Impianti di ventilazione meccanica: utilizzo e manutenzione

I sistemi di ventilazione meccanica controllata permettono il corretto ricambio d’aria, garantiscono comfort ambientale, efficienza energetica e ambienti privi di agenti inquinanti. Per il corretto funzionamento, però, sono fondamentali la giusta regolazione dell’impianto, la pulizia e la manutenzione. In questa breve guida scopriamo caratteristiche e vantaggi

A cura di:

Impianti di ventilazione meccanica: utilizzo e manutenzione corretti

Indice degli argomenti:

Che cos’è la ventilazione meccanica controllata

Con ventilazione meccanica controllata, abbreviata in VMC, si intende un impianto che assicura il corretto ricambio d’aria negli ambienti chiusi. La necessità di ricorrere a questo sistema è nata con la diffusione dei nuovi edifici energeticamente efficienti, sempre più isolati ed ermetici.

Infatti, anche se cappotto termico e infissi performanti hanno eliminato ogni spiffero, migliorando l’isolamento termico e la tenuta all’aria degli edifici, d’altra parte impediscono il ricambio d’aria minimo che avveniva in modo naturale nei vecchi edifici. La ventilazione è fondamentale per il benessere e il comfort delle persone, in quanto aiuta a eliminare l’aria viziata e quindi le sostanze tossiche e nocive o anche gli agenti microbiologici che inevitabilmente si formano all’interno degli edifici, con il rischio di formazione di muffe.

Che cos’è la ventilazione meccanica controllata

La ventilazione meccanica controllata è la soluzione ideale per ventilare correttamente gli ambienti e, come dice proprio il nome, farlo in modo controllato, ovvero in relazione al reale fabbisogno e al tasso di umidità presente in una stanza.

In sostanza, un impianto di VMC filtra l’aria proveniente dall’esterno e la immette pulita nell’ambiente, prelevando quella interna viziata ed espellendola, favorendo così anche il controllo di parametri quali umidità e temperatura. Questo sistema può essere regolato secondo le esigenze e, rispetto alla classica apertura delle finestre per 5 minuti, non provoca una dispersione eccesiva di calore (o fresco d’estate). La VMC è un vantaggio anche per chi soffre di allergie, dato che l’aria in ingresso viene accuratamente filtrata.

Il funzionamento e le tipologie di VMC

Iniziamo il nostro percorso alla scoperta della ventilazione meccanica controllata comprendendone il suo funzionamento. Gli apparecchi VMC sono dotati di due ventilatori per estrarre l’aria e per immetterla negli ambienti: la macchina aspira aria esterna pulita e fredda e contemporaneamente preleva l’aria interna più calda, a questo punto uno scambiatore di calore a flussi incrociati va a recuperare il calore nell’aria estratta e lo cede a quella aspirata.

Esistono due tipologie di sistemi di ventilazione meccanica controllata: a singolo flusso e a doppio flusso. Nel primo caso la ventilazione forzata viene affidata a una sola unità ventilante, mentre per l’immissione e fuoriuscita di aria sono utilizzati degli elementi di tipo statico generalmente applicati sui telai dei serramenti.

Le unità statiche possono essere di tipo normale o igroregolabili. Nel primo caso il sistema può essere di tipo statico, regolato in fase di installazione, oppure autoregolante ossia dotate di un elemento specifico in grado di autoregolare il flusso d’aria. Le unità igroregolabili, invece, sono dotate di bocchette in grado di aprirsi in funzione dell’umidità presente nell’ambiente.

Il singolo flusso è sicuramente un sistema più economico, che si caratterizza per poco ingombro e necessita di minori costi di manutenzione rispetto al doppio flusso. Sicuramente rispetto al doppio flusso il recupero energetico è inferiore così come il beneficio acquisibile in termini di risparmio energetico.

Il sistema a doppio flusso invece prevede che venga installata un’unità di ventilazione con sistema di recupero di calore. Il doppio flusso, sebbene presenti un costo iniziale maggiore, garantisce ottime prestazioni in termini di efficienza energetica grazie alla presenza dello scambiatore di calore: l’investimento iniziale verrà ammortizzato in un tempo breve grazie al risparmio economico che il sistema di ventilazione meccanica controllata garantirà.

Naturalmente il costo di installazione di un sistema di VMC dipende dal tipo di soluzione scelta, dalla dimensione e tipologia dell’abitazione, se si tratta di una casa di nuova costruzione o di un intervento di riqualificazione. E’ un range estremamente variabile, che in linea di massima può variare dai 500 euro fino a oltre 5000. Il nostro consiglio è di chiedere sempre un preventivo a una o più aziende specializzate.

Come si usa un impianto di ventilazione meccanica

La ventilazione meccanica può assicurare un comfort abitativo elevato purché sia progettata, installata, utilizzata e manutenuta nel modo corretto. L’impianto installato deve essere adeguato alla configurazione degli ambienti interni e, attraverso apposite tubazioni e bocchette, deve essere in grado di aspirare l’aria da ogni ambiente, con la giusta potenza.

Alcuni consigli sono quelli di predisporre la presa d’aria esterna in un punto elevato e non contaminato, di scegliere un impianto col recupero del calore e di assicurare un continuo ricambio d’aria, in modo da ridurre le portate. Infatti, se il ciclo di ventilazione è continuo, sarà necessario immettere ed estrarre meno aria alla volta e l’impianto funziona meglio.

Regolare l’impianto nel modo corretto è fondamentale per garantire un funzionamento ottimale, anche per molto tempo. Per favorire il corretto uso da parte degli utenti, oggi sul mercato si trovano impianti dotati di controllo da remoto, tramite App per smartphone. Spesso questi sistemi possono integrare anche sensori che rilevano la qualità dell’aria, informando l’utente su come sta lavorando l’impianto e se servono interventi correttivi.

Come si usa un impianto di ventilazione meccanica

Questi strumenti, oltretutto, sono vantaggiosi anche per i tecnici e gli installatori, che possono accedere da remoto al sistema in caso di problemi e verificare cosa è necessario fare per risolverli. Inoltre, queste figure possono essere sempre di supporto all’utente durante le prime regolazioni, suggerendogli impostazioni corrette e fornendo informazioni sui parametri che incidono sulla ventilazione, ad esempio il numero di occupanti e il tipo di attività che si svolgono.

Dopo di che, il comportamento dell’utente diventa fondamentale. Molto spesso, scambiando l’impianto di VMC per un condizionatore, si tende a lasciarlo spento per lunghi periodi. In realtà, come detto prima, il ricircolo continuo è fondamentale sia per la salubrità degli ambienti interni, che per la pulizia e il corretto funzionamento dell’impianto. L’aria stessa che continua a circolare nelle tubazioni, le pulisce; se così non fosse si rischiano accumuli di polvere e sporcizia.

La manutenzione dell’impianto di ventilazione meccanica controllata

Rientra nel buon comportamento degli utenti l’assicurarsi che l’impianto sia manutenuto regolarmente e nel modo corretto. Per non inficiare il funzionamento dell’impianto di VMC è necessario eseguire pulizie e manutenzioni periodiche, per le quali ci si può affidare ad esperti del settore. Devono essere puliti tutti gli elementi dell’impianto, come tubazioni, filtri e griglie. In particolare i filtri, se non possono essere adeguatamente puliti, devono essere regolarmente sostituiti, in quanto il loro funzionamento è fondamentale per la purezza dell’aria immessa.

Impianti di ventilazione meccanica: utilizzo e manutenzione corretti
Ricorrere al fai da te per la manutenzione straordinaria non è una buona idea, principalmente per due motivi: da un lato si rischia di rovinare o rompere un sistema che generalmente è abbastanza costoso, dall’altro c’è la possibilità di non eseguire bene i lavori e quindi compromettere la salubrità della propria casa.

Per sapere ogni quanto effettuare la manutenzione vanno considerati diversi fattori, come il numero degli abitanti, il contesto in cui si trova l’edificio e le condizioni ambientali esterne. In generale, comunque, l’utente può prestare attenzione alla pulizia degli elementi a vista, come valvole, griglie interne ed esterne e filtri a bordo macchina ed occuparsi della pulizia ordinaria. Anche in questo caso, comunque, seguendo precise indicazioni fornite dal produttore e/o dall’installatore.

I fornitori dell’impianto, talvolta si rendono disponibili anche per la sottoscrizione di accordi di manutenzione programmati, provvedendo ad effettuare controlli sul funzionamento, la pulizia degli elementi dell’impianto e l’igienizzazione delle componenti più critiche, come i filtri.

Ventilazione Meccanica Controllata: rassegna prodotti

MyDatec – UltrAir

UltrAir è un sistema di Mydatec in grado di ventilare e climatizzare le abitazioni con medio fabbisogno energetico. E’ formato da 3 elementi:

  • VMC termodinamica Smart + che assicura il maggior recupero di calore dall’aria estratta in ogni condizione climatica, grazie ad un sistema brevettato di pompe di calore in grado di restituire un’aria sana, priva di COV e sostanze inquinanti.
  • Power booster ad espansione diretta, la pompa di calore aria/aria dotata di un compressore DC INVERTER che, in caso di necessità, può fornire potenza termica aggiuntiva in riscaldamento e raffrescamento.
  • Pannello di controllo che permette di monitorare e gestire tutti i parametri di funzionamento, impostando le diverse fasce orarie di accensione e spegnimento e ha la funzione di termostato ambiente e visualizzatore.

In abbinamento al sistema VMC MyDatec propone anche un modulo di sanificazione che sanifica l’aria in immissione attivando, attraverso l’interazione di un catalizzatore a base di biossido di titanio e di una lampada UV ad alta intensità, una reazione fotocatalitica  che genera radicali ossidrili in grado di sanificare l’aria degli impianti, degli ambienti e delle superfici, abbattendo batteri e virus.

UltrAir è il sistema di ventilazione meccanica controllata di MyDatec
UltrAir – MyDatec

Hoval – Homevent

Il sistema di VMC Homevent® con recupero di calore e umidità garantisce aria fresca e pulita in tutta la casa 24 ore su 24 per il massimo benessere e il maggior risparmio energetico, evitando sia la formazione di condensa che di aria eccessivamente secca. L’aria viziata viene sostituita con quella fresca, a cui vengono trasferiti sia il calore che l’umidità. Un sensore misura la qualità dell’aria aumentandone la portata nel caso sia necessario.

Il sistema di regolazione centralizzato Hoval TopTronic® E permette di regolare da un unico touch screen ventilazione e riscaldamento, adatta automaticamente il funzionamento dell’impianto, il recupero di calore e il consumo di energia, in base alle reali necessità e all’andamento delle condizioni meteorologiche esterne; grazie all’App TopTronic® il sistema può anche essere gestito da remoto.

L’ultimo nato Hoval HomeVent® FRT che si caratterizza per dimensioni e ingombro ridotti (è largo 560 mm e pesa solo 39 kg), tanto da poter essere posizionato all’interno di un modulo di arredamento e non per forza in un locale tecnico.
E’ dotato di box insonorizzante che permette di ruotare le tubazioni dell’aria a seconda delle necessità.
HomeVent® comfort FRT è disponibile in tre diverse classi di portata: l’HomeVent® comfort FRT 251 per case monofamiliari, il modello fino a 350 m3/h e il più potente, progettato abitazioni molto grandi ed edifici commerciali, fino a 450 m3/h

Sistema di ventilazione meccanica controllata HomeVent® di Hoval
HomeVent® FRT – Hoval

RDZWHR 61

WHR 61 “single room”, è un sistema per la ventilazione meccanica controllata con recupero di calore, molto indicato per aiutare il rinnovo dell’aria nei locali dove non sia possibile installare un sistema canalizzato.Ventilazione meccanica controllata con recupero di caloreNella fase di estrazione l’aria calda spinta all’esterno dal ventilatore cede l’energia termica al recuperatore ceramico; in quella immissione l’inversione di moto immette aria nuova in ambiente, la quale si preriscalda passando attraverso il recuperatore. Il sistema è disponibile con una o più unità.

Viessmann – VMC Energyvent 150-D

Energyvent 150 di Viessmann è un sistema decentralizzato di VMC a parete molto efficiente, dotato di doppio filtro combinato dell’aria esterna per la filtrazione di pm10 e pm2,5, che elimina pollini e polveri dall’aria esterna. Nella versione Energyvent 150-D⁺ in più il sistema regola automaticamente la velocità di ventilazione grazie al sensore umidità, il sensore CO₂ ottimizza l‘ossigenazione eliminando l‘aria viziata e il  sensore VOC controlla la concentrazione di sostanze inquinanti. E’ dotato di luci LED che danno un tocco unico di design.

Impianto di Ventilazione meccanica controllata VMC Energyvent 150-D di Viessmann
VMC Energyvent 150-D – Viessmann

VorticeVORT HRW 20 MONO

Il Recuperatore di calore decentralizzato Vort HRW 20 MONO  di Vortice è particolarmente adatto in abitazioni dove non sia possibile installare un sistema centralizzato perché non necessita di grandi lavori o tubazioni. Si caratterizza per il design elegante e l’ingombro minimo, permette di immettere in casa aria nuova dall’esterno, trattata e filtrata, assicurando comfort e risparmio energetico. Facile da installare vanta bassi livelli sonori, ridotti consumi e recupero di calore fino al 90%.

E’ disponibile in 3 modelli, tutti dotati delle tre funzionalità Ventilazione con Recupero Calore, Ventilazione con sola Estrazione Aria, Ventilazione con sola Immissione Aria: Vort HRW 20 MONO con comandi a bordo;  Vort HRW 20 MONO RC con comandi da remoto e Vort HRW 20 MONO HCS con comandi a bordo e sensore di umidità integrato, con rilevatore impostabile in fase d’installazione al 60%, 70%, 80% o 90%.

Recuperatore di calore VORT HRW 20 MONO di Vortice
VORT HRW 20 MONO – Vortice

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Tema Tecnico

Le ultime notizie sull’argomento