Acqua dolce e spugne per la CO2, così le zone umide aiutano il Pianeta

Ogni due febbraio si celebra la Giornata mondiale di paludi, acquitrini, torbiere e specchi d’acqua. Il tema centrale di quest’anno è “Value, Manage, Restore, Love Wetlands”: obiettivo è riconoscerne il valore, ripristinare le zone umide e amarle considerando anche il loro ruolo fondamentale a difesa della biodiversità. Quest’anno ricorre il 51esimo anniversario della Convenzione di Ramsar. Le zone umide occupano più di 12,1 milioni di chilometri quadrati. In Italia ci sono 65 zone Ramsar. Ma questi ecosistemi sono esposti a elevati rischi, soltanto nell’ultimo secolo la Terra ne ha perso il 64%

A cura di:

Il 2 febbraio si celebra la giornata mondiale Zone Umide

Indice degli argomenti:

Anche se coprono solo il 6% circa della superficie terrestre, il 40% di tutte le specie animali e vegetali vive o si riproduce in esse; hanno un ruolo fondamentale per il Pianeta, e fanno parte di quella catena naturale importante per la sopravvivenza umana. Fonte di acqua dolce e di cibo, funzionano anche da spugne per assorbimento del carbonio e si tratta di aree fondamentali per la biodiversità. Sono le zone umide, esposte sempre più ai cambiamenti climatici. Oggi, due febbraio, si celebra la World Wetlands Day, WWD, giornata mondiale di paludi, acquitrini, torbiere e specchi d’acqua.

Il tema centrale di quest’anno è “Value, Manage, Restore, Love Wetlands” e l’obiettivo è riconoscerne il valore, proteggerle, ripristinarle se necessario e amarle per le loro incredibili caratteristiche e l’importanza per il clima e la nostra stessa sopravvivenza: basti pensare che più di un miliardo di persone nel mondo dipendono da esse per il proprio sostentamento.

La convenzione di Ramsar

Quest’anno è la ricorrenza del 51esimo anniversario della Convenzione di Ramsar, firmata il 2 febbraio 1971, cioè la prima formula che contempla un impegno mondiale per proteggere questi ecosistemi; ad oggi è stata sottoscritta da oltre centocinquanta Paesi e riconosce 2.200 siti Ramsar in tutto il mondo, che coprono oltre 12,1 milioni di km2, un’area più grande del Messico. Dallo scorso anno la Giornata mondiale delle Zone Umide è stata ufficialmente riconosciuta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Nel 2015, nell’ambito dell’obiettivo 6 dello sviluppo sostenibile, tutti i paesi si sono impegnati a proteggerle e ripristinarle entro il 2030.

La definizione in modo chiaro delle zone umide è uno dei meriti della Convenzione di Ramsar: aree terrestri sature o inondate d’acqua in modo permanente o stagionale; quelle interne includono paludi, stagni, laghi e pianure alluvionali; quelle costiere, paludi di acqua salata, estuari, mangrovie, lagune e persino barriere coralline. E l’acqua è naturalmente un elemento centrale, considerando che da questi ecosistemi deriva il 70% di tutta l’acqua dolce utilizzata per l’irrigazione.

Il 2 febbraio si celebra la giornata mondiale delle zone umide

Ci sono poi quelle create dall’uomo: stagni, risaie e saline. Sottoscritto da oltre 150 Paesi, il Trattato individua attualmente 2mila zone umide a livello globale, per le quali sostiene i principi dello sviluppo sostenibile e della conservazione delle biodiversità.

Le zone nel mondo

Rifugio per oltre 100 mila specie d’acqua dolce conosciute, le zone umide sono i più efficaci serbatoi di carbonio del Pianeta; le sole torbiere, che coprono il 3% della superficie terrestre, assorbono il 30% del carbonio organico dei suoli.

Le zone umide occupano infatti più di 12,1 milioni di chilometri quadrati, hanno un ruolo significativo nel contrasto agli effetti dei cambiamenti climatici: barriere naturali contro gli eventi estremi di origine marina, come le praterie di posidonia; capaci di immagazzinare le piogge in eccesso e mitigare gli impatti delle inondazioni, come le pianure alluvionali; o ancora, in grado di preservare endemismi e peculiarità dei paesaggi montani, come le sorgenti e i laghi d’alta quota; svolgono anche un’azione di depurazione delle acque e ospitano migliaia di specie.

In Italia

LItalia annovera 65 zone Ramsar, 9 delle quali ancora in corso di perfezionamento. In totale parliamo di oltre ottantamila ettari distribuiti in 15 Regioni.

Si va dai 12 ettari dello Stagno Pantano Leone in Sicilia fino agli 11.135 ettari dell’area Massaciuccoli – Migliarino – San Rossore in Toscana. Le Regioni in cui le aree Ramsar sono più numerose ed estese sono l’Emilia-Romagna con 10 aree, (23.112 ettari), la Toscana con 11 aree (20.756 ettari) e la Sardegna con 8 aree per una superficie di 12.572 ettari.

In occasione del World Wetlands Day, dal 2 al 6 febbraio, se ne potrà scoprire la bellezza e unicità  grazie a passeggiate, visite guidate, workshop fotografici ed altri eventi organizzati in diverse oasi del WWF. L’associazione ambientalista, da sempre attenta alla salvaguardia delle zone umide, è partner a livello globale della prima #WorldWetlandsRun, evento che coinvolge tutto il mondo, per scoprire questi ambienti attraverso una corsa o una semplice passeggiata.

Zone umide nel Delta Po
Zone umide nel Delta Po – Foto Andrea Agapito Ludovici

Il Sistema delle Oasi WWF Italia è formato da 100 Oasi, in 78 di queste si trovano stagni, paludi, lagune, che sono state difese da abusi e antropizzazione selvaggia, e 10 sono riconosciute dalla Convenzione di Ramsar. Tali Oasi  ospitano il 66% degli habitat prioritari della direttiva 43/92/CEE per la bioregione “alpina”, il 57% per quella “continentale” e il 65% per quella “mediterranea”.

La crisi degli ecosistemi

Questi ecosistemi sono esposti a elevati rischi, le zone umide infatti subiscono più di altri ambienti gli effetti dell’effetto serra, stanno scomparendo tre volte più velocemente delle foreste e sono l’ecosistema più minacciato del pianeta. Soltanto nell’ultimo secolo, la Terra ha dovuto dire addio al 64% delle sue zone umide. In Europa tale percentuale sale al 90%: secondo la Commissione europea, fra il 1950 e il 1985 si sono registrate le perdite maggiori in Francia (67%), Italia (66%), Grecia (63%), Germania (57%) e Olanda (55%). Le attività antropiche che hanno maggiormente influenzato questa crisi includono l’agricoltura, l’edilizia, l’inquinamento, la pesca eccessiva e il sovrasfruttamento delle risorse; oltre a specie invasive che turbano l’equilibrio e, naturalmente, il cambiamento climatico.

Perdita zone umide in Europa
Perdita zone umide in Europa. Fonte WWF

I dati del SOER Freshwater 2020 parlano di come in Europa soltanto il 40% dei corpi idrici superficiali sia in un buono stato ecologico e che le zone umide sono ampiamente degradate; in declino per estensione e qualità a causa di agricoltura intensiva, abbandono delle tradizionali attività agro-pastorali, alterazione degli equilibri idrici, inquinamento (dovuto anche all’uso di prodotti fitosanitari), invasione di specie aliene, urbanizzazione e sviluppo d’infrastrutture.

Giornata mondiale zone umide: La crisi degli ecosistemi
Foto di Tanja Cibulski da Pixabay

E’ fallito a livello globale l’obiettivo dell’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile che prevedeva la protezione e il restauro degli ecosistemi acquatici entro il 2020. Secondo le liste rosse dell’Iucn oggi nel mondo un terzo delle specie legate agli ecosistemi acquatici risulta minacciato, mentre sono a rischio scomparsa oltre i tre quarti delle paludi e delle torbiere e quasi la metà dei laghi, dei fiumi e delle coste. Inoltre in pericolo c’è anche il mantenimento e il miglioramento dei servizi ecosistemici che ruotano intorno alle zone umide.

Secondo Legambiente al netto delle difficoltà il 2020 ha segnato un momento decisivo per misurare gli impegni dell’Unione europea, a partire dalla Strategia dell’europa sulla biodiversità per il 2030, e sottolinea l’importanza di mantenere ecosistemi sani e funzionali a garantire l’equilibrio climatico: ogni piano in tal senso deve includere un uso sostenibile e responsabile delle zone umide e degli ecosistemi acquatici”. La Giornata mondiale delle zone umide per Legambiente rappresenta anche uno strumento di mobilitazione per l’obiettivo della campagna “30% di territorio protetto entro il 2030”.

L’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (Anbi) mette in evidenza la necessità di un intervenire per “implementare” il patrimonio ecosistemico: e lo si potrebbe fare “grazie anche al Piano nazionale invasi, con 218 progetti pronti nella maggior parte già cantierabili. L’importo necessario è di circa 3 miliardi di euro”, soprattutto per “bacini medio piccoli che oltre a trattenere le acque di pioggia, abbinando le funzioni di prevenzione idrogeologica e riserva idrica, arricchirebbero il territorio di nuovi ecosistemi fruibili dalle comunità locali. Il maggior numero di proposte (73) interessa il Veneto, ma è la Calabria, la regione, che ha bisogno di maggiori investimenti (527 milioni)”.

Le azioni per salvarle

Per la loro salvaguardia nel decennio 2020-2030 serve un insieme di azione politica e ricerca scientifica. Come primo punto – ha osservato Legambiente – è necessario realizzare nuove aree protette, far crescere le piccole zone umide adottate dai cittadini anche negli ambienti urbani e aumentare il numero di quelle riconosciute dalla Convenzione di Ramsar per raggiungere l’obiettivo del 30% di territorio nazionale protetto; rafforzare la tutela della biodiversità acquatica e migliorare la sinergia tra norme nazionali e Direttive comunitarie (Habitat, Uccelli, Acque e Alluvioni); migliorare l’integrazione e la gestione unitaria delle aree protette, i siti della Rete natura 2000 e le Zone Umide riconosciute dalla Convenzione di Ramsar e realizzare una rete di enti gestori di questi ecosistemi; ripristinare gli ecosistemi degradati e realizzare infrastrutture fluviali sostenibili per contribuire a ripristinare almeno 25mila km di fiumi a scorrimento libero in Europa.

‘Senza loro non si raggiungono obiettivi Onu’

“Senza di loro, gli obiettivi dell’agenda globale sullo sviluppo sostenibile non saranno mai raggiunti – ha spiegato Martha Rojas Urrego, segretario generale della Convenzione di Ramsar- per esempio le zone umide regolano anche gli effetti che influenzano il clima e i regimi idrologici, riducendo in tal modo l’inquinamento e i rischi di catastrofi naturali. Per esempio, le mangrovie costiere aiutano a prevenire l’erosione del suolo e offrono protezione dagli tsunami e dai cicloni. Le torbiere invece sono importanti pozzi di assorbimento della CO2 e possono sequestrare milioni di tonnellate di carbonio ogni anno. Abbiamo bisogno di un’azione collettiva urgente per invertire le tendenze sulla perdita e il degrado delle zone umide e allo stesso tempo assicurare sia il loro futuro che la nostra stessa sopravvivenza”.

Leticia Carvalho, coordinatore principale per l’acqua marina e dolce all’UNEP, spiega che loro protezione è una priorità per l’UNEP e un obiettivo speciale del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino degli ecosistemi. E’ necessario che il ripristino e la salvaguardia delle zone umide siano integrate nei piani di sviluppo dei singoli Paesi.


Articolo aggiornato

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento



Tema Tecnico

Le ultime notizie sull’argomento