IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Micciché: Governo a rischio in difesa delle rinnovabili

Micciché: Governo a rischio in difesa delle rinnovabili

Nella puntata delle "Le Iene Show" di ieri Giulio Golia ha realizzato un servizio dedicato alle energie rinnovabili e, in particolare, al fotovoltaico. Il servizio si è concluso con un'intervista esclusiva al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Gianfranco Micciché, fondatore di "Forza del Sud", in merito al decreto, recentemente approvato, sulle energie rinnovabili.
Micciché ha commentato in maniera molto dura la scelta del Governo e ha sottolineato che il decreto rinnovabili colpisce in particolare il sud, dove sono concentrate la maggior parte delle aziende che producono questi impianti. "Con questo decreto già si è creato un problema oggettivo, immediato - ha sottolineato Micciché - le banche hanno fermato una serie di finanziamenti che stavano facendo. Le imprese sono terrorizzate, sono tantissime. Una marea di piccole e medie imprese che già ci hanno comunicato che stanno chiudendo e che hanno già messo in cassa integrazione alcuni lavoratori. Per cui noi abbiamo il dubbio che questo sia un decreto che sia stato spinto, più da qualcuno che non ama molto il rinnovabile e che probabilmente avrebbe intenzione di continuare nello status quo".
Micciché ha concluso il suo intervento sottolineando che Forza del Sud è un movimento nato anche per condizionare le scelte del Governo e in questo caso se i tre ministri competenti - Giancarlo Galan, Paolo Romani e Stefania Prestigiacomo - non dovessero fare le modifiche richieste al decreto, il Governo sarebbe a serio rischio di cadere "Significa, ha concluso Micciché, che Forza del Sud finalmente farà valere la sua forza, andiamo a votare subito".
 
Guarda il video con l'intervista
 
Ricordiamo che proprio mentre stiamo scrivendo le principali associazioni di settore - Aper, Assosolare, Anev, AssoEnergie Future, Gifi/Anie - si sono date appuntamento al teatro Quirino di Roma per incontrare aziende e cittadini, rappresentare gli effetti immediati del decreto rinnovabili e comunicare una posizione comune sulle proposte di modifica al decreto, sugli obiettivi per le rinnovabili.
 
Guarda la diretta video

Intanto il Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani, insieme ai ministri dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo e dell'Agricoltura Giancarlo Galan, ha convocato per martedì 15 marzo, presso il dicastero di via Veneto, una riunione con i principali rappresentanti del settore bancario, delle aziende attive nel comparto dell'energia rinnovabile, dei gestori di rete e delle associazioni dei consumatori. La consultazione verterà sui decreti ministeriali di attuazione del dlgs sulle fonti rinnovabili.
 

Il segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, intervenendo nel dibattito ha sottolineato che "Il governo deve fare subito chiarezza sugli incentivi alle fonti rinnovabili. Con l'ultimo decreto legislativo il governo italiano ha dato un ulteriore colpo alla credibilità del paese. Solo pochi mesi fa - ha ricordato Bersani - il governo aveva fatto un provvedimento per fissare gli incentivi al fotovoltaico valevoli fino al 2013. Ora ne ha disposto la sospensione, annunciando che saranno rivisti tra un mese. Quale credibilità nei confronti degli investitori interni ed esteri può avere un paese che cambia le carte in tavola in corso d'opera, lasciando gli operatori, le banche e i consumatori improvvisamente in sospeso? Gli incentivi alle fonti rinnovabili sono stati uno strumento importante di politica industriale. Contribuendo a migliorare la sostenibilità ambientale, hanno dato sostegno allo sviluppo di un'intera filiera di attività, che ha generato molta occupazione. C'è certamente l'esigenza di inquadrare meglio il sistema degli incentivi, prevedendone nel tempo una correzione secondo criteri di stabilità e di prevedibilità. Così invece è stato lasciato tutto in sospeso e nell'incertezza. Decisioni di questo tipo sono un danno per la credibilità dell'Italia".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/10/2017

Scenari strategici del mercato elettrico

A Milano il 25 ottobre la presentazione del nuovo studio dell'E&S group, Electricity Market Report, dedicato agli scenari strategici dopo la fine del mercato regolato       L'Energy&Strategy Group della School of Management del ...

16/10/2017

BASF esempio di cambiamento verso economia circolare ed efficienza energetica

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti visita la sede del Gruppo BASF, il polo chimico integrato più grande al mondo, nato nel 1865, dove lavorano circa 40.000 collaboratori   Da sinistra, Andreas Riehemann, Amministratore ...

16/10/2017

Posata la prima pietra del primo smart district di Milano

UpTown sarà uno smart district verde, ecosostenibile, caratterizzato da spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica e servizi pubblici facili da fruire     Sono partiti i lavori per la realizzazione di UpTown, il primo ...

12/10/2017

COOLSUN per lo sviluppo di vernici isolanti ad alto risparmio energetico

Da una partnership tra università di Pisa, Cromology Italia, Iexi e Tecnochimica nasce COOLSUN un progetto che svilupperà un'innovativa tecnologia per produrre vernici ad elevato risparmio energetico e costi ...

12/10/2017

Da greenbuilding a smartbuilding

Gli edifici sono sempre più smart ed efficienti dal punto di vista energetico e del comfort. Come sta evolvendo l’edilizia sostenibile? Se ne è parlato a KlimahouseCamp     In occasione della seconda edizione di ...

11/10/2017

Blocchi di vetro innovativi per soddisfare i fabbisogni energetici degli edifici

I mattoni di vetro Solar Squared potrebbero rappresentare una soluzione ai problemi di progettazione dell'energia solare dell'edilizia 
    Gli esperti di energie rinnovabili e sistemi fotovoltaici integrati in edilizia (BIPV) ...

10/10/2017

Nel 2016 in Italia 37% dei consumi coperto dalle rinnovabili

Pubblicata dall'Autorità dell'Energia la relazione annuale con i dati relativi ai consumi energetici, per le rinnovabili cresce l’eolico, calano fotovoltaico e idroelettrico     Guido Bortoni, presidente dell’Autorità ...

09/10/2017

Europa a zero emissioni entro il 2050?

Il Parlamento Europeo, in vista della COP 23 di Novembre a Bonn, chiede che l'UE attui una strategia a "emissioni zero" entro il 2050   Il Parlamento Europeo ha votato settimana scorsa una risoluzione che contiene una serie di raccomandazioni per ...