IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > GSE: Rapporto 2009, emessi più di 16 milioni di certificati verdi

GSE: Rapporto 2009, emessi più di 16 milioni di certificati verdi

Il Gestore dei Servizi Energetici ha pubblicato sul proprio sito internet (www.gse.it) il Rapporto delle attività svolte nel corso del 2009.
Nel documento vengono delineati i risultati dei molteplici meccanismi gestiti dal GSE: il sistema dei certificati verdi e delle tariffe onnicomprensive per l'incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, il meccanismo del conto energia per la produzione di energia elettrica da fonte solare, il riconoscimento della cogenerazione, le attività che il GSE svolge in qualità di gestore della produzione di energia elettrica in rappresentanza dei soggetti titolari degli impianti CIP 6 o di quelli che abbiano sottoscritto convenzioni di ritiro dedicato o scambio sul posto.
Sono infine delineate le nuove attività - tra cui quelle a supporto delle istituzioni per l'attuazione della Direttiva 2009/28/CE - che il GSE è stato chiamato a svolgere
nell'interesse del Sistema Paese.
 
Qualifica IAFR
Nel corso del 2009 sono pervenute al GSE 913 domande di riconoscimento della qualifica di "Impianto Alimentato a Fonti Rinnovabili" (IAFR).
In totale, a dieci anni dall'avvio del meccanismo dei certificati verdi, sono state valutate quasi 5.000 richieste. Le qualifiche IAFR rilasciate a fine 2009 sono 3.222, di
cui 2.202 per richieste di qualifica di impianti in esercizio e 1.020 per impianti a progetto.
Per quanto riguarda gli impianti in esercizio, in termini di numerosità, la maggior parte degli interventi qualificati riguarda impianti idroelettrici (1.163). Sono però gli impianti eolici quelli che hanno comportato la maggior potenza installata relativamente agli impianti nuovi (4.113 MW su 6.691 MW totali).
Tra le qualifiche a progetto emerge la crescita degli impianti alimentati a bioliquidi, cui corrisponde, per quanto riguarda i nuovi impianti, una potenza virtuale di 1.776 MW, seconda solo a quella relativa agli impianti eolici (3.143 MW).
 
Certificati Verdi
Per quanto riguarda l'anno 2009 sono stati emessi dal GSE oltre 16 milioni di certificati verdi relativi all'energia prodotta da impianti alimentati a fonti rinnovabili.
Ciò ha comportato un notevole eccesso di offerta rispetto alla quota d'obbligo del 2009, corrispondente a circa 8,5 milioni di CV.
La maggior parte dei certificati emessi ha riguardato impianti idroelettrici ed eolici. Da notare che ben il 34% dei certificati emessi non ha riguardato impianti di nuova costruzione ma interventi su impianti esistenti.
 
Tariffe Onnicomprensive
Alla fine del 2009, gli impianti per i quali è stata accolta la richiesta di accesso alla tariffa onnicomprensiva sono stati 565 per una potenza complessiva pari a 320 MW. Sia in termini di numerosità che di potenza le tipologie impiantistiche prevalenti ammesse alla TO sono, nell'ordine, quella idroelettrica, a biogas e a biomasse.
 
Conto energia fotovoltaico
A fine 2009 risultano entrati in esercizio 71.251 impianti per una potenza totale di 1.137 MW, di cui 5.724 con il primo conto energia, per una potenza annua installata di 164 MW, e 65.527 con il secondo conto energia, per una potenza di 973 MW.
L'analisi delle potenze installate dall'avvio del meccanismo evidenzia un andamento di crescita graduale; la potenza media unitaria degli impianti fotovoltaici entrati in esercizio nel corso del 2009 è pari a 18 kW, contro i 14 kW medi installati nel corso del 2008, gli 11 kW del 2007 e i 7 kW del 2006.
Per l'incentivazione degli impianti fotovoltaici, nel corso del 2009 sono stati erogati circa 300 milioni di Euro, corrispondenti a un'energia di quasi 0,69 TWh.
 
Energia Cip 6
Nel 2009 è diminuita la quantità di energia Cip 6 ritirata dal GSE per effetto della progressiva scadenza delle convenzioni: l'energia ritirata ammonta a circa 36 TWh (-10 TWh rispetto al 2007 e -5,5 TWh rispetto al 2008).
Nel 2009 è diminuita anche la remunerazione media degli impianti CIP 6: circa 97 €/MWh per l'energia prodotta da fonti assimilate (-16 €/MWh rispetto al 2008) e 183 €/MWh per quella prodotta da rinnovabili (anche per esse -16 €/MWh rispetto al 2008). Ciò è dovuto sia alla scadenza del periodo incentivante di molte convenzioni, sia alla riduzione del costo evitato di combustibile.
I 4,1 miliardi di euro necessari per il ritiro dell'energia Cip 6 nel 2009 sono stati coperti per 2,3 miliardi grazie alla gestione della medesima energia da parte del GSE (vendita sul mercato e contratti per differenza) e per 1,8 miliardi mediante la componente A3.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
26/05/2017

Quasi 10 milioni gli occupati nelle rinnovabili

Nuovo Rapporto firmato Irena: a livello globale più posti di lavoro nelle energie rinnovabili che nelle fossili. Il fotovoltaico batte tutti     Nel 2016, secondo quanto riportato dal rapporto pubblicato da Irena (International Renewable ...

24/05/2017

La facciata solare che testa 15 diversi tipi di moduli fotovoltaici

Funziona da 6 mesi la facciata solare realizzata con 15 diversi tipi di moduli in vetro per definire quali siano i più indicati a seconda delle esigenze degli architetti     Il progetto europeo SmartFlex Solarfacades avviato nel 2014, ha ...

23/05/2017

Tende veneziane fotovoltaiche per ridurre i consumi energetici fino al 70%

Tecnologia fotovoltaica innovativa che sfrutta le tende veneziane per la produzione di energia pulita         Presentata dalla startup SolarGaps HQ, che ora ha promosso una raccolta fondi suKickstarter, l’innovativa ...

22/05/2017

Ad Aprile 2017 fotovoltaico a + 13,2%

Pubblicato il Rapporto mensile Terna, ad aprile calano i consumi di energia del 2,5%. Diminuisce la produzione da fonti rinnovabili, fotovoltaico a parte, che cresce del 13%       Ad aprile 2017 l’energia richiesta in Italia, pari a ...

22/05/2017

Gruppo Lego 100% rinnovabile 3 anni prima del previsto

Dopo 4 anni e un investimento di 6 miliardi di Corone in due parchi eolici offshore, il Gruppo ha raggiunto l'ambizioso obiettivo e per festeggiare ha costruito la più grande turbina eolica fatta di mattoni       Dal 2012 la Lego ha ...

19/05/2017

L'energia del futuro efficiente, in accumulo e rinnovabile

Appuntamento l'8 giugno a Verona con aziende e istituzioni per capire come sta evolvendo il mondo delle energie rinnovabili e qual è la strada da seguire per la sostenibilità e l'efficienza energetica     Quali sono le azioni da ...

18/05/2017

Gli inchiostri elettronici intelligenti riscrivono il futuro del fotovoltaico

All’Università australiana di Newcastle realizzata un’area di sperimentazione di 100mq per studiare i rivoluzionari pannelli fotovoltaici stampati       L’Australia conferma di essere un paese all’avanguardia ...

15/05/2017

Dal rinnovamento del parco eolico 6,6 miliardi di euro di risparmi entro il 2030

Benefici per i consumatori e l’ambiente dal rinnovamento del parco eolico in Italia. Senza nuovi incentivi invece la potenza eolica potrebbe scendere a 7mila MW       Nel corso del recente convegno dell’ANEV e di I-Com, Istituto ...