IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L'allarme di Power-One sul V Conto Energia

L'allarme di Power-One sul V Conto Energia

In seguito alla firma dei due decreti ministeriali che definiscono i nuovi incentivi per l'energia fotovoltaica e per le rinnovabili elettriche non fotovoltaiche, sono state espresse forti critiche dalle Associazioni di settore e dalle singole realtà aziendali.
Di seguito vi riportiamo la reazione di Power-One, azienda toscana seconda produttrice mondiale di inverter fotovoltaici
"Il V Conto Energia - spiega Averaldo Farri, consigliere delegato Power-One, presenta elementi di estrema criticità e, nonostante le rassicurazioni che provengono dal Ministero per lo Sviluppo Economico, causerà serie conseguenze per le industrie e per tutti gli operatori del settore fotovoltaico italiano".
 
"Tuttavia -  dice Averaldo Farri - si può ancora rimediare. Sarà sufficiente che in fase di presentazione del V Conto Energia si lasci aperto uno spiraglio ad un cambiamento della regola del registro nel caso in cui, passati tre mesi dal varo del decreto, si vedesse che il settore si ferma. Sarebbe un approccio serio, ed anche giustamente umile, ad un problema che rischia di essere molto, molto serio per le aziende del settore fotovoltaico italiano. Inoltre, come anche indicato da Gifi, se davvero non c'e intento punitivo nei confronti delle rinnovabili, bisogna che siano risolte velocemente "tutte le limitazioni regolatorie allo scopo di liberalizzare il mercato dell'energia dando la possibilità reale di produrre e vendere l'energia elettrica anche sulla base di contratti tra privati. A tale scopo la rapida regolazione dei Servizi Efficienti di Utenza, i cosiddetti SEU, rappresenta l'ultima spiaggia per il salvataggio dell'industria fotovoltaica".
 
Power-One fa propria l'opinione diffusa fra gli operatori e fra tanti esponenti politici di tutti gli schieramenti, che se davvero si voleva "dare una regolata" al settore, sarebbe stato sufficiente ridurre le tariffe previste dal IV Conto Energia, in funzione dell'installato. Quel sistema avrebbe spinto il settore velocemente verso la grid parity ed avrebbe permesso di identificare il punto di equilibrio fra incentivi ed installato in modo da dare stabilità al mercato.
 
"Voler cambiare tutto l'impianto della legge - continua Averaldo Farri - invece, dà la sensazione di una misura punitiva. Il mercato che deriverà dal contingentamento della potenza installata gestito dai registri sarà di circa 1,5 GW all'anno contro i 3,5-4 GW annui che il mercato italiano ha saputo sviluppare fino ad ora. E' chiaro che una riduzione di quasi 2/3 del mercato interno non potrà che causare disastri per le aziende. C'e' una diffusa percezione fra gli operatori economici che il registro non funzionerà e, inoltre, il limite del fuori registro, che sia 12KW o 20KW poco importa, è visto come una punizione nei confronti del settore e come una misura il cui unico scopo è il blocco dello sviluppo del fotovoltaico in Italia".
 
L'azienda toscana ritiene infine che il Ministero avrebbe dovuto ascoltare chi ha saputo investire in Italia ed ha difeso occupazione e crescita nel nostro Paese. 
 

TEMA TECNICO:

Conto Energia

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
07/04/2015

Adeguamento ISTAT per impianti FV in 1 Conto Energia

Ater, Associazione Tecnici Energie Rinnovabili, in un comunicato informa che in questi giorni chi abbia aderito al primo conto energia fotovoltaico “DM 28 Luglio 2005” sta ricevendo dal GSE raccomandate che richiedono la restituzione ...

07/06/2013

Finisce il V conto energia, raggiunti i 6,7 miliardi di euro

Il GSE in un comunicato ha annunciato la fine del V Conto energia per il solare fotovoltaico. Il Contatore Fotovoltaico presente sul sito del Gestore dei Servizi Energetici ha infatti raggiunto il valore di costo indicativo cumulato annuo degli incentivi di ...

24/01/2013

Il Decreto Conto Termico non soddisfa pienamente il Co.Aer

Il Decreto Conto Termico, tappa essenziale per raggiungere gli obiettivi della Strategia energetica nazionale, si propone il duplice scopo di incentivare la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di accelerare gli interventi di efficienza ...

18/12/2012

GSE: Conto energia, superati i 6.5 miliardi di euro

Il GSE in una nota informa che il totale del costo cumulato annuo del Conto Energia, come riportato sul Contatore Fotovoltaico posizionato sull'home page del proprio sito web, aggiornato al 16 dicembre 2012 con le ultime richieste di incentivazione ...

23/08/2012

Aperto il primo Registro per gli impianti Fotovoltaici superiori a 12 kw

Il Gestore dei Servizi Energetici ha comunicato che dalle 9.00 del 20 agosto e fino alle ore 24.00 del 18 settembre si apre il 1° Registro per gli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 12 kW, di cui al Quinto Conto Energia.

27/07/2012

Il fotovoltaico come sistema per produrre energia pulita. Intervista a Valerio Natalizia

Per comprendere meglio l'impatto del Quinto Conto Energia sull'industria del fotovoltaico italiano abbiamo intervistato Valerio Natalizia, Direttore Generale di SMA Italia e Presidente di GIFI, Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane, che raccoglie le ...

16/07/2012

V Conto Energia, Anter: ascoltate solo in parte le nostre richieste

ANTER, Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili e i suoi oltre 120mila associati manifestano perplessità su alcune delle misure adottate dal Governo in materia di rinnovabili ed espresse sul Quinto Conto Energia e sul Decreto FER. Il testo ...

13/07/2012

Quinto Conto Energia operativo dal 27 agosto

E' stata raggiunta ieri, 12 luglio, la soglia di 6 miliardi di costo annuo degli incentivi per impianti fotovoltaici. L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha quindi emanato la relativa delibera, stabilendo la data del 27 agosto per la decorrenza delle nuove modalità di ...