IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > RhOME for denCity al Solar Decathlon di Versailles

RhOME for denCity al Solar Decathlon di Versailles

Modello di edilizia sostenibile per la casa green del futuro

Il team italiano dell“Università degli Studi di Roma Tre”, guidato dalla professoressa Chiara Tonelli, presenta al Solar Decathlon Europe edizione 2014 a Versailles il progetto "RhOME for denCity",  unico italiano fra i 20 che parteciperanno alla sfida di bioarchitettura istituita nel 2002 dal Dipartimento di Energie degli USA e che vede coinvolte le università di 16 Paesi nella realizzazione di una casa autosufficiente a livello energetico.
Utilizzando uno stile innovativo e metodi di costruzione avanzati, RhOME si concentra su nuovi concetti di sostenibilità ambientale per ottimizzare le risorse climatiche e i materiali locali.
Il progetto che verrà presentato a Versailles dal 28 Giugno al 14 Luglio, propone un piano di intervento che possa essere applicato su larga scala e che sia replicabile in tutte le grandi città metropolitane che perseguono l’idea della Smart City e di una miglior efficienza, attraverso l’utilizzo delle energie alternative.
L’area di progetto scelta a Roma è la zona compresa tra Via di Torre del Fiscale, Via Appia Nuova e l’acquedotto Felice e prevede la realizzazione di una casa verde ed alimentata al 100% da energia solare. L’obiettivo principale del progetto di RhOME for denCity è quello di rafforzare i punti di forza dell’area per aumentare il valore del tessuto urbano, in quest’ottica sono stati privilegiati l’acquedotto, le rovine e l’ambiente naturale.

Per quanto riguarda il progetto presentato a Versailles, la struttura dell’edificio permette la massima flessibilità ed in particolare la possibilità di modificare, trasformare e far crescere l’alloggio a seconda delle esigenze familiari.
La struttura dell’abitazione è in legno con pareti da riempire di sabbia in loco come ammortizzatore termico; una 'centrale' di impiantistica che diventa cuore pulsante dell'abitazione. E’ prevista inoltre la possibilità di dosare l’ingresso della luce naturale utilizzando schermi ombreggianti fotovoltaici.
Per quanto concerne l’impianto fotovoltaico di ultima generazione, i ricercatori Solbian Energie Alternative hanno brevettato una speciale copertura fotovoltaica con 98 pannelli flessibili SP50L (1109x292X1,5 mm) super leggeri (0,8 Kg, sette volte meno di un pannello tradizionale a parità di potenza) montati su un tessuto microforato scuro. Strutturata in tre parti la 'vela' fotovoltaica' copre il tetto e una parete della casa e viene spostata manualmente con facilità facendola scorrere fino a coprire la 'loggia', per fungere da sistema ombreggiante.
Inoltre i moti convettivi che si generano sotto la copertura rinfrescano naturalmente l'ambiente, estraendone l’aria calda.
Il tessuto microforato aiuta la dissipazione del calore in eccesso aumentando l'efficienza delle celle monocristalline mentre la leggerezza dei pannelli ne permette il pre-assemblaggio "a terra" con semplici giunzioni amovibili e un'installazione finale rapidissima.
Come previsto dal regolamento del Solar Decathlon i 5 kw di potenza  rendono la casa totalmente autosufficiente sotto il profilo energetico.

Schneider Electric,fra gli sponsor di RhOME for denCity, ha fornito supporto tecnico, consulenza e le soluzioni utilizzate per realizzare il quadro elettrico principale, le soluzioni inverter e di controllo per l’energia fotovoltaica, batterie e accumulo, cablaggi e altri accessori della casa.

Il team di Roma 3 era stato sponsorizzato anche nella precedente edizione della competizione, tenutasi nel 2012 a Madrid, ed il progetto di allora – MED in Italy – si era classificato al terzo posto.

 

A Rubner Haus, è stato assegnato l’ambizioso compito di tradurre il prototipo abitativo del team nazionale “RhOME” in un vero e proprio edificio. L'azienda in particolare si è occupata della realizzazione di campioni di parete per test termici in camera climatica, del loro trasporto presso le sedi di prova, della produzione degli elementi costruttivi del progetto e del loro assemblaggio nel prototipo oggi finito e pronto per raggiungere Versailles.
La struttura e le finiture del progetto sono realizzate in legno. Rubner Haus ha fornito diversi componenti costruttivi: la struttura in travi di legno lamellare per la distribuzione dei carichi a terra, la struttura portante e di chiusura della costruzione, gli elementi di partizione e controventamento interni, le lattonerie di completamento della copertura e le finiture interne e il servizio di assistenza al montaggio degli impianti e degli infissi esterni ed interni.

 

Rhome, progetto italiano al Solar Decathlon
Rhome, sistema di scorrimento copertura fotovoltaica Solbian
Solbian, modulo fotovoltaico SP50L

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/07/2018

Larcipelago di Vega, patrimonio Unesco, ospita il suo primo centro per visitatori

La prossima primavera si inaugura il centro visite del sito Unesco dell’Arcipelago Vega. Una struttura sobria, elegante, realizzata con materiali robusti e naturali. Un manifesto della cultura popolare norvegese, incastonato in un paesaggio ...

13/07/2018

Vivere e lavorare in un edificio BIO in legno

Il titolare dell’Azienda Agricola Debiasi ha affidato a Vario Haus la realizzazione di un edificio totalmente sostenibile, che ospita l’abitazione, il laboratorio e il punto vendita     Stefano Debiasi, titolare dell’omonima ...

12/07/2018

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Dalla riqualificazione di un rustico di fine 800 Tiziana Monterisi Architetto ha realizzato a Moneglia un’abitazione Nzeb utilizzando esclusivamente materiali naturali e spesso poco sfruttati in edilizia quali paglia di riso, argilla, cocciopesto e ...

11/07/2018

Efficienza al 25,2% dall'unione celle solari in silicio e perovskite

Le celle solari tandem realizzate nell’ambito del progetto europeo CHEOPS che uniscono silicio e perovskite raggiungono l’efficienza record del 25,2%.     Il Progetto Europeo CHEOPS, è partito a febbraio 2016 per lo ...

09/07/2018

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino realizza “Il Parco Dora di Shougang” una delle sedi che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2022 in Cina, progetto sostenibile e a “zero consumo di suolo”.     Nasce dalla riqualificazione ...

09/07/2018

Rinnovabili: le potenzialit del fotovoltaico off-grid

Nel mondo ci sono circa un miliardo di persone che non hanno accesso all’elettricità. I sistemi fotovoltaici off-grid possono aiutare a colmare questo divario, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Ma serve il supporto dei governi ...

04/07/2018

Possibile contrazione per il mercato fotovoltaico

Bloomberg pubblica per la prima volta stime negative rispetto ala crescita del settore fotovoltaico nel 2018: per la prima volta le installazioni potrebbero diminuire, del 3% secondo uno scenario conservativo      Per la prima volta il ...

03/07/2018

Il fotovoltaico e i nuovi sistemi energetici per le citt

Innovazione e interconnessione sono i perni della rivoluzione energetica urbana.   a cura di Italia Solare     La connettività e i dati sono oggi i driver di sviluppo sociale, economico e tecnologico. L'integrazione tra componenti ...