IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Copertura fotovoltaica per lo stadio a Casarano

Copertura fotovoltaica per lo stadio a Casarano

Sole allo stadio comunale "Capozza" di Casarano. Dopo i lavori di adeguamento prende il via la realizzazione della curva sud e si presenta ufficialmente il progetto della copertura fotovoltaica in grado di fornire energia sufficiente per il fabbisogno annuo di 700 abitanti. A tal fine è stato approntato un gruppo di progettazione internazionale, coordinato dall'architetto Toti Semerano per Laboratorio di Architettura e dall'architetto Fabiano Spano per EchoMaterico, che ha progettato una copertura che si basa sul modello di un nastro che si svolge cambiando costantemente forma ed inclinazione in base alle condizioni ottimali di esposizione, in funzione della resa ottimale dei pannelli fotovoltaici. Questo gruppo internazionale, formato da tecnici con competenze specialistiche, ha lavorato in contatto via internet tra il Salento e Londra, Barcellona e New York, in modo da far evolvere il progetto base fino a risolvere tutti i singoli problemi elettrotecnici, strutturali ed architettonici.
"Si tratta di un progetto integrato, afferma l'architetto Toti Semerano, leader del progetto, "che, pur adottando i sistemi costruttivi più aggiornati, consentirà un'esecuzione affidata completamente a maestranze locali: il concetto di base è introdurre la massima qualità, da qualunque parte del mondo provenga, e farla diventare patrimonio della realtà locale, con l'attenzione sempre rivolta alla crescita del territorio". Trattandosi di uno stadio all'interno della città il criterio seguito è di mantenere integralmente la struttura esistente come memoria storica del passato recente, e di far volteggiare al di sopra una forma elegante e leggera. Il progetto nella sua attuale configurazione è realizzabile anche per parti, consentendo in ogni fase di conseguire gli obiettivi di energia prodotta, risparmio energetico e diminuzione delle emissioni, fino a raggiungere i 620 chilowatt di potenza installata, con la conseguente mancata emissione in atmosfera di oltre 600 tonnellate di Co2 all'anno che sarebbero generate dalla combustione di 236 tonnellate di combustibili fossili necessari a produrre una analoga quantità di energia. Il progetto individua anche la possibilità di risolvere, assieme allo stadio, altre esigenze del quartiere: esistono infatti nelle adiacenze dello stadio delle istituzioni scolastiche che potrebbero condividere palestra, piscina, spazi riabilitativi, sale conferenze in una sinergia che prevede l'aumento della produzione fotovoltaica estendendo la copertura dello stadio sino ad accogliere questi nuovi servizi.
"Il Capozza ritornerà ad essere degno del suo glorioso nome proprio perché diventerà un importante esempio di architettura sportiva contemporanea", afferma il patron della Virtus Casarano, Paride De Masi, che ha stipulato con l'Amministrazione Comunale la convenzione per la gestione e la manutenzione dell'impianto sportivo. "Sarà un'opera d'arte", prosegue De Masi, "un elemento distintivo della città, che potrà diventare meta turistica di tanti appassionati di sport e di architettura. Un monumento dal cuore pulsante legato alla passione dei tifosi e capace di rendere sempre più visibile la città di Casarano a livello internazionale".
 
Fonte http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/lecce/

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2017

Nel 2016 cala la produzione fotovoltaica

Il "Rapporto statistico solare fotovoltaico" Pubblicato dal GSE evidenza un calo del 4,3% della produzione fv dei primi 11 mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015     Come ogni anno il GSE, pubblica il “Rapporto statistico - ...

16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

11/01/2017

Progetto di “Rigenerazione Urbana” dell’Area ex Expo Milano 2015

Il Bando, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e dell’Unione Europea, per la rigenerazione dell’area Expo sarà aperto fino al 28 febbraio 2018.        Arexpo S.p.A. ha indetto una procedura ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

04/01/2017

A Klimahouse alla scoperta degli edifici più sostenibili e ad alta efficienza energetica

Tornano dal 26 al 29 gennaio le visite degli Enertour ad edifici che uniscono architettura, efficienza e design     Si conferma anche per l’edizione 2017 di Klimahouse il ricco programma degli Enertour con le visite ai più ...

29/12/2016

Riqualificazione edilizia sostenibile di un edificio storico

Un progetto di recupero green per Palazzo Pitagora, un edificio storico che sorge nel quartiere Parioli a Roma     L’architetto romano Renato Guidi, fondatore della Bioedil Progetti, firma il prestigioso progetto Palazzo Pitagora nel ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...