostazioni di derivazione, appunto dette zone. Rileva costantemente la temperatura degli ambienti e la confronta con quella settata (ad esempio 20°), regolando di conseguenza il calore erogato.

Caleffi Code® serie 215
Caleffi Code è il nuovo sistema per valvole termostatiche connesso, intelligente e intuitivo, dotato di sensore wireless per la regolazione termica dei radiatori da remoto

La termoregolazione per singolo ambiente, invece, permette di gestire la temperatura di ogni locale, ad esempio tramite l’installazione di valvole termostatiche. Questa è la soluzione che permette il massimo risparmio energetico, riscaldando davvero solo dove, quanto e quando serve.

Smart Home e termoregolazione: le potenzialità dei dispositivi intelligenti

Con l’avvento della Smart Home anche il sistema di termoregolazione diventa intelligente.

Smart Home e termoregolazione: le potenzialità dei dispositivi intelligenti

Appositi termostati Smart permettono di gestire il funzionamento dell’impianto da remoto, tramite App dedicate. Con questi dispositivi si possono settare impostazioni come la temperatura, gli orari di accensione e spegnimento, l’integrazione delle previsioni meteo, la regolazione in base alla localizzazione GPS e molto altro. In sostanza, la regolazione dell’impianto può avvenire senza alcuna difficoltà anche mentre non si è casa, esattamente come avviene in presenza.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento



Tema Tecnico


Articolo realizzato in collaborazione con ...

Le ultime notizie sull’argomento