ABB: la fabbrica di Dalmine si aggiudica il riconoscimento Mission To Zero

ABB

La fabbrica di Dalmine di ABB rappresenta un esempio nella riduzione delle emissioni. Si tratta, infatti, del primo stabilimento italiano di ABB che, grazie all’impiago di tecnologiche e digitalizzazione, è riuscito ad ottenere il riconoscimento di fabbrica Mission To Zero con una riduzione del 25% delle emissioni di CO2 del sito produttivo.

ABB: la fabbrica di Dalmine si aggiudica il riconoscimento Mission To ZeroObiettivo finale di ABB è il raggiungimento della “carbon neutrality” in tutte le sue attività entro il 2030 e il riconoscimento Mission To Zero della fabbrica di Dlamine è già un grande passo in avanti verso la transizione totale. Come è stato possibile arrivare fin qui? Grazie alla digitalizzazione e all’adozione di tecnologie per l’efficientamento energetico che hanno dimostrato come una fabbrica non debba necessariamente essere di nuova costruzione per poter essere sostenibile.

Mission to Zero: di cosa si tratta?

Il programma Mission to Zero si pone l’obiettivo di creare esempi di siti produttivi a basse emissioni per poterli replicare in tutto il mondo, sia in strutture nuove che esistenti, attraverso una serie di attività volte ad ottimizzare la sostenibilità quali:

  • riduzione delle emissioni di CO2
  • conservazione delle risorse
  • supporto ai clienti che vogliono raggiungere i propri obiettivi di sostenibilità.

Alessandro Palin, presidente della Divisione Distribution Solutions di ABB, ha detto: “I nostri clienti vogliono rendere le loro supply chain più sostenibili e si rivolgono sempre più spesso a noi per le dichiarazioni ambientali di prodotto EPD (Environmental Product Declaration). Lo stabilimento di Dalmine è oggi un modello replicabile dai nostri clienti: è un esempio positivo di come tecnologie innovative e digitalizzazione possono ridurre le emissioni del 25% – un risultato notevole. In ABB collaboriamo con i nostri clienti per ridurre le loro emissioni annuali di CO2 di oltre 100 mega tonnellate entro il 2030, l’equivalente delle emissioni generate da 30 milioni di auto a combustione. Riducendo le emissioni ed eliminando i rifiuti in tutta la nostra catena di approvvigionamento, sosterremo i clienti nel realizzare i loro obiettivi di sostenibilità.”

Il caso del sito di Dalmine di ABB

Il sito produttivo di Dalmine, nonostante fosse già alimentato con il 100% di energia verde da fonti rinnovabili certificate da Enel Green Power, ha potuto raggiungere lo status di Mission to Zero attraverso la dotazione dei tre edifici della fabbrica di 4.000 mq di pannelli fotovoltaici che generano una potenza di 900 kWp.

L’energia prodotta riesce a fornire circa il 20% del fabbisogno energetico della fabbrica e a bilanciare i picchi di domanda del sistema di aria condizionata durante i mesi estivi.

Per garantire la massima efficienza di funzionamento il sistema fotovoltaico collabora con la piattaforma ABB Ability™ Energy and Asset Manager che, attraverso più di 70 sensori installati in tutto il sito, monitora il consumo di energia individuando le inefficienze ed evidenziando le opportunità di risparmio.

L’approccio adottato in termini di attività produttiva è quello dell’economia circolare, con un team dedicato che analizza e certifica i prodotti fornendo il loro Life Cycle Assessment (LCA) e le dichiarazioni ambientali di prodotto (EPD).

Grazie a tuti questi interventi è stato possibile ridurre le emissioni di CO2 di circa 2.200 tonnellate negli ultimi due anni.

Le iniziative sociali dello stabilimento

Inoltre, lo stabilimento di Dalmine è da tempo impegnato nella promozione attiva del progresso sociale collaborando con il sistema educativo del territorio per avvicinare i giovani al mondo del lavoro, grazie a progetti educativi a supporto della formazione tecnica e dello sviluppo di competenze specialistiche, e sostenendo il progetto Workplace Health Promotion (WHP) per la promozione di buone pratiche per la salute dei dipendenti, tra cui ad esempio la lotta al fumo e l’incentivo della corretta alimentazione e dello stile di vita sano.

“Fondamentale per il raggiungimento di questo importante risultato per il nostro stabilimento, oltre alle innovative tecnologie ABB installate, è stato il coinvolgimento attivo dei dipendenti che supportano le pratiche sostenibili nelle loro attività di tutti i giorni, ad esempio attraverso il corretto smaltimento dei rifiuti e un utilizzo più attento di carta e plastica” dice Massimiliano Callioni, Direttore dell’unità produttiva di Dalmine. “Vogliamo che i nostri dipendenti si sentano parte del futuro di ABB, supportando la strategia di sostenibilità e non solo; per questo ci impegniamo per offrire un ambiente di lavoro attento alle loro esigenze e piani di formazione trasversali che coprono sia l’ambito delle soft skills che quello delle competenze tecniche specifiche del ruolo ricoperto.”

Consiglia questo comunicato ai tuoi amici

Tema Tecnico



Altri articoli riguardanti l'azienda

Notizie dall'Azienda

ABB produce nelle seguenti categorie