IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Guida alla scelta del climatizzatore più adatto alle proprie esigenze

Guida alla scelta del climatizzatore più adatto alle proprie esigenze

Nell’attesa che arrivi il caldo torrido, ecco alcuni consigli per orientarsi nella scelta del climatizzatore. Scopriamo tutte le caratteristiche e le incentivazioni fiscali.

A cura di: Claudia Capperucci

 

Il periodo estivo porta con sé caldo e afa: per resistere alle alte temperature occorre dunque dotarsi di un sistema di climatizzazione in grado di rinfrescare efficacemente gli ambienti domestici. 

 

Orientarsi tra i tanti prodotti per la climatizzazione della casa non è facile. Il primo criterio da tenere in considerazione è la metratura dell’ambiente, ci aiuterà a stabilire la potenza che deve avere la macchina: indicativamente la potenza necessaria a climatizzare 1 mq è 340BTU/h, basterà moltiplicare questo dato per i mq dello spazio da climatizzare e avremo la potenza che ci serve (per un ambiente di 15 mq dovremo scegliere un climatizzatore con una potenza di almeno 5100 BTU/h). 

climatizzatori della serie MSZ-LN Kirigamine Style di Mitsubishi Electric

Sono di Mitsubishi Electric i climatizzatori della serie MSZ-LN Kirigamine Style che utilizzano il refrigerante ecologico R32. Uniscono tecnologia al top, design esclusivo, efficienza energetica A+++, silenziosità e sistema (wi-fi) di controllo da remoto.

 

Nell’ottica del risparmio energetico è bene scegliere un prodotto che sia almeno in classe A+. Infine la rumorosità (indicata in etichetta come le altre caratteristiche): è espressa in Decibell (dB) e tanto per orientarsi possiamo dire che 55 dB è l’intensità di suono delle foglie mosse dal vento.

Tipologie

I climatizzatori si dividono principalmente in due tipologie: portatili e fissi. I primi sono di più semplice concezione, nel senso che non necessitano di nessuna installazione, sono leggeri e si possono spostare da una stanza all’altra.

 

Una soluzione pratica e conveniente è quella del climatizzatore mobile

Una soluzione pratica e conveniente è quella del climatizzatore mobile.

 

Sono dotati di un tubo flessibile che deve essere collegato all’esterno perché serve ad espellere aria calda dalla casa e convertire quella esterna in aria fredda, un meccanismo piuttosto rumoroso, con un consumo energetico molto alto. Possono essere monoblocco, ovvero un unico elemento che contiene in sé sia l’evaporatore che il condensatore; o split: pur essendo portatili si compongono di un elemento interno e di uno esterno (un parallelepipedo di dimensioni contenute da appendere al balcone).

 

I sistemi fissi si dividono anch’essi in monoblocco, un solo elemento all’interno della residenza (da collocare in prossimità di una parete perimetrale) e split, una o diverse unità interne, collocate a parete soffitto o pavimento e collegate ad uno o più elementi esterni. Questi ultimi non sono indicati nel caso in cui non si possa modificare la facciata della casa. Si dicono mono, dual e multi in base al numero degli elementi interni.

 

climatizzatori  Ultimate Comfort di Midea

 Ultimate Comfort di Midea grazie alla tecnologia Inverter Quattro, consente un uso intelligente e modulato delle risorse energetiche, con consumi minimi di elettricità garantiti dalla classe A++/A++, pur assicurando prestazioni eccellenti: dalla possibilità di raffreddare casa nonostante temperature esterne pari a 60°C, fino alla funzione di raffrescamento istantaneo, che grazie all’impiego di un compressore ad alta frequenza soddisfa l’eventuale fabbisogno di raffreddamento immediato dei locali di casa. Può essere gestito a distanza con l’App Midea Air installata sul proprio smartphone

 

I climatizzatori possono essere, inoltre, a gas refrigerante che, se non vi sono perdite nell’impianto non si consuma e non deve essere ricaricato. Il più usato fin ora è stato il gas R410A ma, come si è visto all’ultima edizione di Mostra Convegno Expocomfort, è praticamente stato sostituito dall’R32, un gas di ultima generazionepiù performante ed ecologico (consente di ridurre il quantitativo di CO2 emesso e quindi di limitare l’effetto serra). 

 

Refrigerante R32 per i climatizzatori LG

Il nuovo refrigerante R32 è utilizzato da LG nei sistemi di climatizzazione residenziali e commerciali, sia monosplit che multisplit. L’azienda è impegnata a sviluppare tecnologie sempre più green ed efficienti

 

Vi sono anche i sistemi ad acqua refrigerata: l’acqua entra nell’impianto di ventilazione solo dopo essere stata refrigerata.Questi apparecchi, se collegati ad una pompa di calore possono anche essere impiegati per riscaldare gli ambienti in inverno.

 

 Climatizzatore senza unità esterna Libra in di Paradigma

Nel caso di immobili sottoposti a vincolo architettonico o laddove non sia possibile o non si voglia intervenire con opere esterne Paradigma propone  l'innovativo climatizzatore LIBRA IN che unisca a un design elegante l'assenza dell'unità esterna, al cui posto sono posizionati due semplici fori di presa ed espulsione dell’aria.

 

I condizionatori di ultima generazione sono quasi tutti con tecnologia inverter, che permette loro di autoregolarsi e mantenere costante la temperatura dell’ambiente senza ricorre continuamente al tasto On/Off.

 

nuovi condizionatori Vitoclima 232-S, top di gamma Viessmann

Vitoclima 232-S è la nuova gamma di condizionatori monosplit di Viessmann a tecnologia inverter con gas refrigerante R32, che assicurano massima efficienza e ottimo comfort acustico. 

 

Costi

Il costo dei climatizzatori fissi oscilla tra 800 a 1.500 euro, circa. Invece i climatizzatori portatili sono più economici, 200 – 1.000 euro, ma si deve considerare che fanno lievitare notevolmente la  bolletta.

Consumi

I consumi dei climatizzatori si sono molto ridotti negli ultimi anni, grazie all’avvento delle nuove tecnologie: se un condizionatore in classe G consumava quasi 1.300 kWh (considerando un costo di 0,20 centesimi per kWh, 22 euro al mese circa), un condizionatore in classe A+++ va dai 122 ai 140 kWh.

 

La Linea di climatizzatori KG di Fujitsu

La Linea KG di Fujitsu , in tripla classe A, è proposta nelle taglie da 7.000, 9.000, 12.000 e 14.000 BTU. Funziona con refrigerante R32 e opera a 19 db.  

Le detrazioni fiscali 

Grazie alle agevolazioni fiscali confermate dalla Legge di Bilancio 2018 è possibile acquistare un climatizzatore senza risentire troppo della spesa: attualmente è possibile beneficiare di diverse agevolazioni tra cui quelle in materia di ristrutturazioni edilizie ed efficienza energetica, ossia il cosiddetto ecobonus

 

I condizionatori con pompa di calore ad alta efficienza energetica rientrano nelle detrazioni fiscali del 65% in merito agli interventi di efficienza energetica: la normativa specifica che devono essere stati installati per sostituire l'impianto di riscaldamento precedente. Il tetto di spesa è di 46.154 euro e sono previste 10 rate annuali fisse di tutte le spese  .

 

I climatizzatori a pompa di calore, utilizzabili sia in estate che per il riscaldamento invernale, danno diritto alla detrazione del 50% della spesa. Stessa detrazione del 50% per l'acquisto di condizionatori all'interno di lavori di ristrutturazione straordinaria di condomini o singole unità (bonus mobili), purché siano almeno in Classe A+.

 

Ricordiamo che per poter usufruire delle detrazioni il pagamento deve essere effettuato con bonifico bancario o postale e si devono conservare le fatture di acquisto e le ricevute dei pagamenti.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento