IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > A Prato case più ecosostenibili grazie ai rifiuti dell’industria tessile

A Prato case più ecosostenibili grazie ai rifiuti dell’industria tessile

E' stato presentato nei giorni scorsi il nuovo Allegato K al Regolamento Urbanistico del Comune di Prato che ha l'obiettivo di realizzare nuove forme dell'abitare, più sostenibili dal punto di vista dei consumi energetici e dei costi grazie a nuove tecniche di progettazione, che includono anche l'utilizzo di scarti tessili come isolanti, con il doppio risultato di diminuire anche i conferimenti in discarica di materiali riciclabili. Il nuovo Allegato K sostituisce la prima versione realizzata dal Comune di Prato nel 2006 che si è aggiornata in seguito all'evoluzione della normativa a livello regionale e nazionale e all'approvazione da parte del Parlamento Europeo del pacchetto clima - energia 20-20-20.
La prima novità è che l'Allegato K sarà esteso agli edifici già esistenti e quindi a ristrutturazioni (interventi di rifacimento delle facciate, dei tetti e degli infissi esterni) con l'obiettivo di migliorarne l'efficienza energetica per ottenere una riduzione dei consumi energetici che ponga gli immobili in "classe A". L'altra novità è la sperimentazione di alta qualità edilizia per la sostenibilità e la riduzione dell'impatto sulle altre risorse naturali e del rischio idraulico: rientrano in quest'ambito il recupero e il riciclo degli scarti della produzione tessile per realizzare pannelli di coibentazione per gli edifici, con una sorta di "filiera corta" dei rifiuti di questo genere che diventano materiali ecologico a "km 0" per edifici ad energia quasi zero. In questo modo si evita lo smaltimento in discarica di quantità notevoli di rifiuti, riuscendo così ad abbassare le tariffe di smaltimento. Come ha spiegato Roberto Meoni, responsabile della gestione degli impianti di Asm "l'azienda si occupa della raccolta, della selezione e dell'igienizzazione degli scarti per farne materia rigenerata: sono già state avviate alcune collaborazioni con l'Unione Industriale Pratese e con alcune aziende locali per valutare le possibili opzioni di impiego dei cascami tessili". Tra queste appunto l'impiego per la produzione di prodotti isolanti per l'edilizia, sviluppato dalla Manifattura Maiano. I materiali prodotti a partire dai rifiuti tessili selezionati e trattati da ASM si integrano perfettamente nei criteri di premialità definiti dall'allegato K, che dà infatti l'opportunità di ottenere sconti sugli oneri di urbanizzazione secondaria pari al 20% o incrementi volumetrici dal 5% per gli immobili fino a 500 metri quadrati e dell'1% oltre queste dimensioni alle imprese e ai committenti che scelgono di andare oltre i requisiti minimi imposti dalla legge quanto ad efficienza energetica.
Per quanto riguarda l'Allegato J, che disciplina la sicurezza degli impianti all'interno degli edifici, si è adeguata la precedente normativa agli ultimi aggiornamenti di legge.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/12/2017

Efficienza energetica e sostenibilità di una Casa di riposo

Una nuova Casa di riposo realizzata in provicia di Bergamo unisce una progettazione attenta a sostenibilità ed efficienza a massima attenzione ai bisogni di comfort e privacy degli ospiti     In tutta Europa e nel nostro Paese in ...

07/12/2017

aVOID, mini casa mobile dotata di ogni comfort

La mini-casa firmata dal giovane architetto Leonardo Di Chiara, in 9mq soddisfa ogni comfort, sposando uno stile di vita più sostenibile     Prototipo di “casa mobile” ispirata alla tipologia americana di tiny house, casa ...

30/11/2017

Koi Cafè ad Hanoi: il progetto green di Farming Architects

Lo studio Farming Architects ha ricreato un ecosistema all’interno di un locale: un ambiente raffinato circondato da uno stagno per le carpe Koi, una cascata al coperto e un orto sul tetto.       Quanti di voi sognano di poter ...

22/11/2017

Una casa passiva a 1800 mt che non necessita di riscaldamento

Casa UD è un'abitazione passiva che grazie all'uso di soluzioni costruttive 100% naturali non utilizza combustibili fossili e non necessita di impianti di riscaldamento né di condizionamento    
Lo studio Tiziana Monterisi ...

21/11/2017

A Genova il modulo abitativo sperimentale ed energeticamente autonomo

Biosphera 2.0, il modulo abitativo sperimentale ed energeticamente autosufficiente ospitato a Genova in occasione del Festival della Scienza     Un interessante fuori programma per Biosphera 2.0, modulo abitativo passivo che dal 2016 è ...

16/11/2017

Campus di Humanitas University immerso nel verde

Inaugurato il nuovo Campus Humanitas che comprende 3 edifici su uno spazio di 25 mila metri quadrati. Tanto verde, grandi vetrate per un'illuminazione efficiente, massimo comfort    
Inaugurato a Milano, in occasione ...

15/11/2017

La casa del futuro efficiente, smart e alimentata da rinnovabili

La Casa del futuro, progetto italiano finalista al Solar Decathlon Middle East 2018, è un’abitazione green, smart e interamente alimentata dall’energia solare     L’Università Sapienza di Roma ha presentato alla ...

13/11/2017

Presente e futuro degli edifici PASSIVHAUS

A Bologna il 25 novembre la 5a Conferenza nazionale Passivhaus, evento dedicato alle costruzioni verdi durante il quale sarà presentata la prima pubblicazione in Italia completamente dedicata al settore  
L’Opificio Golinelli di ...