IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > La prima casa passiva in Franciacorta

La prima casa passiva in Franciacorta

Viessmann, azienda leader nei sistemi di riscaldamento e climatizzazione, come scelta d’eccellenza per il progetto green che ha ricevuto la menzione d'onore del concorso Viessmann 2017

 

Casa Passiva in Franciacorta vincitore menzione d'onore concorso Viessmann 2017

 

È l’abitazione del futuro: stiamo parlando della casa passiva (passivhaus), vale a dire un edificio capace di assicurare benessere termico utilizzando in minima parte le fonti energetiche “tradizionali”.

 

Da qui nasce il progetto della prima casa passiva in Franciacorta (Brescia), firmata dall’ing. Nicola Fenaroli e realizzata secondo lo standard di Darmstadt; un edificio green in sinergia con la natura.

 

Impianti Viessmann per la prima casa passiva in Franciacorta

 

Il progetto ha ricevuto una delle 10 Menzioni d'Onore del  Concorso di idee Viessmann del 2017 “Into a new century: energie interconnesse a tutto campo”, che approfondiva un tema particolarmente attuale come quello della progettazione sostenibile, con attenzione all’interconnessione tra il mondo termico e quello elettrico.  

 

La Giuria ha analizzato i lavori dei 252 progettisti che hanno partecipato, scegliendo i 5 vincitori e le 10 menzioni attraverso la valutazione della qualità progettuale globale delle diverse proposte, delle soluzioni impiantistiche e tecnologiche utilizzate, innovative, ad alta efficienza energetica, integrate e interconnesse, che abbiano previsto l'utilizzo delle rinnovabili.

 

Ricordiamo che fino al 30 settembre è possibile iscriversi alla nuova edizione del concorso sul tema della "Progettazione efficiente: Convergenza termico-elettrico”. 

 

Vediamo nel dettaglio le caratteristiche del progetto della casa passiva in Franciacorta. L’abitazione presenta un ottimo rapporto tra superficie/volume, ma con degli elementi architettonici particolari assicurati dalle diverse finiture, come il legno e l’intonaco su piani sfalsati e uno splendido tetto-giardino pensato per il recupero delle acque piovane.

 

Lo stato attuale della costruzione della prima casa passiva in Franciacorta

 

La struttura è in cemento con tamponatura in poroton, isolamento perimetrale con 22 cm di eps grafitato, 15 cm di lana di roccia, in copertura 30 cm di xps, contro terra e sotto platea xps.

 

La prima casa passiva in Franciacorta vincitrice menzione d'onore concorso Viessmann 2017

 

Il progettista ha posto molta attenzione alla scelta dei materiali affinché avessero un basso impatto ambientale, anche nella fase di di produzione e trasporto, oltre ad avere grande resistenza nel tempo. Per questo motivo per le finestre, che avranno schermatura solare con frangisole orientabili, è stato utilizzato il legno sughero termo-trattato con trasmittanza 0.6W/m2K.

A sud è realizzato un portico dimensionato in modo da garantire il miglior apporto solare in inverno e la massima schermatura nei mesi estivi.

 

Pianta prima casa passiva in Franciacorta, progetto vincitore concorso Viessmann

 

Il progetto è stato strutturato in modo da attenuare i ponti termici: per questo motivo sono stati inseriti elementi a taglio termico sui balconi e aggetti, mentre le strutture non riscaldate sono state separate completamente dalla casa e ogni ponte termico studiato agli elementi finiti. 

Gli impianti Viessmann

Per la scelta degli impianti, si è puntato alla massima integrazione tra produzione da fotovoltaico e consumo della pompa di calore, il progettista ha scelto di rivolgersi a un’azienda leader nel settore come Viessmann. Per questo motivo è stata installata una pompa di calore, un accumulo Viessmann da 400L per ACS e un puffer inerziale per il sistema di riscaldamento e raffrescamento, mentre per il ricambio d’aria è stata scelta una VMC certificata passivhaus ad altissima efficienza. L’obiettivo è quello di sfruttare l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici presenti e consentire alla casa l’indipendenza energetica.

 

Per la produzione di acqua calda sanitaria e per il sistema di riscaldamento e raffrescamento si è scelto di utilizzare la pompa di calore Vitocal-200-S, un modello modulare silenzioso ad alta efficienza. L’accumulo per l’acqua calda sanitaria è un bollitore Viessmann Vitocell 100-V CVW che con i suoi 390 litri di accumulo e l’alto spessore di isolante permette di creare un accumulo di acqua calda sanitaria estremamente efficiente.

 

Pompa di calore Viessmann Vitocal 200-S

 

Inoltre è stato utilizzato di un accumulo inerziale Viessamnn Solarcell PSS 200 un puffer inerziale per acqua tecnica calda e refrigerata con un isolamento di 50mm in poliuretano iniettato, che serve per alimentare l'impianto sia in fase di riscaldamento che di raffrescamento.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/10/2018

Un padiglione ad energia solare per il futuro della Barilla

La storia della Barilla è fondata su valori semplici e fondamentali: tradizione, famiglia e comunità. Basata sugli stessi principi è la proposta di progetto del nuovo padiglione solare fatta all’azienda alimentare ...

18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

12/10/2018

Progetto italiano di casa green realizzata con una stampante 3D

3D Crane è il nome del nuovo sistema di stampa tridimensionale realizzato dall’azienda WASP di Massa Lombarda. Il nuovo modello è stato utilizzato per Gaia, la casa realizzata con terra cruda e scarti di lavorazione del riso.   a ...

08/10/2018

Come realizzare una casa sostenibile in soli 22 metri quadri

L’edilizia utilizza il 40% delle risorse naturali del pianeta e rappresenta oltre un terzo delle emissioni di gas serra. Per fronteggiare la situazione, Yale University con il supporto dell’UN Environment e dell’UN Habitat ha realizzato un ...

18/09/2018

A New York appartamenti futuristici firmati Zaha Hadid

Il progetto 520 West 28th Street è il palazzo futuristico firmato dall’architetto Zaha Hadid. Un edificio sbalorditivo, alto 11 piani, che sorge nelle vicinanze dell’affascinante High Line Park di  New York.   a cura di Tommaso ...

11/09/2018

Hong Kong ospiter Aero Hive, il grattacielo che respira

Lo studio di architettura Midori Architects ha vinto il premio Skyhive Skyscraper Challenge con il progetto futuristico Aero Hive. Due grattacieli progettati per adattarsi alle sfide del clima locale e ridurre la CO2 nell’aria.   a cura di ...

07/09/2018

Una villa ad alta efficienza energetica con SPA

A Brembio, in provincia di Lodi è in via di realizzazione uno dei primi progetti Ecolibera, con tetto fotovoltaico, piscina e SPA.    a cura di Silvia Giacometti     Ecolibera non è solo un progetto ma un concetto ...

07/09/2018

ZEPHIR Passivhaus Italia per la riqualificazione delle Torri di Madonna Bianca

Il Team di progettazione ZEPHIR Passivhaus Italia in collaborazione con gli Studi Bombasaro e Campomarzio ha vinto il concorso di progettazione di tre delle 11 torri di Villazzano che saranno riqualificate secondo la prospettiva nzeb e dell’efficienza ...