Advertisement

Una casa passiva in legno

Nel centro residenziale di Scomigo, sulle colline di Conegliano sta sorgendo una casa passiva realizzata da LignoAlp, costruita in modo da sfruttare automaticamente l'energia solare e l'energia di scarto prodotta internamente, cosí da rendere superfluo l'impianto di riscaldamento convenzionale.
La pianta architettonica si sviluppa su due piani: piano terra con la zona giorno e studio, mentre al piano primo si trovano le camere. La casa si riscalda e si raffresca in maniera "passiva".
 
La casa verrà certificata dall'istituto di case passive tedesco PHI (Darmstadt) il quale considera una costruzione passiva se questa soddisfa i seguenti requisiti (quantitativi):
• fabbisogno energetico utile richiesto per il riscaldamento ≤ 15 kWh/(m²a)
• carico termico invernale ≤ 10 W/m²
• fabbisogno energetico utile richiesto per il raffrescamento ≤ 15 kWh/(m²a)
• carico termico estivo ≤ 10 W/m²
• tenuta all'aria n50 ≤ 0,6/h
• fabbisogno energetico primario di energia ≤ 120 kWh/(m²a)
 
L'edifico si trova nel centro residenziale di Scomigo, sulle colline di Conegliano. Il raggiungimento di tali requisiti renderà l'edifico passivo, il primo in legno certificato dall'istituto tedesco nel Veneto.

Località: Conegliano (TV)
Sistema costruttivo: Struttura in legno a pannello X-LAM
Progettista: Geom. Daniele Da Ros – Progettieco studio associato – Conegliano (TV

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento