IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Rinnovabili: "Non spegnete il sole", sindacati in piazza contro il Decreto Romani

Rinnovabili: "Non spegnete il sole", sindacati in piazza contro il Decreto Romani

Al grido di "Non spegnete il sole" i metalmeccanici di Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil hanno convocato per domani 20 aprile a Roma - davanti al ministero dello Sviluppo Economico - uno sciopero generale unitario del comparto delle energie rinnovabili per protestare contro il Decreto rinnovabili e le gravissime ripercussioni sulle prospettive del settore.
In una nota congiunta si legge che lo sciopero serve per "chiedere modifiche radicali al decreto sulle energie rinnovabili del 3 marzo scorso; decreto che ha avuto l'effetto immediato di bloccare l'intera filiera del fotovoltaico in Italia." "Da allora, infatti, si sono registrati annullamenti di ordini e messa in discussione dei finanziamenti da parte delle banche. Moltissime aziende hanno ridimensionato i piani di investimento e, in molti casi, hanno annunciato processi di delocalizzazione e avviato il ricorso ad ammortizzatori sociali."
"La filiera del fotovoltaico e delle energie rinnovabili in Italia - denunciano ancora Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil  - stava faticosamente crescendo e qualificandosi. L'intero settore, tra i pochi in crescita in questo periodo, dà lavoro, compreso l'indotto, a circa 100mila persone. Si tratta di un settore essenziale per contribuire all'approvvigionamento energetico complessivo e per ridurre la dipendenza del nostro Paese dai combustibili fossili. Ciò è ancora più vero in una situazione critica in cui, anche per effetto delle catastrofi mondiali di questi giorni (Giappone e Nord Africa), i programmi energetici basati su fonti fossili e nucleari hanno mostrato tutta la loro fragilità per costi, tempi e pericolosità."
Gli stessi toni preoccupati si sono anche letti nella lettera di richiamo inviata venerdì scorso al Ministro Romani dal Commissario Ue all'Energia Guenther Oettinger, nella quale si chiedeva al governo italiano di valutare bene le prossime mosse in un settore altamente strategico, evitando norme retroattive che oltre ad essere potenzialmente illecite danneggerebbero fortemente gli investitori.  Inoltre il Commissario ha sottolineato che con la direttiva 2009/28/CE, l'Unione Europea si è impegnata ad aumentare la quota di energia da fonti rinnovabili nel proprio mix energetico, fissando obiettivi nazionali obbligatori per il 2020; l'Italia è tenuta a raggiungere la quota del 17% dei consumi finali lordi di energia da fonti rinnovabili entro l'anno 2020. "Risulta perciò fondamentale - sottolinea Oettinger - che il governo italiano crei quanto prima un quadro interno d'incentivazione chiaro, stabile e prevedibile per garantire lo sviluppo delle rinnovabili, senza correre il rischio che i necessari investimenti privati siano rimandati e diventino più costosi, ostacolando cosi il raggiungimento del suddetto obiettivo".

Tra gli altri anche Legambiente aderisce alla manifestazione di domani "Il decreto sulle rinnovabili del marzo scorso - ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza - ha danneggiato gravemente tutta la filiera dell'energia pulita in Italia. La mancanza di certezze e di prospettive per il futuro ha avuto conseguenze immediatamente nefaste sugli occupati, sugli investimenti e sul futuro complessivo del Paese. Al contrario è proprio nello sviluppo delle rinnovabili che l'Italia può trovare la chiave per rispondere positivamente al fabbisogno di energia, sviluppare la ricerca e la tecnologia, promuovere l'occupazione qualificata e il bene dell'ambiente. In questo senso - ha continuato Cogliati Dezza - è molto positiva la decisione dei sindacati di scendere in piazza mercoledì, a tutela dei lavoratori di tutta la filiera dell'energia pulita che, non dobbiamo dimenticarlo, rappresenta uno dei pochi settori che non ha risentito della crisi economica che attanaglia il Paese".
 
Manifestazione nazionale a Roma "Non spegnete il sole"
davanti al Ministero dello Sviluppo Economico
20 Aprile, via Molise, ore 11.00

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2017

Nel 2016 cala la produzione fotovoltaica

Il "Rapporto statistico solare fotovoltaico" Pubblicato dal GSE evidenza un calo del 4,3% della produzione fv dei primi 11 mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015     Come ogni anno il GSE, pubblica il “Rapporto statistico - ...

16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

21/12/2016

Il fotovoltaico più economico dell’eolico e del carbone

L’ultimo Rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance, evidenzia che il mondo green è arrivato a un punto di svolta e che i mercati emergenti stanno superando le economie forti grazie ai pannelli a basso costo.     Il ...

19/12/2016

Cala la produzione fotovoltaica nel 2016

Pubblicata dal GSE un’analisi preliminare sulla produzione fotovoltaica nei primi 9 mesi dell’anno che segna un -4.1%       Il GSE ha pubblicato l’analisi preliminare dedicata alla “Produzione fotovoltaica in Italia ...

15/12/2016

Rinnovabili in Italia in crescita, attesi lavoro e investimenti

Dal 2016 al 2020 saranno installati circa 3,7 GW di potenza aggiuntiva da fonti rinnovabili, per un investimento di oltre 7 miliardi di euro. Crescono gli occupati scendono i costi in bolletta     Il GSE ha pubblicato uno Studio sugli scenari ...