IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Umbria vicina all'obiettivo 13,7% di produzione di energia da fonti rinnovabili

Umbria vicina all'obiettivo 13,7% di produzione di energia da fonti rinnovabili

La Regione punta su mini eolico e biomasse per raggiungere lobiettivo Burden Sharing

L'Umbria è vicina all'obiettivo del 13,7 per cento di produzione di energia da fonti rinnovabili, assegnatole per il 2020 dal decreto ministeriale "Burden Sharing", e sta lavorando per il nuovo traguardo del 27% che si sta delineando a livello europeo per il 2030.
Il nuovo sistema energetico regionale – hanno sottolineato in una nota i rappresentanti regionali - dovrà essere fondato su una generazione distribuita ad alta efficienza che garantisca riduzione dei consumi e che sia integrato da una progressiva e crescente quota di energia da fonti rinnovabili prodotta in impianti di piccola e media dimensione, diffusi sul territorio, da realizzare nel rispetto dell'ambiente, così come definito dal quadro di regole che la Regione ha fissato.
Con la Strategia energetico ambientale si punterà in particolare sull'incremento dell'efficienza energetica e la riduzione dei consumi finali in tutti i settori: residenziale, industriale, terziario, trasporti.

Per quanto riguarda  il contributo delle diverse risorse, per l'energia elettrica, che rappresenta circa un quinto del fabbisogno complessivo, la Regione ha superato l'obiettivo previsto al 2020. La stima del totale della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili al 31 dicembre 2013 è  circa il 38% del fabbisogno regionale del 2012, pari a 5.718,3 GWh. Il 68 per cento (1.400 GWh) è stato prodotto da fonte idroelettrica, il 25% (530 GWh) da fotovoltaico, il 7% da biomassa e biogas. Praticamente nullo attualmente il contributo da eolico e geotermoelettrico.

Gli uffici regionali stimano un buon posizionamento dell'Umbria, per quanto concerne l’energia termica, ma ancora lontano dall'obiettivo assegnato all'Umbria con il decreto "Burden Sharing". “La quota di energia termica che dovremo ancora coprire, ha specificato l'Assessorato regionale, può essere stimata in circa 40 ktep (migliaia di tonnellate di petrolio equivalente). Un risultato che si intende perseguire con piccoli impianti di generazione per la valorizzazione energetica delle agro-energie residuali: scarti di produzioni delle attività agricole, zootecniche, forestali. Le potenzialità che presenta l'Umbria per le fonti rinnovabili meno utilizzate non saranno comunque trascurate: per lo sfruttamento dell'eolico si pensa alla possibilità di mini impianti nelle aree e nei siti idonei e che non creino impatto ambientale nel territorio; uno studio scientifico sulla risorsa geotermica è stato affidato all'Università di Pisa e altre ricerche sono in corso all'Università di Perugia. Preoccupano le incertezze legate al futuro del sistema di incentivazione statale che frenano lo sviluppo della filiera dell'energia sostenibile che rappresenta uno dei pochi settori in crescita, capace di generare investimenti e occupazione, in particolare giovane e qualificata”.

Umbria vicina all'obiettivo 13,7% di produzione di energia da fonti rinnovabili

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/10/2017

Scenari strategici del mercato elettrico

A Milano il 25 ottobre la presentazione del nuovo studio dell'E&S group, Electricity Market Report, dedicato agli scenari strategici dopo la fine del mercato regolato       L'Energy&Strategy Group della School of Management del ...

16/10/2017

BASF esempio di cambiamento verso economia circolare ed efficienza energetica

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti visita la sede del Gruppo BASF, il polo chimico integrato più grande al mondo, nato nel 1865, dove lavorano circa 40.000 collaboratori   Da sinistra, Andreas Riehemann, Amministratore ...

16/10/2017

Posata la prima pietra del primo smart district di Milano

UpTown sarà uno smart district verde, ecosostenibile, caratterizzato da spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica e servizi pubblici facili da fruire     Sono partiti i lavori per la realizzazione di UpTown, il primo ...

12/10/2017

COOLSUN per lo sviluppo di vernici isolanti ad alto risparmio energetico

Da una partnership tra università di Pisa, Cromology Italia, Iexi e Tecnochimica nasce COOLSUN un progetto che svilupperà un'innovativa tecnologia per produrre vernici ad elevato risparmio energetico e costi ...

12/10/2017

Da greenbuilding a smartbuilding

Gli edifici sono sempre più smart ed efficienti dal punto di vista energetico e del comfort. Come sta evolvendo l’edilizia sostenibile? Se ne è parlato a KlimahouseCamp     In occasione della seconda edizione di ...

11/10/2017

Blocchi di vetro innovativi per soddisfare i fabbisogni energetici degli edifici

I mattoni di vetro Solar Squared potrebbero rappresentare una soluzione ai problemi di progettazione dell'energia solare dell'edilizia 
    Gli esperti di energie rinnovabili e sistemi fotovoltaici integrati in edilizia (BIPV) ...

10/10/2017

Nel 2016 in Italia 37% dei consumi coperto dalle rinnovabili

Pubblicata dall'Autorità dell'Energia la relazione annuale con i dati relativi ai consumi energetici, per le rinnovabili cresce l’eolico, calano fotovoltaico e idroelettrico     Guido Bortoni, presidente dell’Autorità ...

09/10/2017

Europa a zero emissioni entro il 2050?

Il Parlamento Europeo, in vista della COP 23 di Novembre a Bonn, chiede che l'UE attui una strategia a "emissioni zero" entro il 2050   Il Parlamento Europeo ha votato settimana scorsa una risoluzione che contiene una serie di raccomandazioni per ...