IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > La Yurta Fotovoltaica, architettura nomade tra tradizione ed innovazione

La Yurta Fotovoltaica, architettura nomade tra tradizione ed innovazione

In occasione di Saie 2009 Mitsubishi Electric in collaborazione con Cariboni Group e Reverberi Enetec ha presentato la Yurta Fotovoltaica, nell'ambito del progetto di Syusy Blady "Nomadizziamoci", architettura sostenibile tra tradizione ed innovazione.
Alla tavola rotonda di presentazione del progetto "La casa vestita: prospettive per una casa nomade solare" organizzata da Syusy Blady in collaborazione con lo Studio di architettura Maci di Bologna e Mitsubishi Electric, hanno partecipato numerosi architetti e professori, invitati dall'ordine degli architetti di Bologna, tra cui Roberto Maci, Andrea Facchi, Maurizio Corrado, Clara Masotti, Andrea Carnoli, Mario Cucinella che ha così commentato: "La Yurta è un primo esempio di industrializzazione edilizia che si basa su un principio di montaggio e smontaggio  a secco che dimostra quanto nella tradizione ci siano sempre stati i segni di questo rapporto tra architettura e ambiente". L'incontro ha permesso di spiegare l'architettura leggera della Yurta come esperienza utile al vivere contemporaneo con le sue peculiari caratteristiche di vestibilità, temporaneità, leggerezza, adattamento, trasportabilità.
La Yurta, la più antica casa ecologica trasportabile al mondo della popolazione nomade della Mongolia, rappresenta il simbolo dell'ecocompatibilità.
Si tratta, infatti, della prima casa mobile veramente ecosostenibile grazie ad una struttura completamente in legno e feltri, facile da montare senza l'uso di picchetti o chiodi, che risulta essere un'abitazione trasportabile e utilizzabile in ogni posto del mondo.
Grazie alla partnership con Mitsubishi Electric la tradizionale Yurta di Syusy ha potuto compiere un passo tecnologico per diventare un esempio del nostro futuro abitare. La collaborazione con altre due aziende, Cariboni Group e Reverberi Enetec, ha permesso di realizzare un "carretto del sole" in grado di alimentare e rendere autosufficiente a livello energetico la Yurta.
Il "carretto del sole" nasce proprio dall'esigenza di integrare nella "nomadizzazione" sostenibile della Yurta, anche la fornitura di energia elettrica per le normali esigenze quali l'illuminazione e l'accensione per breve tempo di apparecchi elettrici/elettronici di comune reperibilità (radio, telefono cellulare, personal computer, etc).
Grazie ad un sistema molto compatto composto da una centralina di 3kg e una batteria da 100Ah, forniti da Reverberi Enetec, e da un modulo fotovoltaico Mitsubishi Electric di ultima generazione la Yurta può essere energeticamente autonoma.
Il modulo fotovoltaico mod. PV-MF130TE4N a firma Mitsubishi Electric, composto da 36 celle, di dimensioni pari a 156mm ognuna, con una potenza nominale pari a 130W e un'efficienza di conversione del 12,9%, garantisce l'illuminazione della yurta per circa 8 ore consecutive.  Grazie all'allargamento dello spazio tra le celle e un'interconnessione diretta, il modulo fotovoltaico garantisce affidabilità a lungo termine.
Il materiale UL94 V-O utilizzato per la fabbricazione del modulo é resistente al fuoco, per una maggiore sicurezza nel connettore cavi.
L'illuminazione a LED da 9W ognuno, fornita da Cariboni Group, inoltre, consente un basso consumo energetico per garantire più ore di luce.
Reverberi, ha studiato e realizzato un sistema che è un piccolo concentrato di tecnologia ad alta efficienza di conversione e immagazzinamento, con lo scopo di alimentare apparecchi con tensione di alimentazione standard. Il sistema di regolazione dell'energia realizzato da Reverberi integra un modulo fotovoltaico Mitsubishi, una centralina di regolazione e conversione di energia, ed un banco di batterie in tecnologia gel, in grado di aumentare l'affidabilità e la mobilità del sistema.
La centralina di regolazione provvede alla ricarica della batteria attraverso l'energia fornita dal modulo fotovoltaico, e consente di preservare quest'ultima tanto da una eccessiva carica quanto da una eccessiva scarica, in quanto in entrambi i casi la batteria potrebbe subire danneggiamenti.
Il sistema di regolazione della carica è basato su un particolare tipo di convertitore di carica in tecnica MPPT.
Questo approccio tecnologico, permette di massimizzare lo sfruttamento dell'energia fornita dal modulo fotovoltaico, in quanto il modulo lavora sempre nel punto di massima potenza, punto che viene costantemente "aggiustato" dal regolatore di carica, in modo da seguire le diverse condizioni di irraggiamento solare (e quindi la potenza fornita).
Indicativamente una soluzione di questo tipo permette un incremento dell'energia fornita dal sistema modulo PV- sistema di carica dell'ordine del 20-30 %, consentendo, a parità di energia fornita, una riduzione di pari potenza (e quindi di dimensioni) nel modulo fotovoltaico.
L'energia ottenuta viene immagazzinata nelle batterie per l'uso. Il carro, è quindi un sistema di energia completamente autonomo, viene posizionato nei pressi della Yurta, in modo da orientare il modulo fotovoltaico a Sud, e la alimenterà in funzione del periodo dell'anno e dell'irraggiamento solare.

Scarica le caratteristiche tecniche del Carretto del sole
 
Per ulteriori informazioni
http://www.nomadizziamoci.it/
www.mitsubishielectric.it/fotovoltaico
www.caribonigroup.com
www.reverberi.it

Mario Cucinella e Syusy Blady
Syusy Blady e il carretto del sole

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/01/2018

Cosa significa vivere in una PASSIVHAUS

Dal 2000 ad oggi l’Italia ha visto crescere il numero di edifici realizzati secondo lo standard Passivhaus. Il “Polo Scolastico di Collecchio” come studio applicativo     La panoramica di edifici realizzati secondo lo ...

22/01/2018

Inaugurato un edificio nZEB all'Universit di Sannio

Un progetto voluto per testare le innovative metodologie progettuali, costruttive e impiantistiche, che garantiscano che l'edificio produca più energia di quanta ne consumi.     E' stata inaugurata nei giorni scorsi a Benevento, in ...

19/01/2018

+ 4% per le rinnovabili a dicembre 2017

In crescita a dicembre la richiesta di energia elettrica rispetto allo scorso anno. Le rinnovabili al 31% del totale. +50% per l’eolico     Terna ha pubblicato il Rapporto Mensile sul sistema elettrico in Italia, che trovate in allegato, ...

19/01/2018

Crescono gli investimenti nelle rinnovabili

Pubblicato un nuovo Report di Bloomberg New Energy Finance che segnala che lo scorso anno gli investimenti in energie rinnovabili hanno raggiunto i 333,5 miliardi di dollari a livello mondiale, in crescita del 3% sul 2016     Nel 2017 gli ...

18/01/2018

Alzato dal PE il target su efficienza energetica. Rinnovabili dal 27% al 35%

Alzata dal Parlamento Europeo al 35% la quota di rinnovabili nel mix energetico e il target per efficienza energetica, 12% di energia da fonti rinnovabili nei trasporti      Il Parlamento Europeo, in seduta plenaria, ha votato la ...

18/01/2018

Guida alla scelta dei materiali sostenibili in edilizia

Legambiente presenta MaINN, la libreria dei materiali innovativi, salubri e sostenibili in edilizia. Strumento utile per architetti, progettisti e privati     MaINN è il nuovo portale lanciato da Legambiente e dedicato ai materiali ...

18/01/2018

Trasformare il trasporto grazie alle tecnologie rinnovabili

Il futuro verso la mobilità elettrica e sostenibile non è forse così lontano. Aumenta la competitività dei costi rispetto alle auto tradizionali, diminuiscono i tempi di ricarica     Il settore dei trasporti è ...

17/01/2018

Cos il metodo LCA e la sua applicazione in edilizia

Il metodo LCA permette di valutare gli impatti ambientali con riferimento all’intero ciclo di vita di un prodotto o di un servizio. Nasce in ambito industriale, ma ha grandi potenzialità applicato nel settore edile, offrendo uno strumento ...