home page Infobuild Infobuild Energia
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > AstonyShine, una casa solare sperimentale al Solar Solar Decathlon Europe

AstonyShine, una casa solare sperimentale al Solar Solar Decathlon Europe

La Facoltà di Architettura del Politecnico di Bari, congiuntamente con l'Ecole Nationale Superieur d'Architecture (ENSA) Paris-Malaquais, ha avanzato la propria candidatura, con il progetto denominato Astonyshine, al prestigioso concorso internazionale Solar Decathlon Europe 2012, per la progettazione e la realizzazione di una casa solare sperimentale, energeticamente autosufficiente, che sarà presentata in settembre a Madrid.
Per la prima volta l'Italia, rappresentata dal Politecnico di Bari selezionato insieme ad altre venti università a livello mondiale, diventa parte attiva nella ricerca di tecnologie innovative per lo sviluppo e la diffusione delle conoscenze in materia di ecosostenibilità.
 
Le due università di Bari e Paris-Malaquais partecipano presentando due varianti costruttive dello stesso progetto, secondo le regole della competizione, al fine di dimostrare la versatilità tecnologica della casa. Dei due prototipi, già in fase di realizzazione, il più efficiente rappresenterà il gruppo Astonyshine a Madrid sebbene tutto il materiale prodotto per entrambi i progetti verrà presentato durante il Solar Decathlon Europe.
Intorno a questa iniziativa si sta sviluppando una fertile sinergia fra l'Università e molte imprese nazionali ed internazionali del settore edile che ha trovato il suo compimento, in marzo, nell'apertura del cantiere evento del prototipo presso la sede del Formedil-Bari, la  scuola di formazione per l'edilizia.
 
Il progetto AstonyShine
Gli obiettivi del progetto Astonyshine sono:
• Casa progettata principalmente con criteri bioclimatici e di "comportamento passivo";
• Utilizzo di materiali naturali, biocompatibili, e completamente riciclabili, tipici del contesto culturale pugliese e impiego di tecniche costruttive tradizionali dell'area mediterranea:
• Struttura in muratura portante (pietra da taglio), con caratteristiche naturali tali da conferire agli edifici alte capacità di sostenibilità ambientale, buone caratteristiche meccaniche, duttilità, facilità di lavorazione;
• Copertura in legno, un materiale omogeneo, perfettamente stabile, esente da difetti meccanici con buona resistenza ed elevata portata;
• Basso impatto ambientale ed eco-sostenibilità dell'opera grazie all'impiego di materiali, la cui produzione e messa in opera non richiedono alti consumi di energie e risorse.  Ciò conferisce un valore aggiunto all'edificio, legato ad un'alta  qualità ambientale, una migliore prestazione e una netta riduzione dei costi.
• Uso di nuove tecnologie energeticamente efficienti, come i sistemi fotovoltaici, per ottenere l'energia necessaria al fabbisogno della casa, consentendo la loro integrazione tecnologica in architettura, maggiore efficienza, minor consumo e prezzi più bassi;
• Ricerca di nuovi design, materiali e tecnologie per la progettazione dell'edificio, compresi il controllo della temperatura, la ventilazione e il riscaldamento/raffrescamento e i problemi di prefabbricazione per una riduzione dei costi di produzione;
• Importanza della logistica nel progetto per un'industrializzazione adeguata e per la commerciabilità del prototipo nel rispetto dell'ambiente, della sicurezza e della salute dei lavoratori.
 
Il progetto astonyshine prevede la realizzazione di una casa unifamiliare, a pianta quadrata (10 x 10 metri), con la presenza di un patio di circa 25mq sul lato sud, da cui si accede all'abitazione. All'interno la casa prevede un'ampia zona giorno, attrezzata in maniera tale che, all'occorrenza, lo spazio abitabile possa ampliarsi maggiormente: ciò è consentito dalla presenza di un "box" scorrevole, contenente la camera da letto, che può arretrare o avanzare in base alle necessità degli abitanti. A nord è collocato il blocco dei servizi, con struttura in legno, comprendente cucina, bagno e le scale che consentono l'accesso ad un piccolo soppalco. Quest'ultimo, largo circa 2,60 metri, ospita altri due posti letto e un piccolo studio.
La struttura muraria è realizzata in pannelli di legno lamellare a strati incrociati, comunemente chiamati X-Lam, rivestiti esternamente in pietra leccese, con interposto uno strato isolante in fibra di legno, il tutto quindi realizzato con materiali naturali.
Il patio a sud, infine, costituisce una barriera contro il calore e le radiazioni solari. La copertura dell'edificio è ottenuta geometricamente come superficie rigata e si presenta come una superficie a doppia curvatura realizzata con travi rettilinee che costituiscono l'orditura primaria e quella secondaria. Su queste si poggiano i vari strati di completamento e l'impianto fotovoltaico per la produzione di energia.
La casa così concepita produce più energia di quanta ne consuma, grazie al comportamento passivo delle sue componenti e grazie all'utilizzo di tecnologie ed impianti ad alto risparmio energetico. L'impianto fotovoltaico di tipo Stand Alone, ovvero autonomo rispetto alla rete elettrica permette l'autosufficienza energetica della casa in qualsiasi condizione.

Astonyshine
Astonyshine
Astonyshine. vista dell'interno

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/07/2014

Proposta di legge per utilizzare le energie rinnovabili nel recupero dei centri storici

La deputata Pd Maria Iacono  ha presentato alla Camera una sua proposta di legge per il recupero dei centri storici incentivando l’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili, in particolare installando “sui tetti degli immobili ...

Proposta di legge per utilizzare le energie rinnovabili nel recupero dei centri storici
23/07/2014

Revisione della norma su accatastamento e ammortamento degli impianti fotovoltaici

La Commissione Finanze della Camera ha approvato una risoluzione, a prima firma del deputato Pd Gian Mario Fragomeli, e sottoscritta dai deputati Causi, Pelillo, De Menech, che impegna il Governo a rivedere l’attuale normativa relativa agli impianti ...

Revisione della norma su accatastamento e ammortamento degli impianti fotovoltaici
22/07/2014

Completata la prima parte del quartiere green Ecocittà

Dal recupero di un’ex area industriale in degrado a Porto Potenza Picena sta sorgendo un eco quartiere. E’ stata infatti completata la prima parte dei lavori di Ecocittà e sono pronti 15mila metri quadrati che comprendono un edificio ...

Il primo edificio di Ecocittà
22/07/2014

Vetromattone + celle fotovoltaiche per edifici super efficienti

I quattro giovani accademici - esperti nell’ambito dell’ottimizzazione energetica e dell’incremento prestazionale degli edifici - fondatori della start-up SBskin, partendo dalla ricerca di soluzioni energeticamente efficienti, in grado di ...

Vetromattone + celle fotovoltaiche per edifici super efficienti
21/07/2014

Riqualificazione sostenibile degli istituti scolastici, accordo Legambiente INBAR

Legambiente e Istituto Nazionale di Bioarchitettura hanno firmato un protocollo d’intesa per la promozione di una riqualificazione sostenibile dell’edilizia scolastica verso scuole più sicure e all’avanguardia. Saranno scelte delle ...

Riqualificazione sostenibile degli istituti scolastici, accordo Legambiente INBAR
18/07/2014

Riqualificazione ecosostenibile dell'ex caserma Colombaia

L’edificio dei primi del ‘900 che ospitava la caserma Colombaia nei pressi del centro storico di Brescia è stato oggetto di un intervento di recupero in chiave sostenibile, ad opera del Comune, che l’ha trasformato in un immobile a ...

Il progetto definitivo del recupero dell’edificio “Ex caserma Colombaia”
15/07/2014

Riqualificazione energetica, il caso del quartiere Brunck

BASF e LUWOGE, società affiliata operante nel settore dell’edilizia residenziale, hanno concluso il primo studio sugli effetti a lungo termine degli interventi di riqualificazione energetica degli edifici del quartiere residenziale Brunck a ...

Riqualificazione energetica, il caso del quartiere Brunck
14/07/2014

La casa efficiente RhOME vince il Solar Decathlon

Il team di studenti e ricercatori del Dipartimento di Architettura dell'Università di Roma Tre, guidato dalla professoressa Chiara Tonelli, che ha ideato il modulo abitativo di 65 metri quadrati RhOME for density, ha vinto l’edizione 2014 del ...

La casa efficiente RhOME vince il Solar Decathlon
Partnership