IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Riscaldamento e raffrescamento efficiente con i sistemi radianti

Riscaldamento e raffrescamento efficiente con i sistemi radianti

Una pratica guida alla scoperta delle tipologie di sistemi radianti che assicurano massimo comfort abitativo in estate e in inverno e consumi ridotti

A cura di: Fabiana Valentini

 

Una casa accogliente, calda d’inverno e fresca d’estate, è uno degli obiettivi più importanti da porsi e la scelta del giusto sistema di riscaldamento e raffrescamento non è una decisione scontata.

 

Gli impianti radianti sono dei sistemi sempre più utilizzati e costituiscono una valida alternativa ai sistemi tradizionali alimentati a gas. Nel corso di questa guida vedremo le caratteristiche del riscaldamento a pavimento, a soffitto e a battiscopa. 

Il funzionamento del riscaldamento a pavimento

Iniziamo il nostro percorso tra i sistemi radianti con il riscaldamento a pavimento, un metodo che consente una distribuzione omogenea del calore.

 

 

Come funziona il sistema radiante a pavimento? Si basa sul principio fisico dell'irraggiamento: in questo modo l'ambiente domestico viene riscaldato in maniera uniforme, senza sentire spiacevoli sensazioni di freddo in alcuni punti della stanza.

 

DRY di RDZ è un sistema di riscaldamento a pavimento a "SECCO", pensato per realizzare impianti con spessori ridotti, che assicura un'uniforme ripartizione delle temperature.

 

Vediamo il funzionamento di questo sistema più da vicino. Il riscaldamento a pavimento è composto da una serie di serpentine posizionate al di sotto del pavimento e protette da un pannello isolante. All'interno dei tubi scorre acqua calda alla temperatura media di 35° che viene riscaldata mediante pompa di calore, impianto fotovoltaico, o sistemi di riscaldamento tradizionali. I circuiti che compongono questo sistema sono suddivisi secondo le stanze da riscaldare e controllati da un termostato: in questo modo è possibile controllare il riscaldamento a pavimento come si desidera.

 

Questo tipo d’impianto non richiede che l'acqua abbia un'alta temperatura, differentemente dai sistemi tradizionali i quali presentano una temperatura media di 70°. 


I vantaggi del sistema radiante a pavimento

Il sistema radiante a pavimento presenta una serie di vantaggi molto interessanti, in primis quello di distribuire in maniera omogenea il calore in casa. Differentemente dal sistema di riscaldamento tradizionale, il sistema a pavimento riesce a propagare il calore in tutta la superficie in maniera eguale creando le condizioni di giusto comfort termico.

 

Questa tipologia di riscaldamento apporta dei benefici anche alla salute: infatti non produce polveri, un gran sollievo per chi soffre di allergie. Uno dei pro del sistema radiante è la sua capacità di mantenere il giusto livello di umidità così da garantire un ambiente in cui l’aria è perfettamente salubre.

Altre caratteristiche positive da attribuire a questo sistema sono relative alla sua silenziosità e alla facilità di installazione. Infine va citato il risparmio in termini di risparmio energetico: il sistema si serve di acqua a basse temperature, dunque ha bisogno di meno energia per il suo funzionamento a differenza dei riscaldamenti a gas tradizionali.

 

Ogni sistema ha i suoi pro e contro. In questo caso il prezzo è uno dei fattori più incidenti nella scelta di questo tipo di riscaldamento, circa il 30% in più rispetto al sistema tradizionale. Va però ricordato che è possibile usufruire dell'ecobonus previsto per la riqualificazione energetica degli edifici.

Il sistema a pavimento non propaga immediatamente il calore, ma ha bisogno di almeno una giornata per raggiungere la giusta temperatura. In caso di malfunzionamenti occorrerà smantellare il pavimento per procedere alla sostituzione dei tubi. 

Sistema radiante a soffitto

Questa tipologia di riscaldamento prevede che il sistema di tubi venga installato direttamente nel soffitto e coperto da un controsoffitto in cartongesso: in questo modo il sistema è perfettamente nascosto e non ingombra gli ambienti.

 

L’impianto di raffrescamento e riscaldamento Uponor Teporis è integrato nella struttura di sostegno dei soffitti sospesi ed è indicato sia nei nuovi interventi che nei progetti di riqualificazione

 

Il calore si propaga nell’ambiente attraverso i pannelli radianti che compongono questo sistema di riscaldamento attraverso il principio dell’irraggiamento: un corpo freddo assorbe il calore che viene emanato da un corpo con temperatura più alta. Le particelle calde proveniente dal soffitto cedono a quelle fredde delle pareti energia cinetica fino a quando l’ambiente raggiunge una situazione ideale di equilibrio termico.

 

Top-Radiant di Nicoll è una soluzione semplice, razionale ed efficiente per la climatizzazione tramite pannelli radianti a soffitto adatta negli interventi nuovi e in particolar modo nelle ristrutturazioni

 

I panelli a soffitto sono modulari e possono essere facilmente installati in ogni tipo di edificio, senza incorrere in lunghi lavori di ristrutturazione. La distribuzione del calore è omogenea e non genera sbalzi di temperatura: come nel caso del riscaldamento a pavimento si tratta di una scelta che ha un impatto positivo sulla salute degli abitanti poiché contrasta la formazione di umidità e muffe.

 

Per il massimo comfort in ambienti commerciali o industriali Sabiana propone le termostrisce radianti, alimentate ad acqua calda surriscaldata e vapore che assicurano resa termica ottimale ed una temperatura uniforme su tutta la superficie radiante.

 

 

Tra i contro occorre citare la difficoltà di utilizzo in ambienti con soffitti troppo alti dove si consiglia di optare per un’altra tipologia di riscaldamento che possa essere maggiormente efficace in presenza di ampi soffitti. 

Sistema di riscaldamento a battiscopa                   

I pannelli radianti possono essere “nascosti” anche nel battiscopa: l’acqua calda che scorre nei tubi riscalda l’ambiente per irraggiamento, distribuendo il calore in tutti gli angoli domestici. La struttura del battiscopa ha generalmente uno spessore di 3 mm ed è alto 15 e può avere diverse finiture.

 

Il battiscopa riscaldante Best Board attraverso irradiazione termica sui muri esterni assicura un corretto riscaldamento ambientale.

 

Esistono diverse tipologie di riscaldamento a battiscopa: ad acqua, elettrico e il sistema misto. Nel primo caso i pannelli sono alimentati da acqua calda prodotta dalle tradizionali caldaie a gas, pompe di calore, impianti solari. Il modello elettrico presenta al suo interno delle resistenze che agevolano la propagazione del calore; il sistema misto è invece dotato di doppia alimentazione e vi consentirà di scegliere la fonte di energia che desiderate alimenti il sistema. 

 

Il riscaldamento a battiscopa lavora in sinergia con gli impianti eco-sostenibili: sfruttando le risorse rinnovabili garantirete alla vostra casa il massimo del comfort termico contenendo i costi. Tra gli altri vantaggi menzioniamo la diffusione uniforme del calore e la sua bassa inerzia termica che consente a questo sistema di riscaldare velocemente gli ambienti.

 

Il sistema è molto efficiente, ma non è consigliato in grandi ambienti dove il calore potrebbe non arrivare nelle aree interne. Inoltre, per garantire il corretto funzionamento, non dovranno essere addossati mobili al battiscopa in modo tale da consentire la corretta fuoriuscita dell’aria calda.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento