IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > A che punto è la transizione verso le energie rinnovabili?

A che punto è la transizione verso le energie rinnovabili?

Il 2017 è stato un anno record per le energie rinnovabili, grazie a riduzione dei costi, aumento degli investimenti e progressi delle tecnologie. Ma la transizione energetica non sta avvenendo abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi per il clima della COP21

 

Crescita record per le rinnovabili nel 2107

Pubblicato da REN 21, network mondiale per le politiche energetiche del 21esimo secolo, il Rapporto “Renewables 2018 - Global Status Report”, documento che propone i possibili sviluppi delle energie rinnovabili a livello globale considerando lo stato dell’arte.

 

Il Renewables 2018 Globale Status Report anche per il 2017 parla di una crescita record per le energie rinnovabili a livello globale: lo scorso anno infatti hanno rappresentato il 70% della nuova capacità di produzione elettrica, si tratta della crescita più significativa mai registrata.

 

Il dato negativo è che le emissioni di CO2 sono aumentate dell'1,4%, dopo tre anni di stabilità, a causa della crescita economica, riduzione dei prezzi dei combustibili fossili e minori sforzi in materia di efficienza energetica.

Il Rapporto sullo stato globale delle rinnovabili 2018 rivela due realtà: una in cui una rivoluzione nel settore dell'energia sta guidando un rapido cambiamento verso un futuro di energie rinnovabili, e un'altra in cui la transizione generale non sta avanzando abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi per il clima fissati dalla COP21 di Parigi.

 

La notizia più importante è che lo scorso anno le fonti pulite hanno raggiunto 178 GW di nuova capacitàsuperando il record del 2016 di 161 GW. La capacità globale delle energie rinnovabili ha raggiunto i 2.195 GW, sufficienti a fornire circa il 26,5% dell'elettricità globale.

 

A far la parte del leone il fotovoltaico, fonte principale di nuova capacità di generazione di energia elettrica nel 2017 grazie soprattutto alla forte crescita della Cina. La nuova capacità è aumentata del 29% rispetto al 2016, raggiungendo i 98 GW e da sola ha superato l’unione di carbone, gas naturale ed energia nucleare. 

Installazioni di Fotovoltaico a livello globale nel 2017

Anche se la capacità solare fotovoltaica è concentrata in pochi paesi, il Rapporto segnala che alla fine dello scorso anno ogni continente aveva installato almeno 1 GW e almeno 29 paesi avevano una capacità pari o superiore a 1 GW.

 

A livello mondiale, l'espansione del mercato è dovuta in gran parte all'aumento del competitività dell'energia solare fotovoltaica, alla domanda crescente di elettricità nei paesi in via di sviluppo e alla maggior consapevolezza del potenziale della tecnologia per ridurre l'inquinamento e l'anidride carbonica e fornire l'accesso all'energia ai paesi in via di sviluppo.

 

Per quanto riguarda il nostro paese, nonostante il rallentamento degli ultimi anni, l’Italia è al 5 posto per capacità installata, dopo Cina (+ 53 GW sul 2016), Stati Uniti (+10,6 GW), Giappone (+7 GW) e Germania (+1,7G W) e al quarto per la capacità fotovoltaica procapite.

Installazioni fotovoltaico nei primi 10 paesi

L’Italia nel 2017 ha raggiunto nel fotovoltaico i 19,7 gigawatt di capacità installata, solo lo 0,4GW in più rispetto al 2016.

 

Il Rapporto sottolinea la crescita a livello di occupazione legata alla transizione verso le rinnovabili: nel 2017 i lavoratori green hanno superato i 10,3 milioni, 3,4 dei quali impiegati nel solare fotovoltaico.

 

Più di 10 milioni di occupati nelle rinnovabili nel 2017

 

Infine va sottolineato che se i dati sul settore elettrico sono positivi, non si può dire altrettanto di riscaldamento, raffrescamento e trasporti, che insieme rappresentano circa l'80% della domanda totale di energia a livello mondiale. In particolare sono solo 42 le nazioni che hanno stabilito target sull'uso di rinnovabili per il trasporto.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/12/2018

COP24: non trovare un accordo per il clima sarebbe un "suicidio"

Non ha usato mezzi termini António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite nel proprio discorso in cui ha ribadito un concetto importante: il cambiamento climatico è più veloce di noi e che Katowice deve - senza mezzi ...

13/12/2018

Dalla corretta regolamentazione parte la nuova era del fotovoltaico italiano

Il fotovoltaico in Italia è un settore dalle grosse potenzialità tra autoconsumo, comunità energetiche, contratti di acquisto di energia a medio-lungo termine e digitalizzazione, ma è necessaria una maggiore chiarezza. Se ne ...

13/12/2018

La Camera approva la Legge di Bilancio, confermati Ecobonus e Sismabonus

La Camera nella seduta dell'8 dicembre ha approvato la Legge di Bilancio senza novità rispetto alle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica e di ristrutturazione edilizia     La Camera, con 312 voti a favore, ...

12/12/2018

La bioplastica che cattura la CO2

Due architetti italiani progettano soluzioni ispirate al bio-digital design. A Dublino, in occasione di un summit sul clima, hanno installato una facciata rivoluzionaria che cattura e immagazzina l’anidride carbonica grazie alla luce diurna e alle ...

12/12/2018

Sistema di monitoraggio delle emissioni antropogeniche di CO2

Copernicus è un programma dell'Unione Europea che ha l'obiettivo di sviluppare un sistema di monitoraggio delle emissioni di CO2 per aiutare i paesi a verificarne il controllo e la riduzione.     Come ormai ripetiamo quasi ...

11/12/2018

In pochi paesi politiche ambientali adeguate agli obiettivi dell’Accordo di Parigi

Presentato a Katowice in occasione della COP24 il Rapporto Germanwatch sulle performance climatiche di 56 paesi. In pochi hanno attuato politiche coerenti con gli obiettivi fissati a Parigi, l'Italia 23esima perde posti     E' stato ...

10/12/2018

Nel 2018 emissioni di CO2 in crescita dello 0,5%

Allarme IEA: Le emissioni di carbonio delle economie avanzate aumenteranno nel 2018 di circa lo 0,5% per la prima volta in cinque anni, invertendo la tendenza al ribasso     Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia, sulla base degli ...

06/12/2018

Al MIT si lavora ad una batteria che mangia la CO2

I ricercatori del Massachussets Institute of Tecnology stanno sviluppando una batteria al litio creata dal biossido di carbonio prodotto dalle centrali elettriche. Un modo innovativo con cui ridurre i gas serra nell’atmosfera.   a cura di Tommaso ...