Il caldo record spinge le rinnovabili e il fabbisogno energetico

Dati Terna rilevati l’8 luglio alle 16 sui consumi di elettricità: 56.883 megawatt, 40% coperto da rinnovabili

Flegetonte, l’anticiclone africano che ha causato il caldo torrido di questi giorni in Italia e che mediamente ha fatto registrare temperature di oltre 5 gradi più alte rispetto allo stesso periodo del 2014, ha portato a un’impennata dei consumi di elettricità, dovuta principalmente all’utilizzo considerevole di condizionatori d’aria e apparecchiature refrigeranti.
Terna in un comunicato ha infatti rilevato ieri alle 16, un consumo di elettricità pari a 56.883 megawatt, valore superiore di 61 MW rispetto al precedente record del dicembre 2007 (56.822 MW), giornata molto fredda e di 5.333 megawatt il consumo del 12 giugno 2014.

Decisamente importante il dato che riguarda le rinnovabili, il fabbisogno elettrico è stato infatti coperto per il 40% circa dalle fonti pulite, “Il sistema elettrico nazionale – si legge nella nota di Terna – grazie agli investimenti realizzati per lo sviluppo della rete e all’innovazione tecnologica ha risposto in modo efficace anche in quest’occasione, confermando la piena integrazione e la gestione in sicurezza delle energie rinnovabili che vengono immesse in rete in modo variabile e intermittente”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento