Advertisement

Architettura di montagna sostenibile ed energeticamente efficiente

Il Politecnico di Zurigo (ETH), il Club Alpino Svizzero, il Collegio di Lucerna e l'Istituto Nazionale Svizzero per la Ricerca nel campo dei materiali hanno realizzato un nuovo rifugio alpino completamente sostenibile e autosufficiente.
Il rifugio, pensato per celebrare 150° anniversario della ETH di Zurigo, si trova a 2.883 metri di altezza ed è caratterizzato da un design e un'architettura decisamente innovativi: ha cinque piani, fondamenta in acciaio affondate nella roccia, forma poligonale e copertura esterna in alluminio. Per la costruzione sono stati utilizzati materiali riciclabili, senza emissione di sostanze nocive per l'ambiente e di facile trasporto. Può ospitare fino a 120 ospiti. Il rifugio è particolarmente luminoso, soprattutto nella zona giorno, un'ampia finestra in facciata e  le scalinate dotate di numerose aperture permettono ai visitatori di godere del panorama sulle montagne.
Il rifugio è dotato di un sistema integrato che comprende un impianto fotovoltaico di 85 metri quadri posizionato sulla facciata rivolta a sud coordinato con accumulatori e un impianto solare termico di 35 metri quadri, che garantiscono un costante approvvigionamento di energia.
Il sistema  è in grado gestire in maniera efficiente i consumi, grazie anche alle previsioni sulle condizioni climatiche e sul numero di ospiti in modo da ridurre al minimo le emissioni di CO2. 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile, Solare fotovoltaico, Solare termico

Le ultime notizie sull’argomento