22 aprile, Giornata della Terra

Giunto al 52° anniversario, il World Earth Day rappresenta un importante appuntamento che coinvolge tutto il mondo con un unico obiettivo: celebrare la terra e salvaguardare il pianeta

A cura di:

22 aprile, Giornata della Terra

Indice degli argomenti:

Il World Earth Day (la giornata della terra) delle Nazioni Unite istituito nel 1970, si celebra il 22 aprile di ogni anno, quest’anno festeggia i suoi 52 anni in un momento particolarmente delicato in cui, dicono gli organizzatori, è ora “di cambiare tutto con coraggio – il clima economico, il clima politico e il modo in cui agiamo per prevenire i disastri del cambiamento climatico e della distruzione ambientale. Il tema della Giornata della Terra 2022, che coinvolge ogni anno 193 Paesi membri delle Nazioni Unite, settantacinquemila partner e più di un miliardo di persone, è Invest In Our Planet, e l’organizzazione propone 52 azioni da mettere ogni giorno in pratica per fare la differenza.

Un anniversario quello di quest’anno caratterizzato dalla terribile guerra in Ucraina e ancora segnato dall’emergenza Covid-19 che da una parte ci ha costretti tutti a casa ma dall’altra ci ha reso spettatori di come la natura sia stata capace, specialmente nel primo lockdown, di riappropriarsi dei propri spazi, troppo a lungo sfruttati dagli uomini.

Questa Giornata della Terra rappresenta dunque un’occasione importante, anche per la possibilità che ci offre di cambiare il nostro impatto sull’ambiente, più consapevoli degli sforzi necessari da fare, come singoli individui, come comunità, come nazioni e a livello internazionale, per combattere il surriscaldamento e raggiungere gli obiettivi fissati dalla COP21 di Parigi per il clima, storico accordo firmato proprio nella giornata della Terra del 2016 .

Il green deal deve rimanere una priorità a livello nazionale e internazionale ed è questo il momento in cui tutti – imprese, governi e cittadini – devono mostrare coraggio per preservare e proteggere la nostra salute, il clima e il nostro futuro.

Il WWF nel documento “Giornata mondiale della Terra 2022: un pianeta in bilico” sottolinea quanto sia drammatica la situazione per il Pianeta considerando l’inquinamento, la perdita di zone umide, il rischio di estinzione per oltre 1 milione di specie, il drammatico calo della biodiversità, a causa principalmente della conversione dei suoli per uso agricolo: l’agricoltura consuma oggi il 40% della superficie terrestre, ed è responsabile del 23% delle emissioni di gas serra. Senza dimenticare il problema della deforestazione che sta provocando danni molto gravi: uno studio pubblicato nel 2021 mostra che parte della foresta amazzonica oggi emette più carbonio di quanto ne cattura (si parla di di 1 miliardo di tonnellate di CO2 l’anno) a causa sia della deforestazione che dell’intensificarsi della stagione secca e degli incendi

Le azioni per la terra proposte da Legambiente

Legambiente risponde all’appello #investinourplanet proponendo 10 impegni, che coinvolgono Governo e cittadini, da mettere subito in pratica per contrastare la crisi climatica.

Al Governo si chiede di collaborare con i territori e le comunità locali per definire comuni strategie che devono prevedere di  investire maggiormente nelle rinnovabili, eliminando del tutto i sussidi alle fossili  in linea con l’obiettivo di 1.5 °C e autorizzando entro un anno 90 GW di nuovi impianti green da realizzare entro il 2026. Inoltre è necessario approvare con urgenza un decreto sblocca rinnovabili per sostituire le centrali a gas in modo da diminuirne i consumi di 36 miliardi di m3 all’anno entro il 2026. Vanno fatti interventi a sostegno della mobilità sostenibile, aumentando il numero delle colonnine, sostituendo treni e autobus inquinanti con veicoli elettrici, ampliando nelle città le piste ciclabili e le zone verdi ed eliminando i sussidi per l’acquisto delle auto non elettriche. Devono inoltre essere definite precise strategie e un piano nazionale dedicati all’economia circolare, investendo prima di tutto in nuovi impianti per il riciclo e il riuso.

I cittadini devono impegnarsi maggiormente facendo scelte più sostenibili nella propria quotidianità – muovendosi in bicicletta o con i mezzi, coltivando orti urbani, stando attenti alla spesa – facendo una corretta raccolta differenziata, diventando prosumer, quindi protagonisti di un nuovo modello energetico incentrato sulle rinnovabili, in cui siano produttori e consumatori.

Giornata della terra, maratona digitale per celebrarla

In Italia Earth Day e Movimento dei Focolari propongono una maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet che per 14 ore sarà trasmessa su Rai Play, collegandosi a numerosi altri programmi Rai in una staffetta mediatica che, a partire, che dalla Nuvola di Fuksas di Roma, sarà animata da associazioni, istituzioni, esponenti del mondo della scienza e della cultura e dedicata a temi di educazione ambientale, tutela della natura e sviluppo sostenibile, solidarietà, partecipazione. L’Auditorium della Nuvola di Fuksas coinvolgerà ospiti sia in presenza che collegati da remoto in 13 diversi momenti in cui i giovani saranno spesso protagonisti.

Tutti nel corso della giornata potranno partecipare e interagire attraverso gli hashtag: #OnePeopleOnePlanet,  #OPOP22, #IoCiTengo, #EarthDay2022, #EarthDay, #GiornataMondialedellaTerra, #Agenda2030, #GlobalGoals, #focolaremedia, #focolaritalia.

Giornata mondiale della terra, il murales realizzato a Milano, in Via Marghera, 20
Il murales realizzato a Milano, in Via Marghera, 20

Tra le tante iniziative di sostegno Treedom, la piattaforma web che permette di piantare un albero a distanza e seguirlo online, si impegna con la campagna di sensibilizzazione “We Grow Trees”: in tre grandi città d’Europa, Londra, Berlino e Milano, saranno realizzati oggi spettacolari murales ecologici di alberi, a grandezza naturale. La campagna coinvolge  tutti i paesi europei e terminerà il 5 giugno – Giornata Mondiale dell’Ambiente – e l’obiettivo è di piantare in questo periodo 20.000 alberi. Tutti potranno partecipare attivamente: sui murales ci sarà un codice QR che si potrà scansionare per atterrare sul sito della campagna. Per ogni albero piantato dagli utenti Treedom si impegna a piantarne un altro.

Stop Global Warming

Nel 2020 proprio in occasione della Giornata della Terra è stata l’iniziativa Stop Glabal Warming, promossa da Marco Cappato (tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e fondatore del movimento di cittadini europei sullo sviluppo sostenibile EUMANS), ed esperti come Alberto Majocchi (Professore Emerito di Scienza delle Finanze all’Università di Pavia) e Monica Frassoni (co-Presidente del Partito Verde Europeo), che ha l’appoggio di 27 Premi Nobel e 5.227 scienziati.

Marco Cappato, stop global warming

L’obiettivo è di raccogliere un milione di firme, in almeno 7 Paesi membri UE, da presentare alla Commissione Europea con la richiesta di strutturare una proposta legislativa per fermare il riscaldamento globale, tassando le emissioni di CO2. “Chi emette anidride carbonica in Europa pagherebbe un prezzo a tonnellata e il ricavato andrebbe a beneficio dei lavoratori, con una riduzione delle tasse in busta paga”.

I 5 pilastri della Giornata della Terra

  • Continua la sfida del Canopy Project che dal 2010 ha piantato milioni di alberi in tutto il mondo per combattere la deforestazione e aiutare le comunità più povere.
  • Prosegue la campagna Foodprint volta a misurare gli impatti ambientali associati alla coltivazione, produzione, trasporto e conservazione del cibo, dalle risorse naturali consumate all’inquinamento prodotto ai gas serra emessi.
  • Tutti possiamo e dobbiamo contribuire a “pulire” il mondo, raccogliendo rifiuti e cambiando le nostre abitudini di consumo
  • Investire in tutte le scuole di ogni ordine e grado nell’alfabetizzazione climatica e ambientale che creerà sviluppo economico, posti di lavoro e aiuterà a risolvere il cambiamento climatico
  • A partire da aprile 2020, Global Earth Challenge™ coinvolge milioni di persone integrando dati scientifici provenienti da diversi progetti per capire come affrontare il cambiamento climatico. Una parte degli studi è dedicata a capire come stanno cambiando le popolazioni di insetti come le api.

Articolo aggiornato

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento