IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Muffa: cause e soluzioni per eliminarla da casa

Muffa: cause e soluzioni per eliminarla da casa

La presenza di muffa in casa è un problema diffuso e con cui tutti si trovano molto spesso a dover combattere. Ma di che cosa si tratta esattamente? Come si può intervenire per eliminare la muffa sui muri di casa?

A cura di: Arch. Gaia Mussi


 

Indice degli argomenti:

Il termine muffa è un modo generico per indicare diversi microrganismi che proliferano negli ambienti confinati. Si tratta principalmente di funghi, che si possono presentare con colori e aspetto differenti. Questi microrganismi sono molto resistenti e spesso sono trasportati dall’aria. Una volta che si trovano in un locale chiuso e con le condizioni ideali, proliferano, compromettendo la qualità dell’aria.

Muffa in casa: di che cosa si tratta?

La muffa in casa rende gli ambienti malsani e può provocare disturbi respiratori, nonché allergie, attacchi d’asma e altri disturbi come il mal di testa. Proprio per questo, è importante affrontare il problema nel modo corretto, risalendo alla radice e ripristinando le condizioni di comfort. I motivi per cui si manifesta la muffa sui muri sono diversi, tutti legati al tasso di umidità e alla temperatura che si registrano in un ambiente. Che la causa siano infiltrazioni d’acqua, piuttosto che umidità di risalita, se un ambiente è umido e poco ventilato è soggetto alla formazione di muffa.

 

Multipor Compact è un pannello isolante, proposto da Ytong

Multipor Compact è un pannello isolante, proposto da Ytong, ecocompatibile e particolarmente adatto alla risoluzione di problemi di muffa. Sottile e leggero, si presenta come soluzione per le abitazioni esposte a umidità e con scarsa ventilazione 

La causa principale della presenza di muffe: l’umidità

Sono moltissime le abitazioni che soffrono problemi di umidità, dannosa sia per l’edificio, che per la salute delle persone che lo vivono. Ci sono diverse tipologie di umidità, in base a come si diffonde e a dove si manifesta. Individuare di quale umidità si tratta e risalire alla radice del problema è fondamentale se si vuole mettere in atto una soluzione efficace per risolvere anche i problemi della muffa sui muri.

L’umidità di risalita, come dice il nome, consiste nell’ascensione di acqua lungo le pareti dell’abitazione, a partire dal terreno. Per il fenomeno di capillarità e per la capacità delle murature di assorbire acqua, questa risale e provoca la formazione di macchie, muffe e il deposito di sali che, evaporando, distaccano l’intonaco.

L’umidità da condensa, invece, si forma per il cambiamento di stato del vapore acqueo, che con uno sbalzo improvviso di temperatura diventa liquido. La condensa è un problema molto insidioso in diversi punti dell’edificio, come all’interno delle murature, in corrispondenza dei solai o degli infissi. Dove si verifica il fenomeno della condensa? Essa interessa soprattutto i muri perimetrali, i pavimenti e i soffitti. Non è escluso che l'umidità possa intaccare anche i mobili di casa, in particolare modo gli armadi e tutti gli angoli dove vi è una scarsa circolazione d'aria. Ponti termici (nodi costruttivi tra pilastri e parete), scarsa ventilazione e errori di costruzione possono essere la causa della condensa, che a sua volta provoca la formazione di muffe.

 

sistema di regolazione R-Tronic di Oventrop

Rileva il livello di CO2 e quelli dell’umidità relativa: il sistema di regolazione R-Tronic di Oventrop è pensato per ottimizzare i consumi e il clima domestico.

 

Le infiltrazioni, infine, sono dovute all’ingresso dell’acqua attraverso punti deboli o scoperti della struttura. Le zone più esposte sono le strutture attraverso cui passano gli impianti oppure punti come le fondazioni, ovvero quelle strutture a contatto con il terreno.

 

FC05, di Ferri, è una malta eco-compatibile di calce naturale Per ridurre i problemi di umidità è importante che le strutture “respirino”. FC05, di Ferri, è una malta eco-compatibile di calce naturale che garantisce traspirabilità alle murature in laterizio, tufo e pietra. Viene utilizzata per il rinzaffo ed è indicata come adesivo per intonaci di Biocalce. 

Come combattere l’umidità

Se compare della muffa in casa, quindi, molto probabilmente c’è un problema di umidità. Ma come fare una corretta diagnosi, così da attuare soluzioni efficaci e non solo temporanee? Per fare ciò, esistono delle tecniche di indagine che, grazie al supporto di appositi strumenti, permettono di individuare la presenza di umidità e acquisire consapevolezza in merito alla reale soluzione.

Uno strumento molto utile, ad esempio, è il termometro ad infrarossi, che permette di rilevare l’umidità in un ambiente. Un’altra tecnica di indagine utile è la termografia, che grazie alla rilevazione delle diverse temperature delle strutture, permette di comprenderne le condizioni.

 

Il termometro a infrarossi 835-H1 di Testo per individuare umidità negli edifici

Il termometro a infrarossi 835-H1 di Testo permette di individuare la presenza di umidità nell’edificio e fornisce informazioni anche sul rischio di formazione di muffa e sul punto di rugiada

 

Una volta individuata la presenza di umidità, si interviene per salvaguardare le murature ed eliminare il problema.

Come togliere la muffa dalle pareti?

Nel caso di umidità di risalita è possibile operare l'eliminazione delle muffe mediante una barriera meccanica, inserendo una guaina impermeabilizzante e creando un distacco nella muratura che impedisce la risalita dell’acqua.

Un’alternativa è la barriera chimica, ovvero l’utilizzo di appositi prodotti da iniettare nella muratura per combattere la presenza dell’acqua. Per proteggere la struttura dalla condensa, invece, può essere utile un sistema isolante a cappotto che risolva i ponti termici o installare la ventilazione meccanica, per garantire i giusti ricambi d’aria negli ambienti. Infine, eliminare le infiltrazioni significa proteggere i punti deboli della struttura e le parti esposte alle infiltrazioni. Nel caso delle strutture a contatto con il terreno si possono realizzare delle intercapedini d’aria, installare barriere impermeabilizzanti o iniettare barriere chimiche.

Infine, risolto il problema di umidità, è possibile eliminare le muffe formatesi negli ambienti, in commercio ci sono diversi prodotti adatti a questo scopo. Innanzitutto è sempre importante garantire traspirabilità alle superfici, utilizzando, ad esempio, degli intonaci termoisolanti o deumidificanti e pitture traspiranti. Vi sono poi apposite pitture antimuffa e naturali, anche ecologiche, e i prodotti funghicidi.

 

Consilex Muffa Remover, di Azichem, prodotto antimuffa

Consilex Muffa Remover, di Azichem, è un prodotto che elimina muffe, funghi, muschi, alghe, licheni e batteri, adatto anche interventi bioedili e di restauro storico. Composto di sali di ammonio quaternario, è ecologico e a lenta biodegradabilità

Proteggere gli ambienti dall'umidità di condensa

Come dicevamo, tra gli approcci per combattere il problema dell'umidità da condensa è possibile realizzare un cappotto termico oppure installare un sistema di ventilazione meccanica controllata. Ma anche la corretta prevenzione può contrastarne l'insorgenza, salvaguardando oggetti e ambienti della casa.

Grazie al cappotto termico è possibile eliminare il problema dell'umidità, rendendo l'aria degli ambienti più salubre con il vantaggio di godere di una casa gradevolmente calda d'inverno è fresca d'estate.

 

Rockwool propone il nuovo sistema per l'isolamento a cappotto REDart

Il sistema per l'isolamento a cappotto REDart  di Rockwool assicura la massima libertà di progettazione per ogni edificio garantendo inoltre ridotti tempi di intervento


Per quanto riguarda la struttura interna della casa, al fine di prevenire la formazione dell'umidità di condensa e relativa insorgenza di muffe e batteri, si consiglia di rivestire gli ambienti con pannelli isolanti realizzati in materiali non danneggiabili dall'umidità come il sughero o il polistirene.

Un altro metodo è quello della ventilazione meccanica controllata, una soluzione pensata per avere aria fresca e priva di batteri. La ventilazione meccanica va a ovviare il problema del ricambio di aria costante: insieme al corretto isolamento termico è possibile controllare meccanicamente l'aria in entrata e uscita, controllando i livelli di umidità e lasciando gli ambienti sempre puliti.

 

Il sistema di ventilazione meccanica controllata Homevent di Hoval

Il sistema di ventilazione meccanica controllata Homevent di Hoval garantisce aria fresca in casa 24 ore su 24: con il suo innovativo scambiatore di calore entalpico Homevent recupera il calore permettendo la gestione dell’umidità negli ambienti domestici

 

È possibile prevenire la formazione dei ponti termici scegliendo adeguatamente i serramenti e optare per vetri termoisolanti: è importante cercare una soluzione che consenta il mantenimento delle condizioni di isolamento termico, eliminando la dispersione di calore e mantenendo alte le prestazioni energetiche.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
27/02/2020

Risparmio energetico diventa obbligo per Italia, via libera Palazzo Chigi a decreto efficienza

Approvato dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e del ministro per gli Affari europei Vincenzo Amendola, il provvedimento per l’attuazione della direttiva Ue. Tra i punti qualificanti, ...

14/02/2020

La serra bioclimatica per il risparmio energetico, un progetto di ENEA

ENEA lancia un nuovo progetto sostenibile realizzando una serra bioclimatica con orto idroponico finalizzata allo studio e alla valutazione delle nuove prestazioni energetiche della “Scuola delle Energie”, l’edificio su ...

10/02/2020

Troppo alto il consumo di energia in UE, lontano l’obiettivo di efficienza energetica 2020

Nel 2018 il consumo energetico nell'Unione Europea è rimasto stabile. Rispetto agli obiettivi di efficienza energetica al 2020 il consumo di energia primaria e finale è superiore del 5% e del 3%       Indice degli ...

07/02/2020

È nato PaesEnergia, lo strumento per il calcolo completo dell’efficienza energetica

PaesEnergia, il primo WikiPortale che ti permette di calcolare l’efficienza energetica dell’edificio e di selezionare le soluzioni più adatte all’intervento, è finalmente realtà. Vediamo di cosa si ...

05/02/2020

Contributi ai comuni per interventi di efficienza energetica e sviluppo sostenibile

Pubblicato il DM 30 gennaio 2020 con i fondi assegnati ai comuni nel triennio 2021-2024. I contributi per un totale di 500 milioni di euro l’anno, sono ripartiti a seconda della popolazione residente. Inizio lavori entro il 15 ...

30/01/2020

Le linee guida del protocollo Rete Irene - CasaClima a Klimahouse 2020

In occasione della appena trascorsa edizione di Klimahouse sono state presentate le linee guida del protocollo Rete Irene - CasaClima, uno strumento che guida i progettisti nella realizzazione di interventi di riqualificazione energetica efficaci dei ...

02/01/2020

Efficienza energetica: EcoHouse presenta materiali e tecnologie a Progetto Fuoco

In occasione di Progetto Fuoco, la più importante fiera dedicata alla produzione di calore ed energia dalla combustione di legna, sarà possibile avvicinarsi al mondo delle tecnologie efficienti, sostenibili e innovative e ai materiali legati al ...

02/12/2019

Diagnosi energetica: da obbligo a volano dell’efficienza energetica

Il 5 dicembre scade l’obbligo di diagnosi energetica per le grandi imprese e le energivore. È una misura per fare efficienza energetica, valida per tutte le aziende   a cura di Vittorio Gabrielli       Indice degli ...