Caldaia a condensazione: zoom sui vantaggi

Le caldaie a condensazione sono un’ottima alternativa agli impianti di riscaldamento tradizionali, garantiscono efficienza energetica e permettono di accedere alle detrazioni fiscali.

A cura di:

I vantaggi della caldaie a condensazioneIndice degli argomenti:

La caldaia a condensazione, in un certo senso, può essere considerata come l’evoluzione della tradizionale caldaia murale a gas, con il vantaggio di essere più efficiente.

Per ridurre al minimo i consumi, infatti, in una caldaia a condensazione si sfrutta anche il calore contenuto nei fumi di scarico, principalmente composti da vapore acqueo.

Se così non fosse, questa energia andrebbe persa. In una caldaia tradizionale questi fumi sono convogliati e dispersi dalla canna fumaria, mentre in una condensazione vengono fatti raffreddare e condensare, grazie alla presenza di un apposito scambiatore di calore.

Una volta condensati, si sfrutta la loro energia per preriscaldare l’acqua fredda, che quindi richiederà meno energia per essere portata alla temperatura di utilizzo. Il recupero del calore dei fumi costituisce circa l’11% dell’energia consumata, ottenendo un duplice risultato: il calore non viene disperso nell’atmosfera e non vengono consumate altre fonti di energia.

Caldaia a condensazione: vantaggi

Una caldaia a condensazione è un’ottima alternativa alla caldaia a gas tradizionale, perché offre vantaggi interessanti e si presenta, in termini di dimensioni e ingombri, simile alle tradizionali caldaie murali.

Come già detto, innanzitutto permette un risparmio energetico notevole grazie al suo funzionamento efficiente. Le prestazioni vengono valutate in termini di rendimento considerando il potere calorifico superiore, che tiene conto della quantità di energia estraibile dal gas metano e dal calore latente.

Di media, i rendimenti delle tecnologie di condensazione disponibili vanno dal 105% al 109%. Quelli delle caldaie tradizionali sono attorno al 90%-93%.  La variabile più importante riguarda la temperatura di funzionamento dell’impianto di riscaldamento, da cui segue la percentuale di rendimento e l’efficienza del sistema. Più è possibile mantenerla bassa, maggiore è il rendimento della caldaia.

Facendo l’esempio di un impianto funzionante a 50 gradi e astraendo da altri fattori particolari, si può dire che una caldaia a condensazione permette un guadagno di efficienza che si aggira intorno al 15-17%. È necessario, tuttavia, considerare un’ampia serie di variabili legate al rendimento di un impianto basato su questa tecnologia: non è solo la caldaia in sé a fare la differenza, ma la qualità dell’involucro, nello specifico il sistema di isolamento che è stato inserito nel pacchetto strutturale, la fascia climatica in cui è collocato l’edificio, le modalità di gestione dell’impianto.

Le performance crescono ancor di più se la caldaia a condensazione è abbinata ad un impianto che lavora a bassa temperatura, ad esempio sotto i 50°. Un ulteriore vantaggio della caldaia a condensazione è la possibilità di dar vita ad un “sistema ampliabile”, ad esempio collegandola a impianti per la produzione di energia rinnovabile – per fare in modo che anche l’energia necessaria per la caldaia venga autoprodotta abbassando ulteriormente l’impatto del sistema di riscaldamento sull’ambiente –  o per il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria, a pompe di calore, bollitori o anche sistemi per il controllo intelligente dell’impianto.

L’efficienza energetica della caldaia a condensazione, inoltre, è testimoniata dalla Certificazio ErP, secondo la direttiva 2009/125/CE, che definisce a livello europeo i requisiti di Eco Design, con lo scopo di migliorare le prestazioni ambientali dei prodotti che, per funzionare, fanno uso di energia.

La caldaia a condensazione va bene per tutti gli appartamenti?

Anche se non esiste una regola generale sul sistema di riscaldamento adatto ad un appartamento piuttosto che a un altro, si può comunque dire che, in generale, la caldaia a condensazione è una valida scelta in qualsiasi appartamento.

Certamente sarà necessario valutare la potenza necessaria per riscaldare l’abitazione, in relazione alle dimensioni degli ambienti.

Detto ciò, è vero che, in alcune condizioni, la scelta risulta ancor più vantaggiosa. Infatti, anche se la caldaia a condensazione – che riscalda acqua – va benissimo anche con un sistema di distribuzione a radiatori, raggiunge il massimo dell’efficienza se abbinata a un impianto di riscaldamento radiante a pavimento, che lavora ad una temperatura di circa 30°.

Inoltre, non ci sono problemi o opere importanti da eseguire nemmeno nel caso non si tratti di un nuovo impianto, ma di una sostituzione di una caldaia tradizionale. Infatti, anche se la caldaia a condensazione richiede la predisposizione di una canalizzazione per la scaricare la condensa, i tubi sono di piccole dimensioni (5 mm) ed è semplice inserirli nelle normali canaline già presenti in casa, fino a un condotto di scarico.

Oltretutto, per agevolare l’installazione di questi impianti, il decreto legge 102/2014 ha introdotto la forma di scarico a parete, come alternativa al convoglio nei camini già esistenti. Nel caso si opti per la seconda opzione, è sufficiente predisporre dei tubi in PVC negli scarichi esistenti.

Sono soprattutto tre le tipologie di caldaie a condensazione disponibili sul mercato:

  • Caldaie a condensazione a gas
  • Caldaie a condensazione a gasolio
  • Caldaie a condensazione gasolio/gas

La scelta dipende dalla condizione dell’involucro e da dove si trova.

Installazione caldaia a condensazione

Non è necessario che una casa abbia particolari caratteristiche per permettere l’installazione, se si esclude la possibilità di ricavare un canale di scolo per l’acqua di condensa e quella di poter inserire nella canna fumaria già esistente dell’abitazione dei tubi in PVC o materiali simili attraverso cui far passare i fumi di combustione.

Almeno il 90% delle abitazioni italiane hanno già queste caratteristiche e un buon installatore è in grado di eseguire le relative operazioni senza particolari problemi.

Caldaia a condensazione prezzi

I prezzi di una caldaia a condensazione sono oggettivamente più alti rispetto a quelli della vecchia caldaia a gas perché incorporano una tecnologia più evoluta.

Il prezzo, tuttavia, può variare in funzione di alcuni criteri: la potenza della caldaia, il range su cui è possibile modularne la potenza, il grado di impermeabilizzazione (importante per l’impiego all’esterno), la capacità del vaso di espansione, il materiale e la costruzione dello scambiatore di calore e l’efficienza della caldaia stessa.

Una volta, tuttavia, sostenuta la spesa iniziale, ci sono diverse statistiche che rendono chiaro, grazie a cifre eloquenti, quanto convenga. Prendendo come riferimento una famiglia che abita in un edificio tradizionale, si registra, dopo l’inserimento della caldaia a condensazione per alimentare l’impianto di riscaldamento, un risparmio di 250-300 euro. In sostanza, a fronte di un investimento iniziale maggiore dovuto ai prezzi di acquisto della caldaia, si gode di un risparmio successivo, dato che si paga, fondamentalmente, il rendimento dell’impianto.

Usufruire degli incentivi fiscali

La Legge di bilancio 2020 ha prorogato per un altro anno le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni e per l’efficienza energetica, in percentuali che cambiano a seconda dell’intervento eseguito.

Per quanto riguarda le installazioni di caldaie a condensazione, queste rientrano nelle detrazioni fiscali Irpef per il risparmio energetico, in quanto si tratta di una spesa sostenuta per efficientare da un punto di vista energe tico la propria casa. La detrazione è del 50% se si installa o sostituisce l’impianto esistente con una caldaia a condensazione, ma sale al 65% nel caso in cui si installi contestualmente un sistema di termoregolazione evoluto, che migliora la gestione dell’impianto.

Migliori caldaia a condensazione

ATAG iZone

La caldaia a condensazione evoluta e integrabile nella domotica di casa, copre le necessità di riscaldamento produzione di acqua calda sanitaria istantanea o tramite accumuli esterni.

ATAG iZone è una caldaia compatta che si caratterizza per ottima portata di acqua calda sanitaria, comfort e velocità- Può essere utilizzata insieme al cronotermostato wifi ATAG One Zone raggiungendo una classe energetica A+.ATAG Izone caldaia a condensazioneGrazie alla tecnologia utilizzata e ai due scambiatori di calore di alta qualità, la caldaia è silenziosa, economica, efficiente e lavora nel pieno rispetto dell’ambiente.

Chaffoteaux – Mira Advance Link

La cadaia a condensazione si caratterizza per ottime prestazioni, connettività e semplicità di installazione. Mira Advance Link vanta un’efficienza stagionale del 94% e raggiunge la classe A+ grazie al gestore di sistema Expert Control e alla sonda per il controllo della temperatura esterna, forniti di serie. CHAFFOTEAUX CALDAIA A CONDENSAZIONE MIRA ADVANCE LINK Tra i molti plus grazie all’App Chaffolink si può monitorare e gestire da remoto, impostando la temperatura desiderata o posticipando l’accensione anche quando si è fuori casa.

Si può installare sia in interni che in luoghi parzialmente protetti, con connessioni elettriche intuitive e uno scarico dei fumi con diametro da 80, 60 o 50 mm. CHAFFOTEAUX CALDAIA A CONDENSAZIONE MIRA ADVANCE LINK (TREQUARTI)Cuore tecnologico del sistema è lo scambiatore in acciaio inox Spin Tech dotato ora di un’unica spira con sezione di passaggio più ampia del 142% rispetto alla versione precedente, che assicura ottima circolazione dell’acqua e abbassa il rischio di intasamento.

L’E-burning system, ovvero il controllo elettronico di combustione, permette la trasformazione gas direttamente dal menu tecnico della caldaia senza kit accessori, garantendo il funzionamento sia con gas metano che con GPL.

Gli acquirenti che sottoscrivono contratto di manutenzione con un centro di assistenza tecnica autorizzato al momento della prima accensione della Mira Advance Link, hanno la possibilità di accedere al programma Protezione 10 che offre 120 mesi di assistenza tecnica garantita per manutenzione ordinaria, interventi di riparazione e danni da fulmini, senza alcun costo per manodopera e parti di ricambio originali.

Froling – PE1c Pellet

La caldaia a condensazione Froling è si caratterizza per un innovativa tecnologia che garantisce rendimento molto elevato, superiore al 106% e funzionamento economico e silenzioso. Tra i molti vantaggi la PE1c Pellet vanta ottimo comfort, basse emissioni e consumi elettrici ridotti.Froling: caldaia a condensazione PE1C PelletPE1c Pellet è formata da acciaio inox assicurando un risparmio fino al 10% del costo del combustibile sfruttando l’energia proveniente da gas combusti che fuoriescono dal camino nei sistemi tradizionali.

E’ dotata di un ampio serbatoio pellet con capacità di 60 l che diminuisce la frequenza di alimentazione del pellet.

Hoval – UltraGas

Le caldaie a condensazione UltraGas assicurano, grazie alla tecnologia all’avanguardia, un rendimento ottimale con un consumo di gas ridotto al minimo. La gamma si caratterizza inoltre per massima funzionalità, è infatti possibile abbinare le caldaie a condensazione a gas a qualsiasi generatore di calore e sistema a energia solare.Caldaia a condensazione Hoval UltraGasLa gamma è disponibile in varie classi di potenza, a partire da 15 kW fino a alla caldaia doppia da 2300 kW, adatte alle diverse necessità, dalle abitazioni monofamiliari alle centrali di riscaldamento locale, al teleriscaldamento.

Paradigma – Modula Plus

Si amplia la gamma di caldaie a condensazione Modula Plus con nuovi modelli e potenze in grado di a soddisfare tutte le esigenze di riscaldamento.

Caldaia a condensazione Modula Plus di Paradigma

A partire da gennaio 2020 sono infatti disponibili nuove versioni, oltre alla 160 (Modula Plus 45, 65, 85 e 115), che coprono un’ampia gamma di potenze, tra i 34kW e i 156kW.

La caldaie a condensazione Paradigma della serie Modula Plus sono particolarmente adatte per installazioni in strutture di medie e grandi dimensioni e si caratterizzano per efficienza e affidabilità, con un rendimento fino al 110%, grazie al corpo caldaia realizzato in alluminio-silicio. Il bruciatore in acciaio inox, premiscelato e modulante, garantisce inoltre una combustione con bassa emissione di sostanze nocive (classe 6), limitando l’impatto sull’ambiente.Caldaia a condensazione Modula Plus di ParadigmaE’ dotata di una nuova interfaccia intuitiva di facile gestione e che assicura una veloce messa in servizio. Si può gestire anche da remoto con comando 0-10 V o tramite regolazione Opentherm, abbinando una delle termoregolazioni Paradigma Systa Comfort II o Termoreg, che garantiscono ottimo comfort e alti rendimenti più elevati.

Caldaia a condensazione Viessmann – Vitodens 222-W

La caldaia murale a condensazione a gas compatta con bollitore in acciaio inox integrato di capacità 46 litri assicura ottimo comfort sanitario (fino a 200 litri in 10 minuti ) in uno spazio ridotto. E’ particiolarmente indicata per installazione in appartamenti o case monofamiliari.

La caldaia Vitodens 222-W, con potenzialità da 1,8 a 35 kW è gestita dalla nuova regolazione Vitotronic 200 dal semplice utilizzo, con un innovativo display touch grafico a colori da 5″.Caldaia a condensazione Vitodens 222-W di Viessmann

Rispetto a un bollitore tradizionale, il sistema di carico del bollitore necessita di un contenuto d’acqua decisamente inferiore per poter erogare la medesima quantità di acqua calda sanitaria.

È dotata di software Energy Cokpit per il monitoraggio dei consumi della caldaia. La versione Connect dispone di interfaccia Wi-Fi per la connessione a internet attraverso ViCare l’App dedicata per la telegestione della caldaia.

Scopri i prodotti dedicati alle caldaie a condensazione selezionati da Infobuildenergia.it

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Tema Tecnico

Le ultime notizie sull’argomento